in

E pensare che la borsa di Parigi ha guadagnato oltre il 2% all’apertura di giovedì…, Marktnieuws

Che delusione! Il mercato azionario di Parigi, dopo aver iniziato questa sessione nel modo più bello, è salito fortemente del 2,3%, ha chiuso in rosso, è sceso dello 0,43% a 6.368,40 punti… Se Wall Street è stato il motore della mattinata in Europa lo è stato anche il sito americano all’origine del voltafaccia del Cac 40 nel pomeriggio. In rialzo del 3,2% la scorsa notte, in risposta a una posizione ritenuta meno abusiva dalla Federal Reserve, il Nasdaq Composite è sceso di nuovo del 4,6% questo giovedì. Il Dow Jones, che era salito del 2,8% il giorno prima, è sceso altrettanto oggi.

Se sali del 3% e rinunci del mezzo percento il giorno successivo, è abbastanza normale… “Sbalordito Randy Frederick, allo Schwab Center for Financial Research.

“D alimentato vorrei affinare di più »

Nonostante l’inasprimento delle condizioni finanziarie che abbiamo visto negli ultimi mesi, è chiaro che la Fed vorrebbe vederle inasprirsi ulteriormente.analizza dalla sua parte Zachary Hill, responsabile della strategia di portafoglio di Horizon Investments. Le valutazioni elevate delle azioni sono incompatibili con tali prospettive, quindi a meno che le catene di approvvigionamento non si riprendano rapidamente o i lavoratori non tornino sul mercato del lavoro, qualsiasi rialzo delle azioni sarà probabilmente posticipato se i messaggi della Fed tornano offensivi.

Mercoledì sera, la Fed ha alzato di 50 punti base il tasso di riferimento. Sembra escludere la possibilità di un aumento di 75 punti base nei prossimi due mesi. La banca centrale ha anche annunciato la contrazione delle dimensioni del proprio bilancio, di oltre $ 9 trilioni, a partire da giugno a un ritmo più lento del previsto. Sarà di 47,5 miliardi di dollari al mese per tre mesi, prima di raddoppiare a 95 miliardi di dollari.

A livello macroeconomico, la produttività del settore non agricolo statunitense è diminuita del 7,5% nel primo trimestre, un tasso che non si vedeva dal 1947. STATI UNITIma soprattutto la prossima settimana i dati sull’inflazione dello stesso mese.

Airbus galleggiante

In questo contesto, gran parte dei principali titoli dell’indice di punta hanno annullato i loro guadagni iniziali. Airbus spicca, con un utile del 6,2%. Il produttore di aeromobili ha mantenuto le sue prospettive per l’anno fiscale 2022, mentre i risultati finanziari a fine marzo hanno superato le aspettative. Il gruppo ha anche annunciato che si stava preparando ad aumentare a 75 il tasso di produzione mensile della famiglia A320. entro il 2025, ovvero il 50% in più rispetto ad oggi.

ottimo è aumentato dell’1,5%. Il produttore di apparecchiature elettriche ha confermato i suoi obiettivi finanziari per il 2022 dopo la pubblicazione bollette superiori alle previsioni degli analisti del primo trimestre, con un utile netto di 258,3 milioni di euro, in crescita del 13,3%.

Energie Totali è aumentato dell’1,4%, mentre l’OPEC+ ha concordato un aumento marginale della produzione con un tetto massimo di 432.000 barili al giorno.

Al contrario, Credito agricolo perso il 4%. La banca verde ha registrato un calo del 47,2% del suo utile netto a 552 milioni di euro nel primo trimestre, dopo aver investito sui propri conti oltre mezzo miliardo di euro. disposizioni relative all’esposizione a Russia e Ucraina


Occhi puntati sul 5G, Free, Orange, Bouygues e SFR riflettono sull’implementazione del 4G

Ubisoft, Umicore, Kindred… Quante speculazioni in borsa per aspettare la Fed!, Notizie di mercato