in

BMW sacrifica Android Auto e CarPlay a causa della carenza di semiconduttori

La BMW sta affrontando la carenza di semiconduttori. Per non ritardare troppo la consegna di nuovi modelli di veicoli, il produttore tedesco ha fornito modelli senza CarPlay e Android Auto, per mancanza di chip compatibili.

La carenza di semiconduttori non disturbare solo Apple e il suo iPhone† Anche le case automobilistiche stanno cercando di far fronte ai vincoli logistici e tecnici associati a questa situazione senza precedenti. Dopo Tesla, tocca alla BMW fare sacrifici per portare sul mercato nuovi veicoli nonostante tutto.

Infatti, CarPlay e Android Auto, i due aiuti alla navigazione di Apple e Google, sono abbonati assenti ad alcuni modelli forniti dalla BMW. †I chip integrati in queste auto nei primi quattro mesi di quest’anno dovranno essere aggiornati per essere completamente funzionanti e fornire funzionalità Apple CarPlay/Android Auto e Wi-Fidisse BMW in una lettera a Automotive News Europe† Di conseguenza, i nuovi modelli solitamente dotati di questi strumenti sono un po’ più stupidi rispetto al loro predecessore.

Un aggiornamento in ritardo

Sul forum francese mia-bmw.com, un acquirente spiega che le è stata data una BMW Serie 1 (118i) su cui non è stato possibile installare Apple CarPlay. Contattato, il produttore spiega che “il software del nuovo chip consentirà di realizzare solo un certo numero di funzioni. L’attivazione completa avverrà tramite un aggiornamento che avrà luogo a maggio 2022Altre testimonianze su modelli molto diversi riportano tutte la stessa osservazione: bisognerà attendere un aggiornamento per poter installare CarPlay e sfruttare il Wi-Fi.

Questo aggiornamento, che dovrebbe arrivare all’inizio di maggio, è un po’ una seccatura poiché alcuni utenti di Internet spiegano che la BMW non ha ancora ricevuto il tanto atteso software. Il marchio tedesco non vuole dire quali modelli di auto siano coinvolti. Anche diversi modelli della Mini (l’azienda di proprietà della BMW) sono privi di funzionalità.

La BMW è tutt’altro che la prima a essere colpita dalla carenza. fine 2021, è stato stimato che il settore automobilistico potrebbe perdere fino a $ 210 miliardi a causa di questi problemi logistici† Questi problemi di consegna hanno un impatto diretto sui clienti di oggi ed è improbabile che si interrompano immediatamente da allora il ritorno alla normalità non dovrebbe avvenire prima del 2024

Pubblicizza, i tuoi contenuti continuano qui sotto

Pubblicizza, i tuoi contenuti continuano qui sotto

Borsa di Parigi in pessime condizioni, torna quasi 6.000 punti – 05/09/2022 at 18:56

approfittano della caduta della regina