in

“Gli Stati Uniti sono diretti verso una recessione!! » Editoriale di Carlo SANNAT

Miei cari impertinenti, cari impertinenti,

Per rimanere informato gratuitamente, puoi attivare le “notifiche” quando viene visualizzata la finestra in cui viene proposta.

I mercati finanziari non capiscono molto e non anticipano molto nella realtà. Quello che devi capire è che il day trading o il trading “giornaliero” viene effettuato entro un orizzonte temporale… giornalmente, di un giorno. E un giorno di mercato non dura nemmeno 24 ore. La Borsa di Parigi apre alle 9:00 e chiude alle 17:30. Quando i trader ti dicono che lavorano molto, mentono!

Certo, devi essere concentrato, ma alle 18:00 se ne sono già andati e, rispetto a un muratore in un cantiere, potresti anche dire che non hanno problemi fisici!

Avrete capito che non nutro grande ammirazione per questa professione, ma i pochi mesi trascorsi nel locale commerciale di una grande banca mi hanno permesso di sviluppare uno straordinario know-how nella lotta agli elastici attraverso i banchi del fine di una matita. Ho degli avanzi, ma non è questo il punto.

Quello che voglio provare a condividere con voi è che i “mercati” capiscono solo due cose. Compra o vendi. Espansione o recessione. A parte questi 4 parametri non pensano. Se pensano che l’azienda si stia espandendo, puoi comprare il Covid, una guerra, senza guardare oltre il loro naso. Quando iniziano a rendersi conto che è la recessione, si immergono e vendono.

Un commerciante è stupido come cavoli, carote o pomodori. Inoltre i mercatini, all’inizio era bene vendere le insalate, anche se ora permette di raccontare le insalate.

Qualche giorno fa te lo dicevo, fai attenzione a una recessione in vista, soprattutto negli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti entreranno in recessione nel 2023

Tutti sembrano sapere tranne i mercati. Anche Le Figaro lo vede arrivare. Nell’articolo sotto fonte Le Figaro.fr qui

La recessione negli Stati Uniti, uno scenario che sta prendendo piede

Dopo le sanzioni imposte alla Russia, gli americani non credono più che il picco dei prezzi scomparirà in estate

L’inflazione elevata e la stretta monetaria potrebbero interrompere la crescita.

Voci credibili, sempre più numerose, annunciano una recessione negli Stati Uniti. Mentre la piena occupazione è tornata e il consenso degli economisti stima che la crescita sia prossima al 3% quest’anno, la previsione sembra piuttosto allarmante. Secondo un sondaggio, l’81% degli americani vede questo scenario diventare realtà prima della fine dell’anno.

Per mesi, la peggiore inflazione degli ultimi 40 anni ha ridotto il loro potere d’acquisto. E dopo le recenti sanzioni contro la Russia, non credono più che il picco dei prezzi di energia, cibo, affitti e trasporti scomparirà in estate. Annunciando una lunga serie di rialzi dei tassi, la Federal Reserve sta cercando di infrangere le aspettative di inflazione che stanno alimentando una spirale di aumenti di salari, costi e prezzi. I leader affermano che la domanda e l’introito sono abbastanza forti da resistere a questi molteplici giri di vite.

Vedremo chiaramente la solidità dell’economia e della crescita statunitense, soprattutto con un rialzo dei tassi quando tutti gli americani sono mutuatari a tasso variabile, a differenza dei francesi dove siamo molto fortunati a prendere a prestito a tasso fisso.

A questo aumento di tasso si aggiunge l’aumento dei prezzi dell’energia.

A questi aumenti di energia si aggiunge l’inflazione generale.

Gli stipendi rimangono per il momento non indicizzati.

Se tutto sale da una parte e gli stipendi non sono indicizzati, allora devi essere un trader per non vederlo crollare rapidamente.

Se i mercati finanziari capiscono che avremo meno crescita, meno globalizzazione, meno energia a basso costo, meno tutto e quindi meno profitti, allora colpiranno duramente. Questo per quanto riguarda il medio termine.

Se vedono che la Cina è chiusa durante il lockdown, tremeranno a breve e sarà questione di pochi giorni.

I prezzi del petrolio iniziano a scendere durante la guerra in Ucraina, mentre la Cina si ferma e il suo consumo di energia crolla.

Ma se crolla il consumo energetico cinese, crolla la produzione cinese.

E se la produzione cinese crolla, avremo meno widget cinesi, meno vendite e meno profitti.

Ci vorrà del tempo prima che questo penetri nel cervello dei nostri “commercianti giornalieri”!

È già troppo tardi, ma non tutto è perduto.

Preparatevi!

Carlo SANNAT

“Insolentiae” significa “impertinenza” in latino
Per scrivermi [email protected]
Per scrivere a mia moglie [email protected]

Puoi anche iscriverti alla mia newsletter mensile “STRATEGIE” che ti porterà oltre e dove condivido con te le soluzioni concrete che puoi implementare per prepararti al prossimo mondo. Queste soluzioni sono articolate attorno all’approccio PEL: patrimonio, occupazione, ubicazione. L’idea è di condividere con voi le risorse ei metodi per rafforzare la vostra resilienza personale e familiare.

“Per reprimere le rivoluzioni pacifiche, si rendono inevitabili le rivoluzioni violente” (JFK)

“Questo è un articolo ‘presslib’, inteso in tutto o in parte esente da riproduzione, a condizione che questo paragrafo sia riprodotto dopo di esso. Insolentiae.com è il sito in cui Charles Sannat parla quotidianamente, fornendo analisi brutali e intransigenti delle notizie economiche. Grazie per aver visitato il mio sito. Puoi iscriverti gratuitamente alla newsletter quotidiana su www.insolentiae.com. †

Johnny Depp, un “mostro”? Pesanti accuse in tribunale, la sorella Amber Heard contrattacca!

ATP Monte-Carlo – Carlos Alcaraz eliminato non appena entrato in corsa da Sebastian Korda