in

Il petrolio è leggermente salito, il timore di un nuovo aumento dell’offerta di greggio

I prezzi di il petrolio- hanno continuato timidamente i loro guadagni mercoledì, dopo un balzo di oltre il 6% negli scambi del giorno prima, lo stallo nel guerra in Ucraina preoccupazioni circa l’offerta di oro nero. Intorno alle 09:10 GMT (11:10 a Parigi), un barile di Brent dal Mare del Nord con consegna a giugno costava dallo 0,34% a 105 USD.

Un barile di US West Texas Intermediate (WTI) con consegna a maggio ha fruttato lo 0,25% a $ 100,85. Sebbene entrambi i benchmark del greggio si siano ritirati dai massimi pluriennali di inizio marzo, i prezzi sono ancora in aumento di oltre il 35% per il Brent e del 34% per il WTI dall’inizio dell’anno. †Il petrolio si sta riprendendo mentre i problemi di approvvigionamento riaffiorano in mezzo al conflitto in corso in Ucraina… e il rifiuto di Mosca di riprendere i colloqui di pace‘ ha detto Susannah Streeter, analista di Hargreaves Lansdown.

Più di 1.000 soldati ucraini si sono arresi alle truppe russe a Mariupol, la città portuale nel sud-est dell’Ucraina che è sotto assedio da settimane, ha detto mercoledì il ministero della Difesa russo. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha accusato per la prima volta il suo omologo russo Vladimir Putin nella notte tra martedì e mercoledì di aver guidato un “genocidioin Ucraina, che “propone un ulteriore inasprimento delle sanzionidisse Susannah Streeter.

Leggero calo della domanda mondiale di petrolio

Sta inoltre diventando chiaro che il previsto rilascio di 240 milioni di barili da parte dei paesi membri dell’AIE non aiuterà a risolvere lo squilibrio tra domanda e offerta, che sostiene anche i prezzi.ha aggiunto Victoria Scholar, analista di Interactive Investor. †Il mercato cerca di valutare il rischio delle sanzioni occidentali sul petrolio russo e il miglioramento delle prospettive economiche della Cina con la revoca delle restrizioni a Shanghai“, spiega.

Shanghai, la capitale economica della Cina, lunedì ha allentato le restrizioni sanitarie in alcuni quartieri dopo il crescente malcontento per il severo confino che ha rinchiuso 25 milioni di persone nelle loro case. Il che rassicura il mercato sulla domanda di uno dei maggiori paesi consumatori di petrolio. Tuttavia, mercoledì l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) ha rivisto la domanda mondiale di petrolio leggermente al ribasso a causa del blocco in Cina.

È qui che tutto ha inizio: cosa c’è in serbo per l’episodio 379 di venerdì 15 aprile 2022 [SPOILERS] – Serie di notizie in TV

Test Xiaomi 12: dimensioni ridotte, autonomia ridotta