in

Come ha fatto Amazon a non pagare le tasse in Europa per anni?

Nonostante i 51,3 miliardi di fatturato sul suolo europeo nel 2021, il colosso digitale Amazon non paga tasse su questo reddito, grazie a una collaudata strategia di ottimizzazione fiscale.

Fondata quasi 20 anni fa, Amazon divenne rapidamente una delle aziende più potenti al mondo, con una capitalizzazione di mercato di oltre 1.566 miliardi euro. La multinazionale si è affermata in Europa nel 2006 con il nome di Amazon Eu Sarl e da allora ha continuato a crescere. La filiale europea ha realizzato un fatturato record di 51,3 miliardi euro. Eppure il colosso americano non ha dovuto pagare 1 euro di tasse.

Come ?

Questa elusione fiscale è possibile grazie a una strategia relativamente semplice. Le operazioni nazionali di Amazon in Europa sono centralizzate dalla sua società madre, con sede a Lussemburgo† Le filiali nazionali del colosso americano devono pagare un canone alla società lussemburghese per poter utilizzare il marchio.

I costi estremamente elevati di questa compensazione mettono i settori nazionali in una situazione di deficit. Come spiega il portavoce di Amazon: “L’imposta sulle società si basa sull’utile, non sul reddito”che quindi lo esonerale tasse

Tuttavia, la società madre lussemburghese, a sua volta, paga diritti di proprietà intellettuale non imponibili a una seconda società lussemburghese. Questo è quindi responsabile della ridistribuzione dei profitti della filiale europea di Amazon, in particolare al Delawareun paradiso fiscale americano.

Oltre ai risparmi realizzati, questa strategia fiscale ha consentito alla multinazionale americana di farlo 1.000 milioni euro in crediti d’imposta nel 2021.

Amazon non ha pagato tasse su 51,3 miliardi di euro di fatturato in Europa nel 2021> https://t.co/C66eZVP9co

— Phonandroid?ud83dudcf1ud83dudcf0u26a1 (@phonandroid) 22 aprile 2022

Una carenza per l’Europa

Se Amazon può risparmiare somme significative grazie all’ottimizzazione fiscale, ciò significa un deficit significativo per i paesi europei. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCBE) valuta questa mancanza tra 100 e 240 miliardi di dollari.

Contenziosi regolari

L’elusione fiscale di Amazon è ampiamente criticata, sia dalle persone che dai dirigenti, nonostante la sua legalità. Nel 2017, Bruxelles ha portato Amazon in tribunale in particolare, poiché i vantaggi fiscali concessi dal Lussemburgo erano a aiuti di Stato illegali† Tuttavia, il gigante digitale ha vinto l’appello ed è scappato 250.000 milioni imposta insolvente. L’organizzazione interglobale attaccodenuncia anche questa ottimizzazione fiscale affiggendo cartelli a Parigi.

Secondo Macron, i giganti digitali stanno ora pagando la loro giusta quota di tasse grazie a lui.

Prova ?
Amazon ha pagato ZERO € di imposta sulle società in Europa nel 2021, nonostante 51,3 miliardi di € di vendite, e ha persino ricevuto 1 miliardo di € di crediti d’imposta!https://t.co/D68OmLVUKP

— Attac Francia (@attac_fr) 21 aprile 2022

La tassa internazionale

Al fine di trovare una soluzione permanente a questo problema, è stato raggiunto un accordo tra 136 Paesi OCBE a tassa internazionale multinazionali A partire dal 2023quest’ultimo dovrà pagare un’aliquota d’imposta di 15% minimo.

Sochaux prende il 4° posto, Paris FC pattina, Nancy in prestito

Scopri cos’è un NFT in 14 domande