in

Francia Inter ride, Europa 1 soffre

I giornalisti Léa Salamé e Nicolas Demorand ricevono il candidato presidente Emmanuel Macron, negli studi di France Inter, a Parigi, il 4 aprile 2022.

Le misurazioni dell’audience radiofonica si susseguono e si assomigliano. Nel bene e nel male, la soddisfazione della più ascoltata di tutte, France Inter, e lo sgomento di chi non smette mai di svuotare la stanza, Europa 1. Secondo i dati di ascolto pubblicati da Médiamétrie, questo giovedì 21 aprile alle Alle 8 del mattino, 40,17 milioni di francesi hanno ascoltato ogni giorno i vari programmi di questi primi mesi del 2022. Un dato stabile nell’arco di un anno ma comunque sensibilmente inferiore rispetto allo stesso periodo del 2020 (42,2 milioni di ascoltatori), ovvero dire prima del grande sconvolgimento nelle abitudini di ascolto che ha accompagnato la crisi sanitaria.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Sibyle Veil: “Ho scelto di nominare Adèle Van Reeth al posto di Laurence Bloch alla guida di France Inter”

Mangiando 0,2 punti rispetto al periodo gennaio-marzo 2021, l’antenna di punta di Radio France (12,6% dell’audience cumulativa) continua ad ampliare il divario con il suo primo concorrente, RTL (10,6%, stabile). : Con i suoi 6,9 milioni di ascoltatori giornalieri , L’Inter attira ogni giorno un milione in più rispetto alla stazione del girone M6. Tra Laurence Bloch in carica quasi otto anni fa e questa primavera, quando lascerà la gestione della stazione a favore di Adèle Van Reeth, France Inter avrà guadagnato 1,7 milioni di ascoltatori. “Dobbiamo guardare alla realtà, i francesi votano per noi”, accoglie il leader, “orgoglio” portare “la risposta più bella” agli attacchi all’antenna pubblica sui set di CNews o in uno qualsiasi dei Rivista Figaro lo scorso inverno.

nessun ritardo

All’altro capo dello spettro delle antenne generaliste, la discesa all’inferno dell’Europa 1 non ha ancora tregua. Né la guerra in Ucraina né la campagna elettorale presidenziale avranno dato ai sostenitori della stazione controllata da Vincent Bolloré motivi per rimanere legati a lui. La stazione ha perso 1,1 punti in un anno e ora sta scendendo sotto i quattro punti (3,9% AC). In Europa, per quanto ci sforziamo di trovare qualche angolo di cielo azzurro (il programma mediatico mattutino di Philippe Vandel, i pomeriggi di Christophe Hondelatte), la situazione non è mai stata così catastrofica. A questo calo, si aggiunge la lieve debolezza di RMC (5,7% di spettatori, -0,1 punti) e il calo segnato da France Bleu (5,6% di spettatori cumulati, -0,4 punti), una perdita di 266.000 ascoltatori per tutte le radio generaliste.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Europa 1, da sì alla destra conservatrice

Tradizionalmente bene per queste antenne, il contesto elettorale sembra solo avvantaggiare l’Inter, le cui sezioni informative sono un successo, guadagnando 179.000 ascoltatori. Era anche per tutta Radio France, aggiunge Sibyle Veil. “I nostri canali sono ascoltati da 1,2 milioni di ascoltatori in più rispetto a cinque anni fa, ovvero 15,8 milioni”, accoglie con favore il presidente della radio pubblica. La densità di informazioni nazionali e internazionali ha innegabilmente rafforzato France Info, la cui crescita di 1,1 punti in un anno è la più forte del mercato nel periodo. Con un’audience cumulativa del 9,9%, il canale di notizie continue raggiunge il suo “miglior pubblico da diciannove anni e miglior performance nel periodo gennaio-marzo” sin dalla sua creazione, il suo direttore Jean-Philippe Baille esulta.

Hai ancora il 27% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Oroscopo di giovedì 21 aprile 2022

Partita: La difesa sul 3, Icardi, la sua gestione dei portieri, il titolo ecc., Conf’ di Pochettino dopo Angers/PSG (0-3)