in

La mania per gli NFT e le criptovalute si sta esaurendo

Fluttua nel mercato NFT (token non fungibili, “token non fungibili”), questi certificati di proprietà digitali registrati nella blockchain (una tecnologia per la memorizzazione e la trasmissione di informazioni basata sulla crittografia) che sono stati contatori in preda al panico nell’ultimo anno. Secondo un rapporto pubblicato il 5 maggio dalla piattaforma di monitoraggio Chainalysis, la mania per questi token mostra un forte calo nel primo trimestre del 2022. Sulla scia della vendita record di 69 milioni di dollari di una NFT da parte dell’artista Beeple nel marzo 2021, il numero di transazioni era esploso, superando rapidamente la soglia dei 40 miliardi di dollari per l’intero anno.

Leggi la decodifica: Vendere un tweet da 2,1 milioni di euro, video da cinque milioni: NFT, un nuovo El Dorado digitale?

Secondo la compagnia di assicurazioni Hiscox, le prime tre case d’asta, Sotheby’s, Christie’s e Phillips, che non si erano mai avventurate in quest’area, avevano poi venduto NFT per un valore di 185 milioni di dollari. Ma questa crescita è irregolare e oscilla drasticamente di mese in mese. Pertanto, Chainalysis ha registrato un picco di attività nell’agosto 2021, in coincidenza con il rilascio della collezione NFT Mutant Ape Yacht Club dalla start-up Yuga Labs. Alla fine di gennaio, gli scambi si sono ripresi dopo il lancio della piattaforma LooksRare.

Da allora, tuttavia, il mercato ha subito una grave flessione. In un mese, tra febbraio e marzo, il volume di spesa è sceso da 3,9 miliardi di dollari a 964 milioni di dollari. Per Ethan McMahon, economista di Chainalysis, “Il calo degli scambi di NFT nel primo trimestre del 2022 ha coinciso con il calo dei mercati più ampi delle criptovalute”. Tuttavia, ai suoi occhi “L’interesse delle persone sta aumentando e diminuendo indipendentemente dalle criptovalute, che è anche la forza di questo mercato.”

“A una bolla”

Questa volatilità non preoccupa gli specialisti. Secondo Chainalysis, gli acquirenti di NFT hanno già speso più di 37 miliardi di dollari quest’anno. E il mercato si è ripreso a metà aprile, quando Yuga Labs, a cui dobbiamo anche la collezione Bored Ape Yacht Club, ha messo in vendita lotti virtuali del suo prossimo progetto metaverso (mondo virtuale), chiamato Other side. Il potenziale è tale che la piattaforma NFT SuperRare aprirà una galleria molto fisica a New York il 19 maggio per espandere la sua comunità e conquistare gli ultimi recalcitranti.

La ricerca Chainalysis mostra anche che questa classe di attività attrae acquirenti da tutto il mondo, con l’Asia centrale e meridionale in testa, seguita da Nord America ed Europa. Le loro motivazioni non potrebbero essere più chiare: una propensione all’investimento piuttosto che una passione per l’arte. Secondo un sondaggio pubblicato da Hiscox il 25 aprile, il ROI rimane il driver principale per oltre l’80% degli acquirenti di NFT. Appena un quarto di loro, per lo più donne, afferma di cercare l’arte crittografica che gli piace.

Hai ancora il 31,21% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Test Philips Hue Smart Plug: una pratica presa connessa nell’ecosistema Hue

Wall Street scivola, sbornia dopo la Fed – 05/05/2022 alle 17:32′