in

Cac 40: Vento di panico alla Borsa di Parigi, in calo del 2,75%

(BFM Bourse) – Il mercato azionario di Parigi continua a scendere verso nuovi minimi. Questo lunedì sera è il CAC 40 è sceso del 2,75%, il calo più grande dal 10 marzo, e ha chiuso sotto i 6100 punti. Dall’inizio dell’anno, l’indice di punta tricolore è quindi sceso di oltre il 15%.

Gli investitori vedono le prospettive di crescita in rapido deterioramento in un momento in cui la necessità di combattere l’inflazione non consentirà più alle banche centrali di sostenere generosamente l’economia. E nel mercato azionario si sta diffondendo un’ondata di panico. il CAC 40 ha chiuso questo lunedì a -2,75% a 6.086,02 punti in un volume scambiato di 3,7 miliardi di euro. L’indice delle stelle di Parigi non era diminuito così tanto da allora il 10 marzo (-2,83%)

La mossa ha conquistato tutti i mercati europei, Francoforte ha perso il 2,15%, Londra il 2,32%, Milano il 2,74% e il benchmark europeo, l’Eurostoxx 50 il 2,82%. Allo stesso tempo, i mercati statunitensi non sono stati risparmiati dal declino. A Wall Street, il Nasdaq ha accelerato la caduta, scendendo del 3,50% in occasione della chiusura europea, mentre il Dow Jones ha perso l’1,58% e l’S&P 500 ha perso il 2,43%. Per quanto riguarda le criptovalute, il Bitcoin è crollato al livello più basso da luglio 2021, circa $ 32.000 questo lunedì intorno alle 18:00.

Un movimento di panico alimentato dall’evoluzione della politica monetaria

L’evoluzione futura della politica monetaria resta la principale preoccupazione per gli investitori, sottolinea il team di strateghi di La Banque Postale Asset Management, così come il potenziale pericolo di un rallentamento dell’attività più pronunciato del previsto, o addirittura la possibilità di una recessione . Questa prospettiva ha guadagnato terreno anche alla fine della settimana con la Banca d’Inghilterra che prevede un calo del PIL dello 0,25% nel 2023, mentre l’inflazione rimarrebbe molto alta. “La prospettiva di una recessione in quanto l’inflazione diminuisce molto lentamente ha aiutato quasi tutte le classi di attività a scendere nell’ultima settimana. I tassi di interesse sono aumentati drasticamente, provocando un calo dei valori obbligazionari con il crollo dei mercati azionari. È probabile che questa volatilità rimanga molto presente”.

A questo proposito, LBPAM ritiene che “la prudenza dovrebbe prevalere nell’asset allocation”. “Riteniamo sia importante mantenere un’esposizione molto difensiva, favorendo comunque valutazioni ragionevoli delle azioni alla luce dei timori di crescita e dei tassi di interesse in aumento che abbiamo appena sperimentato. Allo stesso tempo, è importante notare che l’occupazione statunitense più recente i dati di aprile continuano a confermare la solidità del mercato del lavoro d’oltre Atlantico, che dovrebbe sostenere la crescita per un po’, anche se non riflette il rapido inasprimento dei posti di lavoro, dovrebbe consolidare la politica monetaria avviata dalla Fed”.

85% dei valori in rosso

In assenza di notizie economiche importanti, quasi l’85% dei principali titoli azionari di Parigi è sceso, sempre senza una chiara tendenza del settore, con i ribassi principali che sono andati a società di settori diversi come i servizi di pagamento (Worldline – 4,87%) o i titoli tecnologici (Dassault Systèmes – 4,78%), beni di lusso e cosmetici (-3,67% per L’Oréal) o infrastrutture edilizie elettriche e digitali (Schneider -4%). Anche le scorte petrolifere hanno vacillato Energie Totali cedendo il 4,87% sulla scia del calo di oltre il 5% del prezzo dell’oro nero tra i timori di un rallentamento della domanda cinese.

In questo contesto poco attraente, il settore sanitario sembra ritrovare l’attrattività del suo carattere difensivo. Di SanofìNe ha beneficiato Euroapi, lo specialista nella produzione di principi attivi farmaceutici, con un guadagno del 2,1% per la sua seconda seduta, mentre JPMorgan consiglia caldamente il titolo, che considera altamente scontato rispetto ai suoi pari. Un potenziale cliente (se i suoi progetti di sviluppo portano alla droga), Adozia, era anche ricercato lunedì: la biotecnologia con sede a Lione ha annunciato l’inizio di uno studio di fase 3 (fase finale degli studi clinici prima di una possibile commercializzazione) per la sua insulina ad assorbimento ultra rapido in collaborazione con Tonghua Dongbao, il primo produttore cinese di insulina. Il titolo è salito del 4,55%. Eurofins Scientific a sua volta ha vinto lo 0,3%.

Raro sopravvissuto tra i valori industriali, Alstom 1,9% ha vinto. Lo ha ordinato l’Autorità per i trasporti del Baden-Württemberg al gruppo francese 130 treni regionali Coradia Stream per 2,5 miliardi di euroescludendo un possibile aumento poiché a opzione è stato predisposto per ospitare fino a 100 treni aggiuntivi.

Gli operatori scommettono anche sul titolo Ateme, che firmerà per la quinta sessione consecutiva di guadagni, soprattutto a seguito dell’innalzamento del target di crescita per l’anno fiscale in corso tra il 15 e il 20%. Il titolo ha chiuso in rialzo del 4,63% a 14,02 euro.

Anche una delle rare progressioni significative, Europlasma più del 10% ha vinto dopo i risultati positivi nel riciclaggio dialluminio

Dopo essere saliti ai massimi dall’inizio di marzo di venerdì, i prezzi del petrolio sono scesi a $ 104 per il WTIA (-5,93%) e $ 106,84 per il Brent (-5,64%).

Per quanto riguarda il tasso di cambio, la zona di $ 1,05 è servita ancora una volta da supporto per ileuro che è tornato a circa $ 1,0570.

Sabrina Sadgui

©2022 Fiera BFM

Monitoraggio dei valori statunitensi a Wall Street (aggiornato) – 05/09/2022 alle 12:23

il loro bambino spende 2500 euro per l’influencer, Apple si rifiuta di rimborsare