in

come la Francia è diventata la numero uno in Europa

Primo produttore per l’Italia, secondo esportatore mondiale, la Francia beneficia in particolare di un ecosistema variegato e di una domanda supportata dall’innovazione degli attori.

Le giornate di sole sono tornate e anche la voglia di gelato. In quest’area, la Francia sta chiaramente facendo bene, essendo il primo produttore europeo in valore con un mercato di 1,2 miliardi di euro nel 2020 davanti all’Italia, secondo uno studio di Xerfi.

Dal lato dei consumi le vendite sono in crescita una media del 3% annuo negli ultimi sei anni, passando da 1 miliardo di euro nel 2016 a 1,22 miliardi di euro nel 2021. Unica eccezione a questa crescita, l’anno 2020-2021 con un calo del 3,3%” dopo un anno eccezionale Il 2020 con un fatturato di 1,26 miliardi di euro, ma il 2021 è infatti il ​​secondo anno migliore per la categoria gelato.

“Negli ultimi 10 anni, il gelato ha guidato il mercato dei prodotti di consumo, in particolare dei prodotti surgelati (+7% tra il 2019 e il 2021), con una crescita media annua delle vendite del 2,9%. Stagione dopo stagione, continuiamo il nostro processo di innovazione durante tutto l’anno attirando sempre più consumatori”, afferma Sylvie Galliaerde, presidente dell’Associazione delle aziende del gelato.

Un’offerta varia

In totale, l’84% delle famiglie francesi afferma di consumare il gelato. In testa alle vendite il gelato in stecco (28% delle vendite, +12% in un anno) prima dei coni e il gelato in vaschetta. Come si spiega questa crescita costante del mercato?

“La Francia deve il suo rango a diverse caratteristiche che supportano la domanda, come l’emergere di macchine per il ghiaccio grazie a un clima favorevole e una forte attrazione turistica. O l’abbondanza di materie prime di alta qualità”, spiega Matteo Neri, direttore degli studi ed esperto in agricoltura. settore alimentare per Xerfi.

Stesso tono dell’associazione delle gelaterie che sottolinea “il connubio dei nostri beni: premiumizzazione, collezioni permanenti e stagionali, innovazioni, prodotti a valore aggiunto, know-how locale, materie prime di alta qualità…”

Il know-how locale è davvero una realtà. Ci sono 10 fabbriche in Francia che rappresentano il 72% del reddito del settore, per non parlare della grande quantità di artigiani.

“L’industria del gelato e del sorbetto ha registrato negli ultimi anni un continuo aumento del numero di esercizi (+31% tra il 2012 e il 2020). L’emergere dei piccoli industriali spiega in parte questo aumento e il settore si distingue dagli altri con un tasso molto elevato quota di costruzioni artigianali (circa il 90% delle aziende)”, dice Xerfi in abbondanza.

Incoraggiare il consumo tutto l’anno

Tuttavia, la società di ricerca sottolinea che le prime quattro aziende del suo panel rappresentavano l’80% del fatturato del settore nel 2020. Si tratta delle filiali dei principali gruppi (Froneri, Mars, ecc.) che hanno grandi siti produttivi in ​​Francia.

Le innovazioni di prodotto sono chiaramente un acceleratore. Secondo NielsenIQ, i nuovi prodotti generano in media un +11,7% di vendite. “Sviluppiamo forti innovazioni intorno all’ultra-delicatezza nei formati bar, stick e coni: aggiungere salse, giocare su consistenze, pezzi… Questo simbolo di cibo di confortoinsieme agli attuali codici grafici per le nostre confezioni, mira ad attirare nuovi consumatori tutto l’anno e registrare il gelato nei nuovi tempi di consumo”, spiega il settore.

Inoltre, secondo un sondaggio condotto lo scorso febbraio, il 52% dei francesi consuma gelato tutto l’anno.

Esportazione potente

Un’altra leva importante per il settore è l’export. “Il gelato francese è molto popolare all’estero e la Francia catturerà il 13% delle esportazioni mondiali di gelato nel 2020. Questi includono i prodotti di punta dei pesi massimi del settore (Froneri, Häagen Dazs o Mars Wrigley Confectionery). Quindi la Francia è al 2° posto .nella classifica degli esportatori mondiali di gelato, appena dietro la Germania. In questo contesto e nonostante un graduale calo negli ultimi tre anni, la bilancia commerciale francese del settore resta sostanzialmente in attivo (219 milioni di euro nel 2020)”, osserva Matteo Neri di Xerfi.

Per le prossime stagioni il settore vuole capitalizzare i propri punti di forza, giocare la carta della gola, ma anche cavalcare l’onda dell’etica.

Obiettivo, l’offerta di ricette vegane, gelato naturale, meno zucchero, packaging riciclabile, enfatizzare l’origine delle materie prime, produzione made in France… Il 70% dei francesi sarebbe quindi disposto a pagare di più per un gelato fatto con prodotti locali e/o prodotti naturali.

Olivier Chicheportiche Giornalista BFM Affari

Vita già migliore: riassunto della puntata di lunedì 18 aprile 2022 [SPOILERS] – Serie di notizie in TV

“Non ancora al 100%”, i monegaschi ai piedi del podio

in

come la Francia è diventata la numero uno in Europa

Primo produttore per l’Italia, secondo esportatore mondiale, la Francia beneficia in particolare di un ecosistema variegato e di una domanda supportata dall’innovazione degli attori.

Le giornate di sole sono tornate e anche la voglia di gelato. In quest’area, la Francia sta chiaramente facendo bene, essendo il primo produttore europeo in valore con un mercato di 1,2 miliardi di euro nel 2020 davanti all’Italia, secondo uno studio di Xerfi.

Dal lato dei consumi le vendite sono in crescita una media del 3% annuo negli ultimi sei anni, passando da 1 miliardo di euro nel 2016 a 1,22 miliardi di euro nel 2021. Unica eccezione a questa crescita, l’anno 2020-2021 con un calo del 3,3%” dopo un anno eccezionale Il 2020 con un fatturato di 1,26 miliardi di euro, ma il 2021 è infatti il ​​secondo anno migliore per la categoria gelato.

“Negli ultimi 10 anni, il gelato ha guidato il mercato dei prodotti di consumo, in particolare dei prodotti surgelati (+7% tra il 2019 e il 2021), con una crescita media annua delle vendite del 2,9%. Stagione dopo stagione, continuiamo il nostro processo di innovazione durante tutto l’anno attirando sempre più consumatori”, afferma Sylvie Galliaerde, presidente dell’Associazione delle aziende del gelato.

Un’offerta varia

In totale, l’84% delle famiglie francesi afferma di consumare il gelato. In testa alle vendite il gelato in stecco (28% delle vendite, +12% in un anno) prima dei coni e il gelato in vaschetta. Come si spiega questa crescita costante del mercato?

“La Francia deve il suo rango a diverse caratteristiche che supportano la domanda, come l’emergere di macchine per il ghiaccio grazie a un clima favorevole e una forte attrazione turistica. O l’abbondanza di materie prime di alta qualità”, spiega Matteo Neri, direttore degli studi ed esperto in agricoltura. settore alimentare per Xerfi.

Stesso tono dell’associazione delle gelaterie che sottolinea “il connubio dei nostri beni: premiumizzazione, collezioni permanenti e stagionali, innovazioni, prodotti a valore aggiunto, know-how locale, materie prime di alta qualità…”

Il know-how locale è davvero una realtà. Ci sono 10 fabbriche in Francia che rappresentano il 72% del reddito del settore, per non parlare della grande quantità di artigiani.

“L’industria del gelato e del sorbetto ha registrato negli ultimi anni un continuo aumento del numero di esercizi (+31% tra il 2012 e il 2020). L’emergere dei piccoli industriali spiega in parte questo aumento e il settore si distingue dagli altri con un tasso molto elevato quota di costruzioni artigianali (circa il 90% delle aziende)”, dice Xerfi in abbondanza.

Incoraggiare il consumo tutto l’anno

Tuttavia, la società di ricerca sottolinea che le prime quattro aziende del suo panel rappresentavano l’80% del fatturato del settore nel 2020. Si tratta delle filiali dei principali gruppi (Froneri, Mars, ecc.) che hanno grandi siti produttivi in ​​Francia.

Le innovazioni di prodotto sono chiaramente un acceleratore. Secondo NielsenIQ, i nuovi prodotti generano in media un +11,7% di vendite. “Sviluppiamo forti innovazioni intorno all’ultra-delicatezza nei formati bar, stick e coni: aggiungere salse, giocare su consistenze, pezzi… Questo simbolo di cibo di confortoinsieme agli attuali codici grafici per le nostre confezioni, mira ad attirare nuovi consumatori tutto l’anno e registrare il gelato nei nuovi tempi di consumo”, spiega il settore.

Inoltre, secondo un sondaggio condotto lo scorso febbraio, il 52% dei francesi consuma gelato tutto l’anno.

Esportazione potente

Un’altra leva importante per il settore è l’export. “Il gelato francese è molto popolare all’estero e la Francia catturerà il 13% delle esportazioni mondiali di gelato nel 2020. Questi includono i prodotti di punta dei pesi massimi del settore (Froneri, Häagen Dazs o Mars Wrigley Confectionery). Quindi la Francia è al 2° posto .nella classifica degli esportatori mondiali di gelato, appena dietro la Germania. In questo contesto e nonostante un graduale calo negli ultimi tre anni, la bilancia commerciale francese del settore resta sostanzialmente in attivo (219 milioni di euro nel 2020)”, osserva Matteo Neri di Xerfi.

Per le prossime stagioni il settore vuole capitalizzare i propri punti di forza, giocare la carta della gola, ma anche cavalcare l’onda dell’etica.

Obiettivo, l’offerta di ricette vegane, gelato naturale, meno zucchero, packaging riciclabile, enfatizzare l’origine delle materie prime, produzione made in France… Il 70% dei francesi sarebbe quindi disposto a pagare di più per un gelato fatto con prodotti locali e/o prodotti naturali.

Olivier Chicheportiche Giornalista BFM Affari

Vita già migliore: riassunto della puntata di lunedì 18 aprile 2022 [SPOILERS] – Serie di notizie in TV

“Non ancora al 100%”, i monegaschi ai piedi del podio