in

la startup Unseenlabs aumenta inesorabilmente la sua potenza di fuoco

I fratelli galiziani (Clément, Jonathan e Benjamin) “depotenti” a bordo di Unseenlabs, la startup di Rennes che hanno fondato nel 2015. Dopo aver lanciato due satelliti di rilevamento del segnale a radiofrequenza BRO-5 (Breizh Reconnaissance Orbiter-5) lo scorso gennaio e poi BRO-7 a bordo di due lanciatori Falcon 9 (SpaceX) all’inizio di aprile, Unseenlabs ha ora una settima orbita satellitare da lunedì a martedì. di Electron (BRO-6) di Rocket Lab. A distanza di un mese, questi due satelliti aumenteranno la potenza di fuoco della costellazione di satelliti Unseenlabs finora destinati al mercato marittimo. Dal 2019 la startup francese, che rivendica il posto di leader europeo nel rilevamento di segnali a radiofrequenza (RF) dallo spazio, sta espandendo la più grande costellazione del suo genere.

Unseenlabs affronta la crisi dei lanciatori

Con due nuovi satelliti RF in orbita, Unseenlabs migliorerà logicamente il proprio servizio e aumenterà le vendite. “Per clienti e aziende il profitto è immediatosottolinea l’amministratore delegato e co-fondatore della startup Clément Galic in un’intervista a La Tribune. Offriremo più revisioni e quindi più dati disponibili per i nostri clienti. Questi due nuovi satelliti stanno sistematicamente migliorando il nostro intero servizio”.† E Clément Galic vuole andare veloce, davvero veloce. Prevede di lanciare altri tre satelliti entro la fine dell’anno per avere una forza d’attacco commerciale aggiuntiva con una costellazione di 10 satelliti e “venti in due anni”† Tuttavia, l’evidente mancanza di lanciatori attualmente disponibili potrebbe vanificare questo obiettivo a brevissimo termine.

Il dispiegamento “dipenderà dai lanciatori a disposizione”, spiega Clément Galic. Con la crisi attuale non è detto che sia vinta, ma siamo pronti. Non stiamo rallentando il dispiegamento della nostra costellazione. Al contrario. accelerando, ma basta non andando veloce come vorremmo”.

SpaceX e Rocket Lab ma anche Arianespace. “Sono davvero i tre operatori su cui ci affidiamo”, specifica il capo di Unseenlabs. Tuttavia Arianespace sta attraversando attualmente una crisi acuta con la chiusura della Soyuz a Kourou e Baïkonour a causa della guerra in Ucraina e delle incertezze di Vega con l’arrivo di Vega C e soprattutto la cessazione della produzione dei motori dello stadio superiore AVUM di Vega e Vega C in Ucraina dalla società Youjnoye a Dnipro. Infine, la fermata programmata di Ariane 5 esercita un’enorme pressione sulla messa in servizio di Ariane 6, auspicata entro la fine dell’anno ma ragionevolmente prevista per il 2023. Tuttavia, Clément Galic desidera “concentrarsi seriamente su Ariane 6 e usarlo per molte ragioni. Non vediamo l’ora di vedere anche Vega C decollare. Queste sono grandi opportunità”

Perché una tale strategia? Il flusso è buono tra Unseenlabs e Arianespace. “Abbiamo già fatto una campagna con loro, è andata bene, osserva Clemens Galico. Andiamo d’accordo con le squadre Ariane. Le loro proposte e il loro accesso allo spazio si adattano perfettamente a una società come la nostra. Sono venuti davvero da noi così. È molto positivo”† Inoltre, Unseenlabs ha scoperto le stazioni della croce per lanciare un satellite dalla Francia. “Esportare un satellite fuori dalla Francia è molto complicatolui nota. Con tutti i rischi che comporta, vorremmo farne a meno”† Ma come Clément Galic ci ricorda Arianespace, “Tecnicamente è buono, ma non ha abbastanza lanciatori”† Risultato, la società di marketing per i lanci di lanciatori europei “non copre tutte le nostre esigenze”

“Con l’arrivo di Vega C e Ariane 6, speriamo che questi due lanciatori migliorino l’accesso allo spazio. Oggi non è così e quindi non utilizziamo Ariane tutto il tempo, ma il nostro desiderio rimane quello di lanciarci su Ariane”, spiega Clemente Galico.

Marittimo: un mercato tra 2 e 4 miliardi di dollari

In termini di sviluppo, Unseenlabs è alla vigilia di una crescita vertiginosa. “Siamo a un tasso di crescita superiore al 100% all’anno. È un’accelerazione molto rapida. Inoltre, il mercato c’è”, assicura il co-fondatore di Unseenlabs. Nel 2021 la startup ha realizzato un fatturato di oltre 5 milioni di euro. Dovrebbe logicamente superare la soglia dei 10 milioni di euro nel 2022. La messa in servizio di due nuovi satelliti consentirà a Unseenlabs di assicurarsi più contratti, possibilmente più grandi, e quindi più fatturato. Ma anche redditività nonostante gli investimenti fatti per implementare un setup. “Non ci mettiamo nei guai installando nuovi satelliti. Perché il vantaggio commerciale è veloce”spiega Clemente Galico.

Unseenlabs, come il suo unico concorrente statunitense HawkEye 360, sta già beneficiando e beneficerà ancora di più in futuro dell’esplosione del mercato RF, con un valore compreso tra 2 e 4 miliardi di dollari per tutte le attività marittime (sorveglianza e operazioni dello Stato in mare, assicurazioni, armatori, petrolio e gas, ONG… E il mercato della difesa?Unseenlabs assicura una rapida crescita, soprattutto all’estero.L’azienda riceve richieste in tutte le aree in cui gli interessi marittimi geopolitici, strategici ed economici sono onnipresenti, come il Pacifico e L’Oceano Indiano, il Mar Cinese, tutto il Nord Europa e infine le calotte polari. “Tutte queste aree complesse hanno un impatto anche sul trasporto marittimo, a cominciare, ad esempio, dalla congestione di alcuni porti”lui dice.

In Francia, il Ministero delle Forze Armate è da tempo consapevole del valore aggiunto operativo di una capacità lo spazio segnala l’intelligenza. Questo è il motivo per cui si è evoluto e ha orbitato attorno alla Terra costellazione di tre satelliti CERES. Tuttavia, Unseenlabs crede di avere il suo posto nel mercato francese. Le società private possono fornire capacità aggiuntiva al ministero. Ad esempio, la startup sta già lavorando insieme alla marina francese. “Il nostro obiettivo è dimostrare che abbiamo dati puliti e utilizzabili da integrare” la capacità del ministero. E funziona con la Marina Nazionale. “Abbiamo lavorato bene e mano nella mano con la Marina francese per sviluppare prodotti adatti. E ha dato i suoi frutti”dice Clemente Galico.

Nuovi mercati target

Il mercato RF è incredibilmente eccitante per Unseenlabs. “RF ha il buon gusto di creare nuovi mercati”Si rallegra del capo di Unseenlab, che è all’indomani. “Ci sono tutti gli altri mercati che possiamo aprire con la RF. Il mercato marittimo è solo un primo passo. Ci ha permesso di affermare la nostra credibilità. È un mercato molto importante che esiste, ma abbiamo già in mente progetti per sviluppare nuovi prodotti”† Quella ? Clément Galic per il momento non vuole rinunciare a queste aree di sviluppo. “Ci stiamo lavorando e lo annunceremo quando i prodotti saranno pronti. È il nostro modo di farlo”, lui spiega. Unseenlabs potrebbe entrare molto rapidamente in nuovi mercati. Dal 2023. “È l’obiettivo”assicura.

Ma Unseenlabs è già interessato ai mercati legati al rilevamento di segnali a radiofrequenza a terra. “Vedremo anche cosa sta succedendo sulla terraferma. Le nostre tecnologie sono perfettamente adatte a portare valore aggiunto in mercati diversi dall’industria marittima”, accetta di spiegare. I mercati interessati potrebbero essere il trasporto terrestre, l’identificazione delle attività umane in aree difficili da raggiungere, il monitoraggio durante i disastri naturali o il monitoraggio delle reti terrestri. “C’è molto a che fare con la RF. Questa tecnologia consente di misurare l’attività umana in tutto il mondo”.lui ricorda.

Diventa più forte nell’elaborazione dei dati

Infine, Unseenlabs vuole rafforzare e sviluppare l’intera parte analitica (analisi dei dati, elaborazione e consulenza dai dati spaziali) di RF. Un mercato emergente “gigantesco”, dice Clemente Galico. Soprattutto negli Stati Uniti. “È impressionante vedere quanto siano avanti a noi gli Stati Uniti quando si tratta di utilizzare i dati spaziali”afferma Clément Galic, che ha partecipato alla mostra GEOINT a Denver (24-27 aprile). “Tutte le aziende coinvolte nell’elaborazione dei dati ora hanno in mente di fare progetti con RF. È diventato quasi essenziale”lui nota.

La startup di Rennes, che è già in questo mercato, si sta naturalmente sviluppando sulla sua cassa di guerra, RF. Ma anche in questo ambito la startup Rennes vuole stringere partnership con aziende per raggiungere molti più clienti. “Unseenlabs porta il mattone RF ai partner, che riteniamo siano i migliori in questo campolui dice. Di conseguenza, hanno accesso alla nostra RF di altissima qualità nelle loro soluzioni e sono quindi in grado di integrare i loro dati”.† Vinci vinci. La pepita di Unseenlabs si trova davvero su una rampa di lancio.