in

“La possibilità di una recessione nel 2022 è tutt’altro che trascurabile in Europa”, Philippe Waechter

LA GALLERIA- INSEE sta arrivando confermare la prima stima di inflazione di marzo al 4,5%. Sei sorpreso da questo aumento?

PHILIPPE WAECHTER – No, questo aumento è comune in molti paesi europei. Nell’area euro, anche Italia, Spagna e Germania hanno registrato a marzo una forte accelerazione dell’inflazione. Questa accelerazione è in gran parte dovuta al forte aumento dei prezzi dell’energia. Nel dettaglio, vediamo che a marzo il prezzo dell’energia è nuovamente salito bruscamente. Tuttavia, la Francia è leggermente indietro rispetto agli altri paesi a causa dello scudo energetico del governo che protegge.

Secondo INSEE, questo scudo consente di limitare l’inflazione di circa l’1,5%. Questo è un fattore vantaggioso a breve termine. Gioca meno a benzina che a gas o elettricità. Da quando la Russia è entrata in guerra in Ucraina, i prezzi dell’energia sono aumentati notevolmente. I dati di marzo indicano un aumento tra il 60% e il 100% rispetto alla media del 2021. Si tratta di un aumento piuttosto brutale.

Inflazione confermata a 4,5% a marzo: SMIC salirà del 2,65% il 1° maggio

Cosa possiamo aspettarci nelle prossime settimane?

Non possiamo presumere che i prezzi dell’energia scendano spontaneamente. Fino a quando Se il prezzo al barile si mantiene a livello dell’Eurozona a 102 euro, come a marzo 2022, il contributo dell’energia all’inflazione sarà molto forte nei prossimi mesi.

Nell’Eurozona il contributo dell’energia dovrebbe aggirarsi intorno al 2% entro fine anno. Ci sono ancora molte incertezze a livello diplomatico e sulla strategia dell’Europa sul gas russo.

Lo shock dei prezzi dell’energia potrebbe portare a una recessione in Europa e Francia?

Se mettiamo l’attuale shock energetico in prospettiva storica, il prezzo di un barile di petrolio è a un livello molto alto. Il prezzo al barile in euro costanti è molto più alto rispetto ai due shock petroliferi degli anni 70. Quando si verifica uno shock energetico accompagnato da un’accelerazione improvvisa del prezzo dell’energia, di solito segue una recessione. Questo shock energetico sta costringendo tutti gli attori economici ad arbitrare nelle loro spese. Le famiglie devono scegliere tra combustibili e altri beni. Chi dipende dall’auto è penalizzato nei consumi. Le aziende sono costrette a pagare di più per la loro energia. Li costringe a fare delle scelte. Questa situazione cambia l’allocazione delle risorse. È un fattore che destabilizza la situazione economica.

Inoltre, con un tale aumento dei prezzi dell’energia, le bollette dell’energia aumentano notevolmente. C’è un trasferimento di reddito ai paesi produttori di petrolio. Questo reddito non torna spontaneamente. Gli europei sono costretti ad adeguare il loro budget a questa bolletta del petrolio. La domanda rivolta alle aziende è necessariamente inferiore.

La probabilità di una recessione nel 2022 è tutt’altro che trascurabile in Europa e Francia. Ciò non significa che l’attività crollerà presto. La probabilità di un’attività prossima allo zero in Europa e in Francia è tutt’altro che nulla. Lo shock energetico può essere di natura sistematica.

L’orizzonte economico notevolmente oscurato con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia complica il compito della BCE. Che margine di manovra ha il presidente Christine Lagarde?

La Banca centrale europea non ha molto margine di manovra. L’obiettivo principale della BCE resta l’inflazione. Nell’eurozona è attualmente al 7,5% a marzo. Guardando i contributi dei diversi articoli, energia e cibo contribuiscono per il 5,5%. Il contributo di energia e cibo è molto più alto di quello di beni e servizi. La BCE non può controllare la produzione di petrolio o gas. Questa situazione è vincolante per la BCE. Negli Stati Uniti il ​​contributo di beni e servizi all’inflazione è molto elevato rispetto a quello dell’energia. La Federal Reserve può agire più facilmente.

In Europa, fare trading significa assumersi il rischio dell’attività di trading senza pesare sull’inflazione. Christine Lagarde vuole mantenere bassa l’inflazione. È probabile che la BCE alzi i tassi di interesse a settembre e dicembre. Per ora, il suo discorso mostra che l’inflazione attuale non dovrebbe essere nella mente di tutti gli attori economici e che non tutti integrano l’idea che l’inflazione sia persistente. Deve inasprire il tono per evitare un’inflazione continua. Allo stesso tempo, ha invitato i governi ad adottare politiche accomodanti per sostenere la domanda. Il dramma più grande per le banche centrali è l’inflazione in corso.

Intervista di Grégoire Normand

Inflazione: la BCE è di parere opposto rispetto alle altre banche centrali