in

Aviazione: perché Safran Helicopter Engines sta reclutando vendicativamente

Lo stesso vale per Safran Helicopter Engines, importante produttore di apparecchiature, non dimentichiamolo, che conta quasi 6.000 dipendenti, il 40% dei quali ha sede nella sede di Bordes. Safran HE annuncia per quest’anno un piano di assunzione descritto da Frédéric Henrion, Direttore delle Risorse Umane, come “molto sostanzioso”…

Lo stesso vale per Safran Helicopter Engines, importante produttore di apparecchiature, non dimentichiamolo, che conta quasi 6.000 dipendenti, il 40% dei quali ha sede nella sede di Bordes. Safran HE annuncia un piano di reclutamento per quest’anno, definito “molto sostanzioso” da Frédéric Henrion, direttore delle risorse umane del gruppo.

In effetti, il volume annunciato sarebbe “senza precedenti” dai primi anni 2000. Le cifre sono davvero significative in quanto si parla di 800 persone in tutte le sedi dell’azienda.

Frédéric Henrion è il Direttore delle Risorse Umane del Gruppo Safran

Frédéric Henrion è il Direttore delle Risorse Umane del Gruppo Safran

UN TORRENTE

80% a Bordos

Si tratta, in concreto, di 300 assunzioni a tempo indeterminato, la metà delle quali, infatti, da settembre dello scorso anno. Il resto è suddiviso tra precari (200), tirocinanti (150) e studenti in apprendistato (anche 150) per i quali è previsto un forum speciale il 9 maggio.

Gli editori ti consigliano

Bordes dovrebbe accogliere “circa l’80%” di questi nuovi lavoratori, anche se anche il richiamo dell’aria per le operazioni di manutenzione ne trarrà grandi benefici nel sito di Tarnos Landes dove lavorano 1.500 persone

Il sito di Bordes dovrebbe accogliere l'80% dei nuovi dipendenti

Il sito di Bordes dovrebbe accogliere l’80% dei nuovi dipendenti

Torrente dell’Ascensione

Questa ottima notizia sul fronte social arriva dopo un lungo periodo di magra. “In realtà abbiamo avuto pochissime assunzioni per diversi anni”, riprende Frédéric Henrion, non senza ricordare “le crisi del 2013, 2017”, e ovviamente l’improvviso scoppio del Covid nel 2020.

700 motori nel 2022

Oggi Safran HE ha un nuovo piano di produzione di motori, stimato in 700 unità entro il 2022, a Bordes. Anche se “il livello di redditività del gruppo è stato mantenuto”, Safran era scesa solo a 600 unità entro il 2021.

Ovvero “il livello di ordini più basso degli ultimi 20 anni”, ricorda l’operatore, già colpito da un calo del mercato del 20% nel 2020. Promettenti anche le prospettive per le attività di manutenzione e riparazione, in quanto si parla di un aumento di circa 10 % nel numero di attività.

Gli editori ti consigliano

Le ragioni di questa forte rinascita sono ben identificate. Da un lato: “anche durante la crisi sanitaria, gli elicotteri, che sono più maneggevoli, hanno sempre continuato a volare”, riassume Frédéric Henrion. Inoltre, il mercato degli aeromobili più leggeri è stato in grado di adattarsi senza problemi alla nuova situazione, con diverse missioni: sicurezza, sorveglianza, trasporto pazienti, ecc.

A parte l’appetibile ordine di 169 elicotteri “Guépard” (cioè il doppio dei motori), ma che non saranno prodotti fino al 2025, questo contesto è molto favorevole per gli aerei operati da Safran (per Bell, Airbus e altri).

Inoltre, i motori della serie Ariel, Arrius, ecc., Prodotti a Bordes, si sono affermati da tempo.

Per non perdere il treno di recupero, Safran HE è quindi alla ricerca di nuove armi… proprio come tutti i suoi concorrenti. “Ecco perché bisogna agire in fretta e avere offerte interessanti”, afferma il direttore delle risorse umane, che vuole concludere l’affare entro la fine dell’anno.

Al via la “Decarbonizzazione dei siti”.

Sebbene l’elicottero non sia francamente il mezzo di trasporto più inquinante, Safran vuole fare la sua parte. Conosciamo i progressi della ricerca sui carburanti sostenibili, illustrati dai voli di prova di Airbus. Ma oltre a ciò, il gruppo francese parla anche di “sensibilizzazione” in termini di decarbonizzazione “dei nostri siti”, a Bordes, Tarnos, Buchelay e altrove (5.500 dipendenti con la filiale di Tolosa e rappresentanze internazionali). Nello specifico, nel Béarn, dove la bolletta energetica scenderà del 20%, entro la fine del 2023 molti pannelli fotovoltaici saranno installati sul sito di Eole. Inoltre, alla fine verranno messe a disposizione “diverse dozzine di stazioni di ricarica” ​​per i veicoli elettrici dei dipendenti. Infine è stato affrontato anche il tema della qualità della vita sul lavoro. Sono offerti diversi dispositivi e, ad esempio, è ora possibile una giornata di telelavoro settimanale illimitata.

Tornitori, mugnai…

Oltre alle esigenze legate al digitale, i posti vacanti attualmente da coprire coprono un lungo elenco di occupazioni (che si può trovare sul sito web di Safran). Si tratta di tanti ingegneri quanti “lavori in fabbrica, cioè un sacco di smerigliatrici, tornitori, mugnai”, dice l’azienda.

Le retribuzioni offerte per l’assunzione sono di 2.300 euro lordi mensili per un dipendente, 2.700 euro per il titolare di BTS e fino a 36.000 euro o addirittura 38.000 euro lordi annui per un dirigente alle prime armi, a seconda della professione svolta.

“Apollo 10 1/2”, Un’altra storia della conquista spaziale americana su Netflix

il Gran Premio di Miami annullato per un motivo ridicolo?