in

Google rende più facile rifiutare i cookie sulle sue piattaforme dopo aver registrato una multa

La magistratura francese aveva multato a gennaio il motore di ricerca di 150 milioni di euro, perché era troppo difficile per gli utenti delle sue piattaforme rifiutarsi di seguirne la navigazione.

Articolo scritto da

Inserito

In aggiornamento

Momento della lettura : 1 minuto.

Il colosso dei motori di ricerca rinuncia al confronto. Google ha annunciato che i suoi utenti europei possono ora rifiutare l’immissione di “cookie” e il tracciamento della loro navigazione con un clic, in un post sul blog rilasciato giovedì 21 aprile.

Il motore di ricerca americano era condannato a gennaio dalla Cnil, l’autorità francese per la protezione dei dati, a 150 milioni di euro e ad adeguare i propri sistemi entro tre mesi. La Cnil si è rammaricata che il rifiuto dei cookie (file che tracciano le ricerche degli utenti di Internet a fini di navigazione o pubblicità mirata) sia molto più difficile della loro accettazione sulle piattaforme di Google.

Dall’entrata in vigore del Regolamento Europeo sui Dati Personali (GDPR) nel 2018, i siti web devono rispettare regole più severe per ottenere il consenso degli utenti di Internet prima di inserire i loro cookie. Google lo annuncia “completamente revisionato” il loro approccio a questo argomento: concretamente, il banner presentato durante una prima visita alle sue piattaforme consentirà ora di rifiutare l’uso dei cookie con un solo clic.

L’aggiornamento di Google ha iniziato a essere distribuito in Francia su YouTube e verrà gradualmente implementato su tutte le sue piattaforme nello Spazio economico europeo (Unione europea, Islanda e Norvegia), nel Regno Unito e in Svizzera.

“Questi cambiamenti riguardano non solo il nostro motore di ricerca e YouTube, ma anche i creatori e i siti di contenuti che si affidano ai cookie per far crescere la propria attività e generare entrate”.Google sottolinea. L’azienda sta cercando di sviluppare nuovi strumenti per mantenere il proprio modello di business basato sulla pubblicità, soddisfacendo al contempo i nuovi requisiti normativi.

“Si è accarezzata quando le stavamo accanto”: le folli rivelazioni dell’attrice Gabrielle Lazure su sua madre

Baldur’s Gate 3: Il gioco di ruolo di Dungeons & Dragons, più ricco che mai