in

La BCE continua ad aspettare nonostante l’inflazione record – 14/04/2022 alle 15:49

Sede della BCE a Francoforte, 12 marzo 2020 (AFP / Daniel ROLAND)

Sede della BCE a Francoforte, 12 marzo 2020 (AFP / Daniel ROLAND)

La Banca centrale europea (BCE) giovedì ha confermato la normalizzazione della sua politica anticrisi senza affrettarsi ad aumentare i tassi di interesse, nonostante il “grave” impatto economico della guerra in Ucraina, soprattutto sull’inflazione.

A conclusione del Consiglio dei governatori, in cui gli osservatori non si aspettavano una decisione importante, l’istituto ha ribadito il segnale di marzo per la stabilità dei prezzi e ha annunciato che gli acquisti netti di asset effettuati nell’ambito del PAA si concluderanno nel “Terzo trimestre”.

Il primo rialzo dei tassi, che si è tenuto giovedì al livello più basso, dovrebbe ancora avvenire “qualche tempo dopo”, senza ulteriori dettagli. E questo nonostante un aumento record dei prezzi nell’eurozona, che a marzo sfiorava l’8% su base annua, quasi quattro volte il target del 2% fissato dalla BCE.

“Potrebbe essere prima o poi nel trimestre, che ha tre mesi” e “il calendario esatto sarà determinato nella prossima riunione di giugno”, ha spiegato la presidente Christine Lagarde.

L’istituto di Francoforte resta quindi la più titubante tra le maggiori banche centrali, mentre la guerra in Ucraina ha dato un notevole impulso ai prezzi con effetti che potrebbero avere effetto nel tempo.

Ovunque giovedì, da Washington a Londra a Seoul, i tassi di interesse hanno iniziato a salire per combattere l’inflazione.

Ma confrontare le economie degli Stati Uniti e dell’Europa “è come confrontare le mele con le arance”, ha giustificato la signora Lagarde. “L’eurozona è più esposta e soffrirà maggiormente gli effetti della guerra”.

– “Piccioni” vs “falchi” –

L’orizzonte economico notevolmente oscurato con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia complica il compito della BCE.

“La guerra in Ucraina ha serie implicazioni per l’economia della zona euro e ha aumentato notevolmente l’incertezza”, ha osservato Lagarde.

Molti paesi della zona euro potrebbero subire un calo del PIL nei prossimi trimestri.

E un embargo europeo sul gas russo avrebbe “un impatto significativo” sull’economia, osserva la francese.

I nuovi blocchi in Cina, come a Shanghai, per combattere l’epidemia di Covid-19 stanno nuovamente interrompendo il commercio marittimo, mettendo sotto pressione le catene di approvvigionamento.

Il dibattito in Consiglio direttivo ha poi girato i “falchi” contro i “piccioni”: i primi hanno sostenuto il mantenimento di una politica monetaria accomodante per non mettere a repentaglio la ripresa economica di fronte a un’inflazione fuori dal controllo del governo. .

Ma i falchi, fautori di un approccio più duro e che stanno lentamente prendendo il sopravvento nel dibattito, vedono il rischio che l’inflazione metta radici nel tempo con il rischio di aumentare la pressione sugli aumenti salariali.

“Negli ultimi mesi l’inflazione di fondo si è spostata al di sopra del 2%”, ma la durata di questo aumento è “incerta”, ha osservato la Lagarde.

– Rischio di debito sovrano –

Alla ricerca del minimo accenno di un tono più aggressivo sull’inflazione, gli osservatori hanno analizzato il vocabolario della BCE.

L’annuncio di Euro Guardians è stato “leggermente più deciso” sui tempi della normalizzazione monetaria e “Ora ci vorrebbe una grave recessione o un forte calo delle previsioni di inflazione” per impedire la fine dei riacquisti di debito, osserva Carsten Brzeski, economista di ING. †

“Il viaggio di ‘normalizzazione monetaria’ è iniziato”, ha affermato Lagarde. “Sta andando come previsto… e vogliamo mantenere aperte tutte le opzioni.”

Ma se l’istituzione di Francoforte sta procrastinando, è perché “probabilmente ha bisogno di maggiore chiarezza sulle prospettive di crescita, inflazione e rendimenti obbligazionari”, ha affermato Holger Schmieding, economista di Berenberg.

La BCE è quindi preoccupata per il rischio di “frammentazione” all’interno dell’eurozona di 19 paesi con economie molto diverse, riflesso nell’aumento dei rendimenti dei titoli di Stato.

Questo è un segno che i mercati si stanno preparando alla riduzione della liquidità dopo sette anni di acquisti di debito della BCE, per poi vedere i tassi di interesse aumentare per la prima volta dal 2011.

Se nessun nuovo strumento è in preparazione, “possiamo farlo” e “svilupperemo qualsiasi strumento adatto”, ha affermato la signora Lagarde.

A Le Havre, Macron è stato arrestato per assenza da C8 e “Face à Baba”

Un eccezionale allineamento di quattro pianeti (e la luna) nell’aprile 2022