in

In Spagna, l’energia eolica trasportata da venti favorevoli – 04/11/2022 alle 18:58

Turbine eoliche a Villar de los Navarros, nella regione di Saragozza, il 5 aprile 2022 ( AFP / CESAR MANSO )

Turbine eoliche a Villar de los Navarros, nella regione di Saragozza, il 5 aprile 2022 ( AFP / CESAR MANSO )

Afflusso di investimenti e pletora di progetti: in Spagna soffia un vento favorevole nel settore eolico, che lo scorso anno è diventato la principale fonte di elettricità del Paese. Una risorsa in un momento in cui la guerra in Ucraina ha rilanciato il dibattito sull’indipendenza energetica dell’UE.

“Eccoci su un terreno favorevole”, assicura Joaquin García Latorre, project manager di Enel Green Power España, indicando i giganteschi alberi eretti sulle alture di Villar de los Navarros, villaggio di cento anime nella regione di Saragozza (nordest) .

Il gruppo italo-spagnolo ha scelto questo sito ben esposto per realizzare uno dei più grandi parchi eolici del Paese: il Tico Wind Farm, composto da 43 turbine con una capacità totale di 180 megawattora (MWh).

“Questo parco è entrato nella fase di produzione a novembre” e “sarà pienamente operativo entro un mese”, spiega Joaquin García Latorre, mentre i lavoratori lavorano attorno a queste immense macchine, che culminano a oltre cento metri di altezza. †

“Qui ci sono tra le 2.500 e le 3.000 ore di vento all’anno. Ciò significa che possiamo produrre quasi 471 gigawattora (GWh) all’anno”, ovvero “l’equivalente del consumo di 148.000 famiglie”, aggiunge il manager dell’Enel.

Dalla Galizia ai Paesi Baschi passando per l’Andalusia, progetti di questo tipo si sono moltiplicati da diversi anni in Spagna, secondo Paese in Europa dietro alla Germania e quinto Paese al mondo in termini di energia eolica installata.

Secondo il gestore della rete elettrica spagnola, lo scorso anno l’energia eolica è diventata la prima fonte di elettricità del Paese con il 23% contro il 21% del nucleare e il 17% del gas.

“L’eolico beneficia di una situazione favorevole”, anche se permangono “inibitori” nel suo sviluppo, fortemente dipendenti dalle aste organizzate dal governo, ha affermato il giudice Francisco Valverde Sanchez, specialista del settore presso la ditta Menta Energia.

Dopo un boom nei primi anni 2000 grazie alla concessione di aiuti di Stato, il settore ha subito una brusca battuta d’arresto nel 2013 dopo che i sussidi sono stati tagliati nel mezzo della crisi economica.

Da allora, le cose sono riprese: la capacità installata della Spagna, che ospita un totale di 1.265 parchi eolici, è aumentata da 23,4 gigawatt nel 2018 a 28,1 gigawatt nel 2021, secondo l’Associazione spagnola delle compagnie eoliche (AEE).

– “Loft energetico” –

Molte aree scarsamente popolate, quadro giuridico favorevole, tessuto industriale all’avanguardia… “La Spagna è attualmente uno dei mercati più interessanti per gli investitori”, sottolinea Juan Virgilio Márquez, direttore generale dell’AEE.

Installazione di turbine eoliche sulle alture di Villar de los Navarros, 5 aprile 2022 (AFP / CESAR MANSO)

Installazione di turbine eoliche sulle alture di Villar de los Navarros, 5 aprile 2022 (AFP / CESAR MANSO)

Il paese è un esportatore di aerogeneratori dal mondo in via di sviluppo ed è sede di diversi pesi massimi di fonti di energia rinnovabile, come Iberdrola o Naturgy. “Questo spiega il dinamismo del settore” e l'”appetito” che evoca, sottolinea Márquez.

Un appetito che va oltre i soli giocatori energetici: a novembre, il multimiliardario spagnolo Amancio Ortega, fondatore di Zara, ha iniettato 245 milioni di euro in un parco nel nord-est del Paese.

Questo slancio continuerà? Nel 2020, Madrid si impegna ad aumentare la quota di fonti di energia rinnovabile (eolica, solare, ecc.) nell’elettricità al 74% entro il 2030, dall’attuale 47%. Ciò porta alla messa in servizio di 22 gigawatt in otto anni.

Per raggiungere questo obiettivo, il governo punta sullo sviluppo dell’energia eolica offshore, in questa fase nascente, ma per la quale la Spagna, con i suoi migliaia di chilometri di costa, ha un grande potenziale.

“Questo è un obiettivo ambizioso”, che “ha bisogno di sfruttare ulteriormente il settore”, osserva Francisco Valverde Sanchez. Secondo lui, ciò è possibile solo a condizione che si riduca “la burocrazia”, ​​che ritarda molte pratiche.

Secondo l’AEE, quasi 600 progetti sono attualmente allo studio da parte dei servizi statali. Come parte del suo piano di risposta economica alla guerra in Ucraina, Madrid si è impegnata ad accelerare il processo per i progetti sotto i 75 MW.

La Spagna “ha risorse sufficienti per diventare il primo Paese europeo a produrre ed esportare energie rinnovabili”, essenziale per l'”indipendenza energetica dell’UE”, ha insistito mercoledì il primo ministro socialista Pedro Sanchez.

Un messaggio che è stato trasmesso in tutto il settore dall’invasione russa dell’Ucraina. “La Spagna ha un grande potenziale eolico (…) Potrebbe diventare il granaio energetico dell’Europa”, riassume Juan Virgilio Márquez.

M6, 35 anni – Privato di “Sposato a prima vista”, gli utenti di Internet esprimono la loro rabbia su Twitter

Real Madrid – Chelsea (2-3): Al Bernabeu, un’altra notte eterna che “fa la pelle d’oca”