in

EDF non ha restituito una copia sulla fattibilità della creazione di 14 nuove EPD

EDF è in grado di costruire 14 EPD in Francia entro il 2050, come vorrebbe il candidato alla presidenza Emmanuel Macron? L’elettricista stesso non è ancora sicuro. A margine di una conferenza stampa tenutasi mercoledì 13 aprile, Jean-Bernard Lévy, amministratore delegato del Gruppo Tricolore, ha spiegato di non aver ancora consegnato la sua copia al Capo dello Stato sulla fattibilità della costruzione di otto reattori aggiuntivi, in oltre ai sei EPR per i quali si è già impegnato.

il 10 febbraio Emmanuel Macron ha svelato un massiccio programma nucleare. Ha annunciato la costruzione di sei EPR2 da Belfort ora e forse otto nuove unità opzionali nei prossimi anni, o 14 in totale. Questo numero non è un caso. Corrisponde allo scenario nucleare più ambizioso per il 2050 studiato da RTE, il gestore della rete di trasmissione elettrica.

Quali siti? Quale ritmo di costruzione?

Ma se EDF ha già esaminato la fattibilità della costruzione dei primi sei reattori e individuato le loro possibili ubicazioni (a Penly, nella Seine-Maritime, a Gravelines, al nord, ea Bugey ad Ain oa Tricastin, nella Drôme), questa è non è ancora così per gli altri otto.

L’elettricista deve quindi analizzare in quali luoghi possono essere installati questi otto reattori aggiuntivi, ma anche i possibili ritmi per gli uffici di progettazione, ingegneria civile, attrezzature e montaggio, ovvero le quattro sequenze principali di un cantiere nucleare.

“Questo è un lavoro che abbiamo lanciato su richiesta del presidente, che ci ha detto, e se fossero 14? Ne abbiamo una copia da rispedire, ma non è pronta”disse Jean-Bernard Levy.

Consegna della copia prevista nel terzo trimestre

Nel dettaglio, l’amministratore delegato di EDF ha spiegato che sarebbe stato necessario “più supporto tecnico”più persone “che fanno cemento”“più fabbriche che producono serbatoi, pompe e migliaia di dispositivi”Se “caselle di comando”ma anche “niente più tecnici che vengono a saldare, assemblare, cablare e testare tutto”† E questo, anche se questi otto reattori di tipo EPR non lo sono “lanciato solo nel 2028, 2030 o 2032”.

L’elettricista spiega che nella sua ricerca deve tenere conto anche dell’ipotesi di nuove EPD in costruzione all’estero, soprattutto nel Regno Unito, in Polonia o addirittura in India, dove spera di ottenere importanti contratti.

Jean-Bernard Lévy ha specificato che si trattava di un’opera iniziata “solo poche settimane fa”† EDF sarebbe quindi in “i prossimi mesi”probabilmente nel terzo trimestre dell’anno.

Disordini tra EDF e l’esecutivo

Fare questi commenti alla stampa pochi giorni prima del secondo turno delle elezioni presidenziali può essere sorprendente. Intervengono anche dopo un periodo burrascoso tra l’elettricista e il governo. Dato l’aumento dei prezzi dell’energia, il governo ha chiesto a EDF di aumentare il volume di energia nucleare venduta ai suoi concorrenti a prezzi ridotti del 20% quest’anno da 100 a 120 terrawattora (TWh). Questo dovrebbe costare al gruppo circa 8 miliardi di euro. Una misura che ha portato i dipendenti di EDF a un massiccio sciopero lo scorso gennaio, con un tasso di partecipazione superiore al 40%. Raramente lo stesso Jean-Bernard Lévy aveva criticato aspramente la decisione del governo in un messaggio interno ai dirigenti dell’EDF, citando un “vero shock”

Questa non è l’unica differenza tra l’amministratore delegato dell’elettricista e l’esecutivo. Ad esempio, nel 2020 Jean-Bernard Lévy ha espresso il suo scetticismo sull’utilità per il suo gruppo pubblico di acquista le turbine Arabelle da GE Steam Power† Operazione fortemente voluta dal governo. †Posso rifornirmi di turbine dalla Cina”, è scivolato. Diversi mesi dopo, Jean-Bernard Lévy ha finalmente risposto firmando un accordo esclusivo per acquisire parte delle attività nucleari di GE Steam Power lo scorso febbraio.

Nonostante questi disaccordi, il boss dell’EDF beneficia del sostegno dello Stato. E secondo le nostre informazioni, dovrebbe andare fino alla fine del suo mandato (prevista per maggio 2023), se Emmanuel Macron sarà rieletto Presidente della Repubblica il 24 aprile. Ricordiamo che Jean-Bernard Lévy è l’unico presidente del gruppo a ricevere un secondo mandato dallo Stato.