in

La giustizia francese emette un mandato d’arresto internazionale per Carlos Ghosn

L'ex presidente e amministratore delegato di Renault-Nissan, Carlos Ghosn, l'8 gennaio 2020 a Beirut.

La giustizia francese ha emesso un mandato d’arresto internazionale contro Carlos Ghosn, ex presidente e amministratore delegato dell’Alleanza Renault-Nissan (RNBV), nell’ambito di un’indagine a Nanterre (Hauts-de-Seine), in particolare per abuso di beni e denaro dell’azienda riciclaggio di denaro, ha dichiarato venerdì 22 aprile la procura di Nanterre conferma delle informazioni da giornale di Wall Street

L’uomo d’affari franco-libanese-brasiliano, che doveva essere processato a Tokyo per appropriazione indebita finanziaria, vive a Beirut dalla sua incredibile fuga dal Giappone alla fine del 2019. A Nanterre, gli investigatori sono interessati a quasi 15 milioni di euro di pagamenti sospetti tra RNBV e il distributore della casa automobilistica francese in Oman, Suhail Bahwan Automobiles (SBA).

Quando il mandato d’arresto viene eseguito, Carlos Ghosn viene portato davanti a un giudice istruttore di Nanterre, che lo informa delle sue accuse. L’ex boss di Nissan e Renault è fuori dalla portata della giustizia giapponese perché il Libano non estrada i suoi cittadini.

“Questo mandato è molto sorprendente”

Il gip di Nanterre incaricato delle indagini ha emesso in totale cinque mandati di cattura internazionali: oltre a Carlos Ghosn, prendono di mira “gli attuali proprietari o ex dirigenti della società omanita SBA”disse il procuratore.

“Non si tratta di un mandato d’arresto emesso dalla Francia, ma dal Tribunale di Nanterre nel corso di un’indagine in corso, nello specifico dal parquet di Nanterre”Uno degli avvocati di Ghosn, Jean Tamalet, di King e Spalding ha risposto:

“Questo mandato è molto sorprendente, perché il gip e la procura di Nanterre sono ben consapevoli che Carlos Ghosn, che ha sempre lavorato con la magistratura, è soggetto a un divieto giudiziario di lasciare il territorio libanese. †

Durante le loro indagini, i magistrati di Nanterre si erano già recati due volte a Beirut. A febbraio, hanno sentito due testimoni lì. A giugno, con i magistrati di Parigi, avevano proceduto all’udienza gratuita di cinque giorni del sig. Ghosn per le indagini su Nanterre e Parigi.

Contattato, l’avvocato di Renault, parte civile nel procedimento, non è stato raggiunto venerdì mattina.

perdita incredibile

Alla fine del 2019, il signor Ghosn era su cauzione a Tokyo. Gli è stato impedito di lasciare il Giappone in attesa del processo per presunta cattiva condotta finanziaria mentre era al timone di Nissan. Sig. Ghosn ha sempre affermato la sua innocenza in questo caso.

Il 29 dicembre 2019, dopo aver viaggiato in incognito da Tokyo a Osaka sullo Shinkansen, il treno ad alta velocità giapponese, si è nascosto in una grande scatola con piccoli fori discreti per permettergli di respirare. Ad esempio, il signor Ghosn era sfuggito ai controlli all’aeroporto internazionale del Kansai. Il controllo del bagaglio non era obbligatorio per i passeggeri a bordo di un jet privato in quel momento.

Era andato via Istanbul a Beirut a bordo di jet privati ​​noleggiati per l’occasione. Nel febbraio 2020, tre persone sono state condannate a più di quattro anni di carcere ciascuna da un tribunale di Istanbul, in Turchia, in questo caso: un funzionario di una compagnia di noleggio di jet turca e due piloti.

Il volo del signor Ghosn non ha impedito l’apertura, nel settembre 2020, di un processo penale a Tokyo per danni differiti per un totale di decine di milioni di dollari. Li avrebbe toccati in seguito, ma questo non era menzionato nei rapporti sulle azioni del gruppo.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti I segreti ben custoditi della fuga giapponese di Carlos Ghosn

Il mondo con AFP

il suo sublime abito corto agli Invictus Games vale una fortuna! Ti diciamo tutto

Esplosione fattoria, morti i Delcourt, Karim e Nordine? – Domani è nostro 26 aprile 2022 (Episodio 1172) | domani è nostro