in

Il subappaltatore arancione Scopelec si prepara a licenziare 800 dipendenti

I dipendenti di Scopelec manifestano a Parigi, 7 aprile 2022.

Turbato dalla perdita di un importante contratto con l’operatore di telecomunicazioni in carica, il subappaltatore di Orange, Scopelec, sta preparando un piano sociale che potrebbe portare al licenziamento di 800 persone, ha annunciato la società giovedì 21 aprile. informazione di Figaro

“La direzione ha annunciato il piano per riunire le parti sociali nei prossimi giorni per preparare l’attuazione di un PSE [plan de sauvegarde de l’emploi] che avrebbe un impatto su 800 posti di lavoro” dei 3.600, ha affermato un portavoce dell’azienda, la più grande cooperativa in Francia per numero di dipendenti. Giovedì si terrà una dimostrazione dei dipendenti di Scopelec in Place de la Bastille a Parigi.

La società ha fornito per Orange l’installazione in fibra e la manutenzione della rete in rame, con un contratto scaduto a fine marzo e che nel 2021 ha rappresentato il 40% del fatturato stimato di 475 milioni di euro.

Il subappaltatore, che è stato informato a metà novembre della risoluzione del presente contratto, ritiene di non aver ricevuto alcun segnale di allerta da parte di Orange in merito alla perdita di fatturato e di non aver avuto il tempo di prepararsi a questo.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Arancio: dopo aver perso i contratti, Scopelec aumenta la pressione legale sull’operatore

Evita “uno dei piani sociali più difficili”

Da novembre, quando sono stati elencati 1.800 posti di lavoro a rischio, “700 persone sono state riclassificate internamente, o sono partite per altre aziende che hanno vinto appalti, o hanno lasciato lo stesso settore delle telecomunicazioni”continua il portavoce di Scopelec.

Giovedì i dipendenti dell’azienda hanno pubblicato una lettera aperta su diversi giornali ai candidati alla presidenza Emmanuel Macron e Marine Le Pen, nonché ai candidati alle elezioni parlamentari, invitandoli a prevenire “uno dei piani sociali più duri che la Francia abbia visto da mesi”

L’azienda, che da un mese è nella procedura di backup, chiede Orange“guida davvero [sa] ristrutturazione sociale” e parte delle finanze del PSE, e che l’azionista statale “svolge il ruolo di arbitro imparziale”

Ha in programma di impugnare la decisione di venerdì 15 aprile del giudice della Camera del Tribunale di commercio di Parigi, che ha respinto la sua richiesta di rinnovo del contratto con Orange, e “premierà Orange anche nel merito perché la risoluzione dei contratti commerciali ci sembra non aver rispettato le regole del diritto commerciale”lei spiegò.

Leggi anche: Telecom: di fronte a Orange, Scopelec ottiene la squalifica in tribunale

Il mondo con AFP

Léa Salamé ha affrontato: questo il dettaglio del dibattito presidenziale che non è passato con un collega di France Inter

Gran Premio Emilia-Romagna – Max Verstappen: “Non sono ancora soddisfatto della mia macchina”