in

La Société Générale cessa le attività in Russia

Una filiale di Rosbank, una filiale di Société Générale, a Mosca, nel maggio 2013.

La Société Générale ha deciso di lasciare la Russia poco dopo l’inizio della guerra in Ucraina. Tuttavia, il suo capo, Frédéric Oudéa, aveva internamente indicato che, “Per una banca che finanzia l’economia, che è controllata dalla banca centrale, non si può dire dall’oggi al domani: mi fermo. †

È per questo “dopo alcune settimane di intenso lavoro” che il gruppo bancario francese ha annunciato lunedì 11 aprile la firma di un accordo che gli consentirà di vendere tutte le sue controllate Rosbank e assicurative in Russia a Interros Capital. È di proprietà dell’oligarca Vladimir Potanin, uno degli uomini più ricchi della Russia e vicino a Vladimir Putin, che controlla il gigante minerario Nornickel. Interros Capital conosce bene la banca da quando era il precedente proprietario di Rosbank, che l’ha venduta in blocchi a Société Générale dal 2006.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti La guerra in Ucraina, uno scenario oscuro per la Société Générale nella sua avventura russa

Tale operazione, da completare, “nelle prossime settimane”, consentirà alla banca francese di prelevare denaro “fuori dalla Russia in modo efficace e ordinato, assicurando continuità” ai suoi 12.000 dipendenti e ai suoi clienti, precisa il gruppo. In una dichiarazione separata, Interros ha dichiarato lunedì che: “i termini dell’accordo” [avaient] approvato dalla Commissione governativa per il controllo degli investimenti esteri nella Federazione Russa”

“Significativo impatto finanziario”

Questa partenza ha un prezzo elevato. La Société Générale lascia più o meno le chiavi. Rosbank, una delle principali banche private russe, è stata acquistata a caro prezzo (4 miliardi di euro in totale) e il valore delle attività cedute deve essere cancellato dai conti dell’istituto francese. Questo, invece, riceve ” un deposito “ dall’acquirente Interros Capital, che include il rimborso di un debito concesso da Société Générale alla sua controllata russa per un importo di 500 milioni di euro.

La Société Générale ha calcolato il costo di questo ritiro in 3,1 miliardi di euro. La banca tricolore, che ha realizzato un utile di 5,6 miliardi di euro nel 2021, deve assorbire lo shock. In un messaggio inviato lunedì mattina ai dipendenti del gruppo, Frédéric Oudéa ha sottolineato che: “questa vendita avrebbe conseguenze finanziarie significative nel 2022, ma possiamo gestirle”† La banca ha inoltre voluto confermare il pagamento di un dividendo di 1,65 euro per azione (sottoposto al voto dell’Assemblea degli Azionisti il ​​17 maggio) e ha annunciato il proprio programma di acquisto di azioni proprie per un importo di circa 915 milioni di euro. “Non è fatale per il gruppo, ma questo episodio conferma l’idea che alla Société Générale succede sempre qualcosa, dall’affare Kerviel nel 2008”nota un ex direttore di banca.

Hai ancora il 50,79% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

sua figlia Ael annuncia una triste notizia, tristezza!

chi è Salim Ben Seghir, autore del suo grande esordio professionale?