in

Il CEO dice che non può vivere senza il gas russo

pubblicato mercoledì 23 marzo 2022 alle 11:05

Secondo l’uomo di punta del gruppo petrolifero, intervistato al microfono di RTL, parte dell’economia europea si fermerebbe senza il gas russo.

L’energia è sempre centrale dibattiti sull’Ucraina† l’amministratore delegato di Energia Totale, Patrick Pouyanné, assicurato, mercoledì 23 marzo, non può fare a meno del gas russo senza quale parte? l’economia europea si “fermerebbe”al microfono di RTL

Quasi un mese dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, il gruppo francese ha annunciato martedì: astenersi da qualsiasi acquisto di petrolio o prodotti petroliferi russi al più tardi entro la fine dell’anno.

“So come sostituire questo petrolio e questo diesel ‘russi’, ma ‘gas, non so come farlo. Se decido di smettere di importare gas russo, non so come sostituirlo, non lo so”. Ho contratti da 25 anni e non so come uscire da questi contratti”, ha detto Patrick Pouyanné .

“Contratti a lungo termine”

In merito all’annuncio del ritiro dalla Russia di alcuni gruppi anglosassoni, “nessuno di più, i miei concorrenti continuano a usare il gas russo perché abbiamo contratti a lungo termine e non sappiamo come fermarli a meno che i governi non decidano sanzioni che ci permetterebbero di usare la forza maggiore. Se smetterò di usare il gas russo, pagherò immediatamente miliardi ai russi”, ha affermato il CEO.

“Senza gas russo chiuderemo parte dell’economia europea” e in questa fase i governi europei non hanno deciso di penalizzare il gas russo, ricorda, aggiungendo: “se fermiamo il gas russo, sappiamo di avere l’inverno 2023, abbiamo un problemaL’uso del gas dovrà essere razionato entro gennaio 2023, non per i privati ​​ma senza dubbio per gli industriali in Europa”.

Investimento colossale

Fermare del tutto la Russia? “Non ho intenzione di farlo, abbiamo investito quasi 13 miliardi di dollari nelle fabbriche, non è un problema di soldi, queste fabbriche continueranno a funzionare indipendentemente dal fatto che me ne vada o no. Date questi 13 miliardi ai russi, per zero perché no uno vuoi che rinunci a beni in Russia per arricchire i russi sotto sanzioni?” ha lanciato.

“La Russia rappresentava il 5% del nostro flusso di cassa, il 10% del nostro profitto, la società non è affatto in gioco† Da quando Vladimir Putin ha deciso di invadere l’Ucraina, non c’è futuro di crescita in Russia per TotalEnergies, ho cancellato tutto il futuro che stavamo costruendo in Russia. Credi che anche dopo la guerra non ricorderò cosa è successo?”, ha detto Patrick Pouyanné.

Quello che vedi per primo rivela il tuo attuale stato d’animo

Kylian Mbappé mette in discussione la convenzione sul diritto all’immagine dei Blues