in

“Chi vorrebbe utilizzare i servizi della francese Gefco, il cui principale azionista, la Russian Railway Company, partecipa allo sforzo bellico? †

Luc Nadal, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Gefco, a Parigi, nel 2012.

Perdite e guadagni. Il suo nome è Oleg Belozerov, a capo della Russian Railways Company (RZD) ed è stato nella lista dei boss sanzionati dagli Stati Uniti per quattro anni per i loro stretti legami con Vladimir Putin. Finora niente di speciale. Ma l’uomo è anche presidente del consiglio di sorveglianza della Gefco (Groupages express de Franche-Comté), l’azienda di trasporti francese fondata da Peugeot e partecipata al 75% da RZD da quando è stato firmato l’accordo con PSA nel 2012. Belozerov e RZD, o come sbarazzarsi di esso?

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Guerra in Ucraina: le aziende francesi in Russia sotto tiro per gli inviti al boicottaggio

I clienti hanno rinunciato ai servizi di Gefco, attiva in 41 paesi, tra cui la Francia (3.400 posti di lavoro), per un fatturato di 4,22 miliardi di euro. “La guerra ha causato grandi difficoltà” per la sua filiale russa, Luc Nadal, presidente del consiglio di amministrazione, riconosce in un’intervista a echi dal 24 marzo. Indipendentemente dalle sanzioni, ha affermato, il settore automobilistico, che rappresenta tre quarti delle sue attività, è colpito da carenze di elettronica e metalli e interruzioni della catena di approvvigionamento.

CMA CGM prenderebbe in considerazione un’acquisizione

Certamente, Gefco realizza solo il 2% del suo utile operativo in Russia. Ma chi vorrebbe utilizzare i servizi di un addetto alla logistica il cui principale azionista sta effettivamente partecipando allo sforzo bellico russo trasportando uomini e attrezzature ai confini dell’Ucraina? A Parigi, il Ministero dell’Economia e delle Finanze segue da vicino il caso. Un nuovo puzzle per Bercy, a differenza di quello di società che, invece, hanno investito molto in Russia, come TotalEnergies nella società del gas Novatek, Société Générale in Rosbank o Renault in AvtoVAZ.

Leggi anche PSA vende il 75% della sua controllata logistica Gefco alle ferrovie russe

All’inizio del 2021, RZD aveva deciso di cedere Gefco, di cui Stellantis possiede il 25% del capitale, e aveva persino incaricato le principali banche di investimento di portare a termine l’operazione. Nonostante le sanzioni imposte a Belozerov e alla stessa “SNCF russa”, anche dall’Unione Europea, “non vi è alcuna restrizione alla transazione, né legale né amministrativa”, dice il signor Nadal. Quale pensa il capo sarà la nuova tavola rotonda di un’azienda restituita? “sulla confezione” Aziende europee e americane del settore?

Diversi investitori sono interessati, anche se discreti in questi tempi turbolenti. CMA CGM sta valutando un’acquisizione. Numero tre al mondo nelle navi portacontainer, l’armatore marsigliese si sta rapidamente diversificando nella logistica, aiutato dall’eccezionale risultato di 17,9 miliardi di dollari (16,3 miliardi di euro) nel 2021. Dettaglio importante: per evitare passi falsi, il Tesoro francese informa la formidabile agenzia americana di monitoraggio delle sanzioni dello stato di avanzamento del file.

Mbappé prosciuga un’operazione con gli sponsor dei Blues e si giustifica

Borsa di Parigi: arriva la cavalleria