in

Aumento degli affitti: gli inquilini devono pagare di più, a cosa ha diritto il padrone di casa a causa dell’inflazione?

Revisione annuale degli affitti: per chi e quanto sarà l’aumento? Dopo la pubblicazione del nuovo indice legato all’aumento dell’inflazione, faremo il punto.

Il tuo affitto aumenterà presto? Il proprietario-locatore ha la possibilità di rivedere annualmente il proprio importo tenendo conto dell’indice di riferimento. Il nuovo IRL è stato appena pubblicato il 15 aprile dall’Istituto Nazionale di Statistica e Studi Economici (Insee). L’indice di 1ehm trimestre 2022 ora si attesta a 133,93, con un aumento annuo del 2,48%† Ricordiamo che è aumentato dell’1,61% rispetto al 4e trimestre 2021.

A quali condizioni si applica l’aumento?

Il tuo padrone di casa non può applicare un aumento maggiore. E può farlo solo a condizione che il contratto di locazione includa una clausola di revisione annuale dell’affitto, come previsto dalla legge sul controllo degli affitti.

Due opzioni: l’aumento è previsto a una data fissa nel contratto di locazione o può essere alla data di anniversario del contratto di locazione. Il padrone di casa ha un anno per attuare la modifica.

Questo indice di riferimento per l’affitto si applica agli immobili in affitto, anche arredati.

Il sito web servicepublic.fr spiega come viene calcolato l’IRL. Corrisponde alla media degli ultimi dodici mesi della variazione dell’indice dei prezzi al consumo al netto del tabacco ed al netto degli affitti. L’inflazione quindi pesa anche sull’affitto dei francesi, non solo sul loro carrello.

“L’ultimo picco di IRL è stato osservato nel quarto trimestre del 2018 (+1,74%)”, ricordano i nostri colleghi di BFMTV. I precedenti record per l’evoluzione dell’indice risalgono al 2012 (+2,24%) e al 2008 (+2,95% nel terzo trimestre).

Come calcolare l’aumento dell’affitto?

Per conoscere l’importo esatto dell’aumento dell’affitto, è necessario effettuare il seguente calcolo. Canone attuale X nuovo IRL del trimestre di riferimento del contratto / IRL dello stesso trimestre dell’anno precedente = nuovo canone.

Quindi, prendendo un affitto di 600 euro, l’affitto sale a 614 euro. 600 euro x (indice di riferimento affitto 1° trimestre 2022 / indice di riferimento affitto 1° trimestre 2021).

Il sito web dell’Agenzia nazionale per l’informazione abitativa (Anil) fornisce un simulatore per eseguire il calcolo in tre clic.

E se volessi sfidare un aumento?

Non tutti i proprietari applicano necessariamente questo diritto all’aumento. “Scoprono che gli affitti sono già molto alti o preferiscono mantenere i propri inquilini, soprattutto nelle aree in cui la domanda è bassa”, spiega Charlie Cailloux, consulente legale, a Franceinfo

Se vuoi contestare un aumento perché non corrisponde all’IRL, hai tre opzioni.

  • Scrivi una lettera raccomandata, su questo modello pubblicato su servicepublic.fr spiega i problemi che stai affrontando.
  • Se non c’è risposta, puoi inviare a mediatore di giustizia
  • Come ultima risorsa, hai un anno per andare in tribunale per controversie sulla protezione dalla data della revisione del contratto di locazione.

“Siamo in diretta”: Gilles Bouleau reagisce alla vicenda PPDA

A New York, “La Carte postale” di Anne Berest de Goncourt vince la versione americana