in

5 auto elettriche usate per sfruttare l’efficienza coreana

Hyundai Ioniq elettrico

I produttori Kia e Hyundai, appartenenti allo stesso gruppo, sono entrati con discrezione nel mercato francese delle auto elettriche. Di tanto in tanto i primi modelli sono diventati convenienti.

Per memoria

Prima delle auto elettriche coreane introdotte in Francia: Kia Soul EV SUV† Era il 2014. Il produttore era allora molto discreto riguardo all’elettromobilità. Non esattamente pubblicità o pressione da parte dei consulenti di vendita del marchio, ma un feedback iniziale molto positivo da parte degli utenti pionieri.

Questa corrente è stata abbastanza potente da consentire ai giornalisti che hanno familiarità con l’elettricità di interessarsi da vicino a questo modello. È stato un po’ come se il produttore avesse fatto divertire i suoi ingegneri con una semplice istruzione: progettare un veicolo elettrico come vorresti.

Abbiamo quindi scoperto un’auto che aveva già molto successo, molto ben equipaggiata e originale, ma anche molto efficiente per le sue dimensioni. Due anni dopo, Hyundai ha lanciato la sua berlina elettrica Ioniq che ha convinto anche i suoi utenti.

In retrospettiva, si è scoperto che le batterie delle auto coreane resistono abbastanza bene ad anni e decine di migliaia di chilometri e mantengono una buona capacità per lungo tempo.

Kia Soul EV: meno di 15.000 euro

Con la sua batteria da 27 kWh, il Soul EV ha un’autonomia di 212 km NEDC, di circa 250 km utilizzando il pacchetto da 30 kWh a marzo 2017. Sul campo, oggi è meglio affidarsi a soli 140 km nel ciclo misto, fatta eccezione per gli appassionati di eco-guida. Il top di gamma Ultimate offre sedili riscaldati in pelle sui 4 sedili principali, nonché un sistema audio Harman Kardon combinato con anelli luminosi attorno agli altoparlanti anteriori.

Kia Soul EV

La guida del veicolo è generalmente molto sana e la macchina riesce ad inghiottire bene strade tortuose su terreno asciutto. Evitare invece di montare pneumatici difettosi, che causerebbero comportamenti sorprendenti se la strada è scivolosa. Come l’impressione di accelerare quando la macchina non trova più presa e la rigenerazione viene rilasciata all’improvviso.

Questo modello è ora sotto i 15.000 euro. Prima che si osservasse l’attuale aumento dei prezzi nel mercato dei veicoli elettrici di seconda mano, era possibile trovarne uno sotto i 12.000 euro. Il must: Soul EV Ultimate 30 kWh con tetto panoramico in vetro. Ma è più costoso. Attenzione: ricarica rapida secondo lo standard CHAdeMOè destinato a diminuire nei prossimi anni.

Hyundai Ioniq: meno di 15.000 euro

La berlina Hyundai Ioniq, apparsa sul mercato di tendenza francese nel 2016, ha inaugurato la gamma di modelli disponibili in versione ibrida, ibrida ricaricabile e 100% elettrica. Quest’ultimo è immediatamente riconoscibile nella parte anteriore per la sua griglia integrale. I primi utilizzatori hanno apprezzato anche la dotazione e l’eccezionale efficienza di questo modello, che però oggi non sarà facile trovare di seconda mano.

Già nuovo in Francia a causa di un numero relativamente basso di copie vendute. Poiché i SUV sono più popolari, i prezzi dell’usato per questa berlina a volte sono scesi piuttosto bassi, flirtando con 10.000 euro. Abbastanza per trovare rapidamente acquirenti con prezzi del carburante galoppanti.

Hyundai Ioniq elettrico

I conducenti elettrici che utilizzano la carta di guida ecologica hanno raggiunto un consumo di carburante eccezionalmente basso con la Ioniq elettrica con una singola carica. Anche con la prima batteria da 28 kWh, alcuni utenti superano ancora i 250 km in estate e si avvicinano ai 200 km in inverno. Per precauzione, calcola almeno cinquanta chilometri in meno. Prestare attenzione al set di paddle sul manubrio per regolare rapidamente la potenza di rigenerazione e ottenere il minor consumo.

Per il 2020, la Hyundai Ioniq elettrica ha subito cambiamenti significativi, inclusa una capacità energetica aumentata a 38,3 kWh. Da qui la possibilità di raggiungere i 300 km di autonomia, e anche di più nelle migliori condizioni. Inoltre, con la nuova dotazione, un touchscreen da 10,2 pollici più leggibile e utilizzabile.

Sono principalmente il cruise control adattivo e l’assistente di corsia che le opinioni negative raccolgono. Tanto vale farne a meno, perché non molto utile.

Kia e-Soul: da 25.000 euro

La Kia e-Soul arriverà in Francia nel 2019 per sostituire il Soul EV. Se viene mantenuta la forma complessiva della carrozzeria, il nuovo SUV elettrico apporterà miglioramenti significativi. E questo è particolarmente vero per la batteria. Due le opzioni per le gamme WLTP nel ciclo combinato di 277 o 452 km: 39 o 64 kWh, rispettivamente alimentate da un motore da 100 o 150 kW.

Con la migliore configurazione ora è possibile viaggiare lontano e prendere l’autostrada in modo meno stressante. La sobrietà rimane rilevante, a condizione che tu pratichi la guida ecologica. Se si guida a tutti i costi a 110 km/h con vento contrario, il consumo di carburante può arrivare fino a 20 kWh/100 km. Con il piede più leggero è possibile sentirsi a proprio agio su queste strade con non più di 15 kWh/100 km.

La nuova macchina ha adottato: ricarica rapida dei CSS e i paddle sul manubrio per giocare sulla potenza rigenerativa. Diventa quindi possibile fermarsi senza toccare il pedale del freno, semplicemente esercitando una pressione sulla leva sinistra fino all’arresto.

Kia e-Anima

L’interno si è oscurato con l’ubiquità del nero. Il riconoscimento vocale ha fatto un enorme balzo in avanti. Che è prezioso per indicare una destinazione lontana. Ad esempio, il GPS può portarti a Esté Brieulque. Sta a te capire che è Saint-Brieuc! Gli aiuti alla guida sono davvero migliorati e sono stati fatti seri sforzi nell’area della trazione su strade scivolose.

Attualmente sarà difficile trovare un’unità da 64 kWh a meno di 30.000 euro oltre alla versione entry-level. Sebbene risponda al telefono con pazienza e rapidità…

Hyundai Kona elettrica: da 20.000 euro

Con la Kona, Hyundai ha persistito nella sua idea di offrire un SUV ibrido, PHEV e 100% elettrico. Ma poi è apparso chiaro che il gruppo, insieme al marchio Kia, voleva continuare con il concorrente Niro, al tempo stesso vicino e originale. Gli accoppiamenti pacco/motore (39 kWh/100 kW e 64 kWh/150 kW) si trovano già su e-Soul.

Ma il suo corpo più dinamico e pneumatici diversi per i modelli realizzati in Europa fornire a questa auto elettrica un’autonomia combinata WLTP fino a 484 km. Ancora una volta, gli utenti leggeri riescono a raggiungere quella stima. Sono anche estremamente soddisfatti di questa vettura la cui più grande debolezza è ancora una volta sul lato dell’assistenza alla guida.

Hyundai Kona

Come con i modelli Kia di oggi, il Lane Keeping Aid può essere pericoloso o quantomeno preoccupante. È indispensabile spegnerlo quando si guida su strade di campagna strette. In caso contrario, tende a sterzare nel veicolo che precede quando ti fermi a destra per facilitare l’attraversamento.

Inoltre, come con e-Soul ed e-Niro, tutte le impostazioni (potenza di rigenerazione, modalità di guida, mantenimento della corsia, ecc.) vanno perse ogni volta che si utilizza l’auto. Pertanto, prima di guidare, dovresti iniziare a riprodurlo. Immagina di dover regolare il sedile di guida ogni volta che lo usi: solo spiacevole alla lunga!

Per il comfort, l’atmosfera a bordo, l’ergonomia dell’operazione, ecc. : la Hyundai Kona elettrica è davvero un modello molto accattivante. Si noti che la macchina è stata sottoposta a restyling all’inizio del 2021 ed è stata oggetto di un importante richiamo – a priori molto ben gestito – a causa del rischio di incendio della batteria.

Kia e-Niro: da 25.000 euro

Cugino della Hyundai Kona elettrica, la Kia e-Niro ha un ingombro leggermente più generoso: 4.375 x 1.805 m, rispetto a 4.205 x 1.800 m Per un’altezza simile (1,57 m per la Kona contro 1,56 m per e-Niro), il SUV elettrico di Kia ha un passo più lungo di 10 cm (2,7 vs 2,6 m).

Tutto questo significa che, se preferisci lo spazio a bordo, come famiglie e tassisti o conducenti di VTC, l’e-Niro ti interesserà sicuramente di più. Ad esempio, il bagagliaio può ingoiare tra 451 e 1.405 litri di bagaglio, a seconda che tu abbia sacrificato o meno il sedile posteriore. Per fare un confronto: con la Hyundai Kona, le cifre scendono a 332 e 1.114 litri.

Kia e Niro

La scelta dei gruppi batteria/motore è identica: 39 kWh/100 kW e 64 kWh/150 kW. Difficile distinguere i 2 cugini coreani trendy se non per stile e spazio a bordo.

A differenza di Hyundai, Kia ha scelto di non installare una pompa di calore per la Francia. Che molti lettori criticano. Tuttavia, durante il nostro test comparativo di gennaio 2019, a temperature invernalinon abbiamo riscontrato differenze significative nei consumi.

Il prezzo è forse l’ultimo argomento che ti condurrà preferibilmente alla Kona elettrica, che ogni tanto è disponibile a partire da 20.000 euro. Il che sarà molto difficile per l’e-Niro che si vede raramente sotto i 25.000 euro. Se il nuovo modello atterra tra qualche mese, è possibile considerare un calo di prezzo per questo SUV elettrico.

Trent’anni di magia, ma un equilibrio finanziario mediocre

Anthony Delaplace: “Sei il benvenuto per chiudere il cerchio” – Notizie