in

La crescita francese dovrebbe rallentare più del previsto a causa della guerra in Ucraina

pubblicato martedì 12 aprile 2022 alle 21:02

La crescita francese dovrebbe rallentare più del previsto nel primo trimestre del 2022, allo 0,25%, mentre la guerra in Ucraina sta già avendo effetti negativi significativi su diversi settori industriali, ha stimato martedì la Banque de France.

La banca centrale francese ha tagliato la sua precedente previsione di crescita dello 0,5%, quando l’INSEE prevedeva ancora un aumento dello 0,3% del prodotto interno lordo (PIL) nel primo trimestre a metà marzo.

“Dopo essere tornato ai livelli pre-crisi nel terzo trimestre del 2021, in anticipo rispetto alla media europea, il PIL (prodotto interno lordo) dovrebbe continuare a crescere nel primo trimestre del 2022”, ma in “modo più moderato”. a causa del contesto internazionale”, stima la Banque de France nella sua indagine economica mensile. Nell’ultimo trimestre del 2021 il PIL è cresciuto dello 0,7%.

Questo rallentamento dell’economia francese sembra confermare che la crescita nel corso dell’anno sarà molto inferiore al 4% inizialmente previsto dal governo, e il ministro dell’Economia Bruno Le Maire ha già indicato che il governo aggiornerà le sue previsioni a breve.

A metà marzo, l’INSEE aveva indicato di aspettarsi un calo dei consumi delle famiglie dello 0,5% nel primo trimestre, mentre il loro potere d’acquisto avrebbe dovuto diminuire dell’1,4% a causa dell’inflazione. Questa è una preoccupazione per la crescita francese, dove il consumo è stato tradizionalmente il principale motore.

“Il mese di marzo è stato caratterizzato dalla guerra in Ucraina, i cui primi effetti si stanno facendo sentire sull’economia francese. Inoltre, vista la recrudescenza dell’epidemia di Covid-19, la Cina ha reintrodotto misure di contenimento in alcune regioni, che potrebbero hanno alleviato le difficoltà di approvvigionamento rafforzato”, spiega la Banca di Francia dopo aver intervistato più di 8.000 aziende per la sua indagine.

– “Strada scivolosa” –

“Lo shock è molto meno brutale dello shock Covid di due anni fa, ma potrebbe durare più a lungo e incidere sulla nostra crescita e sui nostri posti di lavoro”, ha avvertito il governatore della Banque de France François Villeroy de Galhau in un’intervista ai giornali del gruppo Ebra (L ‘Est Républicain, Le ultime notizie dall’Alsazia, Le Dauphiné Libéré, ecc.).

“Indubbiamente dovremo attraversare tempi economici difficili. L’economia francese si sta muovendo su una strada che è diventata più agevole”, ha aggiunto.

Mentre l’attività ha continuato a progredire nel primo trimestre, è stata principalmente nel settore dei servizi, in particolare nel settore dell’ospitalità, che si sta gradualmente riprendendo dalla fine delle restrizioni sanitarie legate all’epidemia.

Nell’industria, invece, la situazione è più mista. A febbraio, la produzione industriale francese ha sorpreso gli osservatori, scendendo dello 0,9%, secondo i dati INSEE, e la situazione sarebbe ulteriormente peggiorata a marzo.

Nel settore automobilistico, le cui catene di approvvigionamento sono state duramente colpite dal conflitto in Ucraina, l’89% delle aziende intervistate dalla Banque de France afferma di avere problemi di approvvigionamento, 10 punti in più rispetto a febbraio.

Un’altra conseguenza della guerra è che anche le aziende agroalimentari stanno riscontrando problemi di approvvigionamento, poiché il Paese è uno dei principali fornitori di olio di girasole e in particolare di torte. Adesso segnalano problemi al 59%, contro il 45% di febbraio (+14 punti), sottolinea la Banque de France.

Per il mese di aprile la banca centrale segnala una situazione di “grande incertezza”, soprattutto nel settore manifatturiero, anche se le aziende prevedono ancora una lieve crescita dell’attività. I servizi rimarrebbero ben orientati, mentre le imprese di costruzione prevedono una “lievissima flessione” della loro attività.

Oltre alle interruzioni della catena di approvvigionamento, l’inflazione è un problema. È balzato al 4,5% a marzo, il livello più alto dagli anni ’80, spinto dall’aumento dei prezzi dell’energia.

sua figlia Joy condivide un momento intimo e straziante

Chelsea: Benzema offre la qualificazione al Real Madrid dopo una partita pazzesca, il riassunto della partita