in

Dopo la morte del figlio, la banca addebita il suo Livret A. chiudere

Una coppia il cui figlio è morto di cancro ha chiesto alla banca di chiudere il loro Livret A. Ma questo ha comportato spese bancarie.

Alcuni addebiti diretti, sebbene legali, sembrano particolarmente inappropriati in determinate situazioni. Dopo la morte del figlio di 9 anni nel 2021 per cancro, i suoi genitori hanno voluto chiudere il suo Livret A, aperto a La Banque Postale. Ma la coppia rimane sconvolta quando scopre che la banca addebita loro 138,20 euro di spese, come riportato da France Bleu

Le banche hanno il diritto di prevedere l’applicazione di specifiche commissioni in occasione della chiusura di conti o libretti, anche in caso di decesso di un minore su un Livret A, o di amministrare un patrimonio, purché tali commissioni siano comprese nel prezzo fissato piatto. La Banque Postale non è l’unico stabilimento con questa pratica.

Un gesto di buona volontà”

Di fronte a questa situazione, la coppia ha chiesto consiglio all’associazione “Eva pour la vie”, che aiuta i genitori di bambini malati di cancro. “Questo genere di notizie è molto violento per una famiglia che ha appena perso un figlio”, sottolinea France Bleu Corinne Vedrenne, presidente dell’associazione. “Sarebbe una decenza fermare questa pratica”, aggiunge.

La famiglia ha quindi avviato una procedura di denuncia. La Banque Postale ha promesso di compiere un “gesto commerciale” per annullare queste accuse, ma indica che sta studiando questo tipo di dossier caso per caso. L’associazione “Eva for life” si batte per l’abolizione di queste tasse e avvierà un’indagine a livello nazionale sull’argomento.

“Il livello dei costi di eredità rimane molto alto”, ha osservato l’associazione dei consumatori CLCV in l’edizione 2022 della sua indagine sui prezzi bancari pubblicato lo scorso gennaio. “Per una sequenza semplice composta da un conto corrente (3.000 euro), libretti (4.000 euro) e un PEL (10.000 euro), il cui pagamento viene effettuato entro 12 mesi, i costi medi nelle nostre 105 filiali della Francia continentale aumentano di 229,74 euro (+ 1,2%), i costi fino a 510 euro alla Banque Postale”, secondo CLCV. “Questi costi, le cui condizioni differiscono per banca (tasso fisso, percentuale, spese di amministrazione, spese di liquidazione) devono essere limitati . Le differenze di prezzo mostrano la natura ingiustificata di alcuni”, ha affermato l’associazione.

Spese a parte l’imposta di successione

Va inoltre inteso che tali oneri bancari sono separati dall’imposta di successione riscossa dalle autorità fiscali. Dopotutto, il Livret A di un figlio deceduto farà parte di tutti i beni presi in considerazione per la successione (immobili, azioni, conti bancari, ecc.), noto anche come patrimonio. Nel caso di genitori che registrano un patrimonio di un figlio deceduto, si detrae di 100.000 euro dal patrimonio netto imponibile (ovvero l’eredità da cui vengono detratti i debiti). Tuttavia, ciò non tiene conto delle spese notarili associate a questa successione. Le regole variano a seconda della situazione e c’è un calcolatore delle tasse di successione in questa pagina del sito del servizio pubblico

Infine, c’è un “diritto legale al ritorno per i genitori”, dettagliato in questa pagina del sito del servizio pubblico† Perché “non erediti automaticamente tuo figlio”. “Il diritto di recesso legale ti consente di riprendere in mano la merce che hai donato a tuo figlio, se quest’ultimo muore senza discendenti: figlio, nipote, pronipote”, specifica l’Ufficio Informazioni Legali e Amministrazione. In tal caso, i genitori sono esenti dall’imposta di successione. “Tuttavia, il tuo diritto legale al ritorno è limitato alla metà del patrimonio del tuo bambino deceduto (1/4 del patrimonio per il padre e 1/4 del patrimonio per la madre)”, spiega. †

Bitcoin e criptovalute: perché questo nuovo tuffo storico?

Nel mercato del lavoro, i giovani laureati sono stati indeboliti dalla crisi sanitaria