in

Azioni e tassi di interesse scendono sui timori per l’economia globale – 05-12-22 alle 14:11

AZIONI E PREZZI CADONO SULLE PAURE DELL'ECONOMIA MONDIALE

AZIONI E PREZZI CADONO SULLE PAURE DELL’ECONOMIA MONDIALE

PARIGI (Reuters) – Wall Street dovrebbe scendere all’apertura e le azioni europee sono scese a metà sessione di giovedì, gli investitori temono che l’inasprimento monetario della Federal Reserve (Fed) di fronte all’inflazione rallenterà l’economia. l’economia. i contratti sugli indici di New York indicano un calo dello 0,11% per il Dow Jones, dello 0,59% per lo Standard & Poor’s 500 e dell’1,05% per il Nasdaq.

A Parigi, il CAC 40 ha perso il 2,24% a 6.129,27 intorno alle 11,35 GMT. A Francoforte il Dax ha perso l’1,92% ea Londra il FTSE ha perso l’1,93%.

L’indice paneuropeo FTSEurofirst 300 è sceso dell’1,6%, l’EuroStoxx 50 della zona euro è sceso del 2,17% e lo Stoxx 600 è sceso dell’1,78%. negli Stati Uniti, che ad aprile si attestavano all’8,3% su base annua, è il principale motore del calo generale dei rendimenti azionari e obbligazionari.

“I mercati temono che, cercando di domare l’inflazione, le banche centrali possano innescare una recessione o per lo meno una forte recessione economica. Se si guardano i dati sui prezzi al consumo, potrebbe essere un po’ troppo presto per vedere un aumento dell’inflazione annunciata”. disse Luc. Filip presso SYZ Private Banking.

Il rilascio, alle 12:30 GMT, dei prezzi alla produzione negli Stati Uniti dovrebbe alimentare il dibattito sulla posizione dei tassi Fed.

VOTA

I rendimenti dei titoli di Stato sono diminuiti drasticamente, con il decennale tedesco che ha perso 14,1 punti base allo 0,86% e il suo equivalente francese di oltre 25 punti all’1,39%, entrambi al livello più basso dal 29 aprile.

Negli Stati Uniti, anche le statistiche sull’inflazione statunitense hanno avuto l’effetto di accentuare l’appiattimento della curva dei rendimenti dei Treasury: lo spread tra i rendimenti a due e a 10 anni è sceso sotto i 10 punti base nella sessione di mercoledì, il più basso in quasi due settimane. Ora è intorno alle 24.63.

I rendimenti dei Treasury a dieci anni sono mostrati al 2,8299% contro il 2,9246% alla chiusura di mercoledì.

VALORI DI WALL STREET DA SEGUIRE

I titoli growth dovrebbero nuovamente pesare sulla sessione statunitense, in particolare il Nasdaq Composite che mercoledì era già in ribasso di oltre il 3%.

Nel trading in piazzale, Meta, Microsoft, Alphabet, Apple, Amazon e Tesla sono scese dell’1% al 2,1%.

Il titolo Apple è sceso del 5,2% il giorno prima, perdendo il posto della prima capitalizzazione di mercato mondiale a favore di Saudi Aramco. Il colosso petrolifero, che ha beneficiato del forte aumento del prezzo del petrolio, ha una capitalizzazione di circa 2,426 miliardi di dollari e Apple di 2,371 miliardi.

VALORI IN EUROPA

Tutti i settori europei sono in rosso sul mercato azionario, con i ribassi maggiori che vanno ai comparti basics (4,27%) e automotive (2,64%).

A Parigi, Kering, LVMH e Hermès, i pesi massimi dell’industria del lusso, hanno perso il 4,14% al 4,63%.

Tod’s è scesa del 5,83% quando il gruppo italiano di calzature di lusso ha annunciato che le misure di contenimento in Cina avevano pesato sulla sua performance di marzo.

A Francoforte, Commerzbank, Siemens e Heidelbergcement sono scese dal 2,9% al 5,12% dopo la pubblicazione dei loro risultati. Il produttore di semiconduttori STMicroelectronics è in aumento (+3,14%) dopo aver dichiarato di puntare a un fatturato annuo di oltre $ 20 miliardi (19,04 miliardi di euro) entro il 2027, grazie alla continua forte domanda da parte dei settori automobilistico e industriale e dei produttori di smartphone.

I CAMBIAMENTI

Favorito dal suo status di rifugio sicuro, l'”indice del dollaro”, che misura le variazioni della valuta statunitense rispetto a un paniere di riferimento, è in rialzo dello 0,63%, il massimo da quasi 20 anni.

L’euro è sceso di circa l’1% a $ 1,0411, il livello più basso da gennaio 2017.

La sterlina britannica ha toccato il minimo di due anni rispetto al dollaro dopo aver annunciato una crescita più debole del previsto per l’economia britannica nel primo trimestre e una sorprendente contrazione nel solo marzo.

Il contesto generale è sfavorevole anche per le criptovalute, a cominciare dal bitcoin, sceso a 25.401,05$ per la prima volta dalla fine del 2020.

IL PETROLIO

Il prezzo del petrolio torna a scendere a causa delle preoccupazioni economiche e dei timori di una recessione.

Il Brent ha perso l’1,05% a $ 106,38 al barile e il light crude statunitense (West Texas Intermediate, WTI) è sceso dello 0,92% a $ 104,74.

(Scritto da Laetitia Volga, a cura di Kate Enringer)

SoftBank riporta una perdita storica dopo un profitto record

Cac 40: La paura dell’inflazione negli Stati Uniti fa piegare il mercato azionario di Parigi