in

Il Cac 40 in rosso, la guerra in Ucraina aumenta i timori per la crescita, Market News

Dopo un lungo weekend di quattro giorni, la borsa di Parigi ha riaperto. Il declino si è approfondito con il progredire della sessione, quindi il Camera da letto 40 ha chiuso la giornata con lo 0,83% a 6.534,79 punti, dopo un minimo di 6.494,33 punti. Il volume di fatturato è di 3,5 miliardi di euro.

Motivi per stare attenti

Gli investitori hanno più di un motivo per essere cauti. Le stesse cause con le stesse conseguenze, continuano ad essere preoccupati per l’esito delle elezioni presidenziali in Francia, le conseguenze dell’elevata inflazione e la guerra in Francia. Ucraina, mentre lunedì notte le truppe russe hanno lanciato la loro offensiva contro l’Ucraina orientale, nella regione del Donbass. Kiev afferma che Mosca ha preso il controllo del Creminna, che si trova nella regione orientale di Luhansk. Per i mercati finanziari non ci sono dubbi: il conflitto è qui per restare. E con ciò, i prezzi continueranno a salire o, nella migliore delle ipotesi, si stabilizzeranno su livelli elevati. Nel zona euro, l’aumento dei prezzi a marzo è stato del 7,5% in un anno, trainato dall’energia (+44%). Al STATI UNITI, ha raggiunto il picco dell’8,5%, un nuovo record dal dicembre 1981. Tutte le linee sono al punto più alto. In un anno il prezzo della benzina è aumentato del 48% e quello del cibo dell’8,8%.

Indurimento

Questa ondata sta spingendo i banchieri centrali a rafforzare la loro politica monetaria. Questo è già il caso in Canada, in Brasile, Nuova Zelanda e Stati Uniti, dove il processo di rialzo dei tassi, già avviato, proseguirà con più vigore nei prossimi mesi. La prospettiva di un’accelerazione della stretta monetaria spinge il rendimento dei Treasury a 30 anni al 3% per la prima volta dall’inizio del 2019 e dal picco di 10 anni da dicembre 2018 al 2,93%.

Per le prossime riunioni del comitato della Federal Reserve (Fed) degli Stati Uniti a maggio e giugno, un aumento del tasso di 50 punti base Fondi federali è previsto, ma James Bullarddella struttura di St. Louis, non andrebbe oltre per frenare l’inflazione e aumentare i tassi di interesse Fondi federali di 75 punti base. Questa ipotesi non è da escludere, anche se non è la più probabile. Per James Bullard, i tassi di interesse dovrebbero stabilizzarsi al 3,5% entro la fine dell’anno. Il Beige Book della Fed, in uscita mercoledì alle 20:00 ora di Parigi, dovrebbe fornire preziosi indizi qualitativi sull’impatto delle pressioni inflazionistiche sull’economia statunitense e sulla sua resilienza. Secondo gli esperti di Goldman Sachs, la probabilità di una recessione negli Stati Uniti entro due anni è di circa il 35%.

Su scala mondiale, il Banca Mondiale ha appena abbassato le sue previsioni di crescita economica globale al 3,2% quest’anno dal 4,1% di prima, a causa dell’impatto previsto del conflitto in Ucraina sui prezzi dell’energia e delle materie prime alimentari. Idem per il Fondo Monetario Internazionale. (FMI), che punta a una crescita globale del 3,6% nel 2022 come nel 2023, ovvero 0,8 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni di gennaio per quest’anno e 0,2 punti in meno per il prossimo anno.

Il BPoC al capezzale dell’economia

Di fronte al rallentamento, in gran parte causato dalla carcerazione imposta in diverse grandi città del Paese, la Banca popolare cinese (BPoC) ha annunciato nuove misure a sostegno dell’economia, incluso un taglio di un quarto di punto ai requisiti di riserva bancaria. † Le indagini PMI segnalano un marcato deterioramento dell’economia cinese a marzo. Se prendiamo la media degli indici calcolati da Caixin e dal National Bureau of Statistics of Cina, il PMI dei servizi scende da 50,4 a 44,4. Il PMI manifatturiero è sceso meno, da 50,3 a 48,8, ricordano gli esperti di Lazard Frères Gestion. Nonostante l’elevata infettività della variante Omicron, il governo cinese non sembra voler deviare dalla sua politica ‘zero Covid’, sollevando la questione di un significativo rallentamento della crescita nei prossimi mesi. Dati regolarmente aggiornati (mobilità, trasporti, transazioni immobiliari, ecc.) mostrano che l’attività è ancora molto perturbata all’inizio del secondo trimestre, in un contesto in cui un numero crescente di città è limitato. A metà aprile, 45 città hanno attuato il contenimento totale o parziale, colpendo quasi 373 milioni di persone, ovvero un quarto della popolazione e oltre il 40% del PIL cinese. † Questo ambiente rappresenta una minaccia significativa per l’obiettivo di crescita del governo, che è fissato a circa il 5,5% conclude Lazard Freres Gestion.

Il lusso perde lucentezza

Le domande sulla crescita della Cina pesano sul settore del lusso, pesantemente pesato dal Cac 40. Ermete è sceso del 3,62% mentre il colosso dei cosmetici L’Orealche deve annunciare il proprio fatturato trimestrale dopo la chiusura del mercato azionario, è sceso del 2,9%.

Sanzionato, il riassicuratore fare punto, segnare è sceso del 5,2% dopo averlo annunciato i risultati del primo trimestre saranno influenzati dalla guerra in Ucraina, con addebito a doppia cifra in milioni di euro relativo a potenziali sinistri causati dal conflitto. Mentre il conflitto continua, la casa automobilistica Stellantis (+2,41%) ha annunciato la cessazione della produzione in Russia a causa del ” problemi logistici a seguito delle sanzioni occidentali contro la Russia.

Al contrario, Virbac ha vinto il 9,93%. Il laboratorio veterinario ha ampliato la sua gamma di previsioni di crescita annuale dopo un primo trimestre migliore del previsto† Poiché le buone notizie non arrivano mai da sole, Oddo BHF ha aumentato la sua raccomandazione sulle azioni da “neutrale” a “sovraperformante”.

In base alle raccomandazioni degli analisti, HSBC ha abbassato il titolo di operatore del tunnel sotto la Manica Ottieni collegamento (-1,32%) da “buy” a “hold”, Deutsche Bank ha declassato il proprio gruppo di ristorazione collettiva Elior (+0,85%) da “comprare” a “tenere” e Berenberg è passato da “tenere” a “comprare” intersezione (+2,03%). Il broker ritiene che l’inflazione sia una sfida per la vendita al dettaglio di generi alimentari, ma farà luce sui migliori risultati. Il gruppo francese è ben posizionato in un tale ambiente, afferma il broker.


un giovane disorientato che cerca la sua strada

Ligue 1 – Day 33 – Gli ultimi sei scontri: tre match, tre incontri da scuotere