in

La Francia è meno colpita della maggior parte dei paesi del mondo

Inflazione: la Francia meno colpita rispetto alla maggior parte dei paesi del mondo (Credit: Getty Images)

Inflazione: la Francia meno colpita rispetto alla maggior parte dei paesi del mondo (Credit: Getty Images)

Spinta dalla guerra in Ucraina, l’inflazione sta aumentando in tutto il mondo. Confrontando con i suoi vicini e altre superpotenze, la Francia è abbastanza risparmiata.

È diventato uno dei temi principali della campagna presidenziale delle ultime settimane. Una fonte di preoccupazione, l’inflazione ha raggiunto 4,5% negli ultimi 12 mesi Francia. Inaudito dal 1985. Questo aumento dei prezzi mina il potere d’acquisto dei francesi, che osservano impotenti l’aumento dei prezzi di energia, cibo e manufatti. La ripresa economica dopo mesi di stop dovuto al Covid ma anche e soprattutto la guerra in Ucraina spiegano questo spettacolare aumento dei prezzi in tutto il mondo. Rispetto ai suoi vicini europei e alle altre potenze mondiali, la Francia sembra meno colpita.

La Spagna è vicina al 10%

L’inflazione ha raggiunto 7% fino a UKil livello più alto dal marzo 1992 e 7,3% in Germania, un record storico per più di 40 anni. Raggiunge persino il picco Spagna con inflazione vicina al 10% a marzo (9,8%† Per aiutare gli spagnoli a far fronte, il primo ministro Pedro Sanchez ha annunciato un taglio dei prezzi del carburante di 20 centesimi al litro per tutti gli automobilisti. In Italia e dentro Sveziacresce anche l’inflazione, ma in misura minore: rispettivamente 6,7% dall’altra parte delle Alpi e 6,1% per il paese scandinavo. Se i paesi europei nel loro insieme sono “riluttanti a tassare gli eccessi di profitto delle società energetiche, l’Italia è l’unico Stato che ha fatto il grande passo”, conferma gli echi† Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha deciso di imporre una maggiorazione del 10% sui profitti delle grandi imprese del settore energetico realizzati tra ottobre 2021 e marzo 2022, nel pieno della crisi energetica.

Aumento limitato in Asia

Al stati Uniti, il tasso di inflazione è di quattro punti superiore a quello della Francia. Come in Europa, ha raggiunto livelli senza precedenti per più di quarant’anni: 8,5%† L’inflazione, al livello record da 40 anni, sta colpendo duramente le tasche delle famiglie americane più modeste. “Questi aumenti dei prezzi sono particolarmente dolorosi per le famiglie a basso reddito, che spendono una quota maggiore in cibo e trasporti”, ha affermato il governatore della Fed Lael Brainard durante un’intervista al Wall Street Journal. Il vicino di casa canadese sovraperformato con un aumento dei prezzi percepito di 5,7%

L’Asia sembra resistere meglio. In Cinal’indice dei prezzi al consumo è a 1,5% nel mese di marzo. Questo leggero aumento è correlato “all’aumento globale dei prezzi di grano, mais e soia”, ha affermato Dong Lijuan, uno statistico del National Bureau of Statistics (BNS). Molto lontano dall’aumento dei prezzi osservato in Europa e negli Stati Uniti, Giappone, dopo anni di deflazione, l’inflazione si sta riscoprendo. “Umaibo, questi popcorn bar molto popolari in Giappone, il cui prezzo di 10 yen (7,7 centesimi) non era cambiato dal 1979, ora costa 2 yen in più (1,5 centesimi)”, sottolinea Il mondo† Secondo la Banca del Giappone, l’inflazione potrebbe salire fino a… 2% in Aprile. Ciò che molti stati sognano.

VIDEO – Come si spiega l’aumento dell’inflazione degli ultimi mesi?

Roubaix – Wout Van Aert farà bene la Parigi-Roubaix… è ufficiale!

Atletica: Alysson Felix, molto più di una campionessa