in

l’aumento dei prezzi colpisce anche i ristoranti

pubblicato venerdì 22 aprile 2022 alle 09:10

BFMTV riporta i risultati dei sondaggi di The Fork e Umih (organizzazione dei datori di lavoro del settore dell’ospitalità) che mostrano che anche i ristoratori devono fare i conti con l’aumento dei prezzi. Più di due terzi stanno quindi pianificando di cambiare le carte.

I tempi sono duri in Francia, dove l’inflazione è ancora molto alta. BFMTV ricorda che a marzo era del 4,5% in un anno. Una situazione economica che ha un impatto immediato su alcuni settori come quello dell’ospitalità, ad esempio. La piattaforma di prenotazione online The Fork ha condotto un sondaggio in cui nove ristoranti su dieci (91%) hanno affermato di aver sentito l’impatto dell’inflazione sulla propria attività nel primo trimestre.

L’organizzazione dei datori di lavoro del settore della ristorazione Umih riferisce anche che, come molte famiglie francesi, i ristoratori sono preoccupati per le bollette energetiche, i cui prezzi sono aumentati notevolmente negli ultimi mesi. Per il 31% di loro, questa è la loro preoccupazione numero uno. Il tema delle materie prime è al secondo posto (28%), davanti alle sempre più difficili assunzioni (20%).

Inoltre, come sottolinea BFMTV, nel settore dell’ospitalità è emersa una nuova fascia salariale. In particolare, stabilisce che il salario minimo deve essere del 5% superiore al salario minimo. Per quanto riguarda la rete complessiva, dovrebbe registrare un incremento medio del 16,33%.

Verso un aumento dei menu?

I professionisti del settore si chiedono quali passi intraprendere per evitare di entrare in una difficile situazione economica. Del 91% dei ristoratori preoccupati per l’inflazione, il 68% è stato in grado di personalizzare il proprio menu, riporta The Fork, citato da BFMTV.

Alcuni siti stanno riscontrando anche problemi di fornitura in il petrolio-† Un ristorante di Metz deve far fronte a un aumento dei prezzi del 42% del suo olio per friggere, indica France Bleu. Quindi deve adattarsi. “Sulla nostra tessera estiva ci sarà un leggero aumento di prezzo fino a un massimo di 20 centesimi”confida il manager, Myriam Ruffenach.

Un rialzo dei prezzi in forte calo mentre l’attività mostra interessanti segnali di ripresa. Secondo De Fork, “la quota di prenotazioni per il pranzo è aumentata di 2 punti passando dal 33 al 35% dall’abolizione del pass vaccinale a metà marzo”† Aspetta e vedi se questo slancio è frenato da un futuro aumento dei prezzi per i clienti.

Buon piano a Perpignan: ristoranti a metà prezzo oggi e per più di un mese

Olympique Lyonnais Risposta in contanti alle offerte di acquisto