in

Francia, Norvegia… Le grandi differenze europee alla luce dell’auto elettrica

3

Oggi c’è ancora una grande disuguaglianza in Europa riguardo alla fame di alcuni paesi per l’auto elettrica. La Norvegia sembra essere il paese più preparato a passare molto rapidamente all’elettrico.

L’Europa mostra una grande disparità di fronte all’auto elettrica, secondo uno studio pubblicato il 6 aprile 2022 dallo specialista del noleggio a lungo termine Piano di locazione, che ha appena pubblicato il suo indice per il quinto anno consecutivo. Quindi la Norvegia sembra essere il paese più preparato a passare molto rapidamente all’elettrico. Altri paesi come la Repubblica Ceca o la Polonia hanno ancora molta strada da fare per arrivarci. E il risultato principale di questo studio si basa sulla mancanza di infrastrutture di ricarica disponibili. Questo rimane un grosso ostacolo all’adozione di veicoli elettrici nel continente, nonostante il crescente interesse dei conducenti europei nel passaggio ai veicoli elettrici. A riprova, le loro vendite continuano a crescere in Francia, con una quota di mercato di quasi il 12% nel primo trimestre del 2022 contro il 7% nel primo trimestre del 2021. La Francia è all’11° posto in questa classifica dei 22 paesi intervistati con un indice di 27/50.

“Trovare una stazione di ricarica disponibile sta diventando sempre più un incubo”Lo spiega in un comunicato Tex Gunning, general manager di LeasePlan. L’ultimo conteggio di Avere-France e Gireve sul numero di punti di ricarica disponibili in Francia mostra il ritardo che la Francia ha subito nell’implementazione di un’infrastruttura adatta alla domanda. La Francia aveva in realtà 57.732 punti di ricarica al 31 marzo, rispetto ai 100.000 voluti dal governo entro la fine del 2021.

Ciò corrisponde a 10 auto per punto di ricarica se i Paesi Bassi ne hanno tre, secondo i dati di Avere-France. La tabella seguente fornisce una panoramica della situazione per paese. E se la Francia non è tra i primi, possiamo renderci conto che la maggior parte dei paesi, ad eccezione dei Paesi Bassi, oggi non dispone di infrastrutture di ricarica per soddisfare il fabbisogno elettrico delle auto.

“Questo rapporto dovrebbe essere un campanello d’allarme per i responsabili politici di tutta Europa: ora sono necessari investimenti urgenti per avere un’infrastruttura di ricarica europea completa”dice Tex Gunning.

Norvegia, un bravo studente di elettricità

Con i suoi 5,4 milioni di abitanti, la Norvegia è il Paese con il maggior numero di auto elettriche pro capite al mondo. Nel 2021, il 64,5% delle auto nuove vendute in Norvegia erano elettriche. Norvegia e Regno Unito sono anche i paesi che più avanzano nella transizione energetica verso il tutto elettrico, secondo il rapporto, grazie a una serie di aiuti e incentivi fiscali.

Metodologia: Per compilare il proprio indice, LeasePlan ha tenuto conto di tre criteri: le vendite di auto elettriche (immatricolazioni), la maturità delle infrastrutture messe a disposizione dei conducenti e le politiche messe in atto dai governi per incoraggiare i conducenti a passare a un’auto elettrica.

I primi 10 paesi europei più disposti a passare all’elettrico

obbligato i fornitori a rescindere i contratti

ecco chi è preoccupato per l’aiuto di 6.000 euro promesso da Macron!