in

“Le banche centrali non giocano con il fuoco. Sono in fiamme! » Editoriale di Carlo SANNAT

Miei cari impertinenti, cari impertinenti,

Dopo la pioggia arriva inevitabilmente il bel tempo.

Dopo la notte arriva necessariamente il giorno.

Dopo l’inverno arriva l’estate.

Alcune cose sono immutabili.

Lo stesso vale per le crisi economiche.

Non accadono mai, dico MAI per caso.

Sono le banche centrali a decidere sulla recessione o sulla crescita.

Come ?

Generalmente con l’arma tariffaria e più in generale con l’arma monetaria.

Le banche centrali aprono o chiudono il rubinetto della liquidità e quindi della quantità di denaro in circolazione nel mondo.

Maggiore è la quantità di denaro, maggiore è la crescita.

Più si riduce la quantità di denaro, meno la crescita è forte.

Logica.

Quando le banche centrali alzano i tassi di interesse e smettono di acquistare attività, sottraggono molti soldi all’economia.

Aggiungi a ciò il fatto negli Stati Uniti che il governo degli Stati Uniti ha appena (comprensibilmente) ritirato 2.200 miliardi di dollari in aiuti covid versati alla popolazione nel 2020 e nel 2021, e hai molti, ma molti meno soldi.

Infine, perché non solo, con l’inflazione all’8,5% ei prezzi dell’energia che esplodono, il drenaggio dell’economia è ancora maggiore e questo riduce in modo significativo e violento il potere di acquisto delle famiglie e quindi il dinamismo dell’economia.

Le banche centrali sanno molto bene cosa stanno facendo.

E cosa stanno cercando di fare?

Frenare l’inflazione, ridurre le bolle speculative che si sono sviluppate su tutti gli asset, pregando che ciò non porti all’insolvenza generale del sistema.

Tuttavia, stanno assumendo un enorme rischio di farlo al momento della guerra in Ucraina e quando l’energia è al suo apice, amplificando l’effetto recessivo dell’aumento delle tariffe.

Le possibilità che non entriamo in recessione quest’anno sono scarse.

Le banche centrali hanno deciso di distruggere l’economia.

Non giocano con il fuoco.

Hanno dato fuoco all’economia.

Quindi ora non è il momento di affrettarsi ad acquistare asset di tipo obbligazionario o di mercato azionario, che saranno ampiamente corretti nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

Ci sono altre cose che puoi fare per proteggere la tua ricchezza e renderla il più resiliente possibile. Ve ne parlerò nello specifico nello speciale file di strategia che vi scrivo questo mese di maggio 2022.

È già troppo tardi, ma non tutto è perduto.

Preparatevi!

Carlo SANNAT

“Insolentiae” significa “impertinenza” in latino
Per scrivermi [email protected]
Per scrivere a mia moglie [email protected]

Puoi anche iscriverti alla mia newsletter mensile “STRATEGIE” che ti porterà oltre e dove condivido con te le soluzioni concrete che puoi implementare per prepararti al prossimo mondo. Queste soluzioni sono articolate attorno all’approccio PEL: patrimonio, occupazione, ubicazione. L’idea è di condividere con voi le risorse ei metodi per rafforzare la vostra resilienza personale e familiare.

“Per reprimere le rivoluzioni pacifiche, si rendono inevitabili le rivoluzioni violente” (JFK)

“Questo è un articolo ‘presslib’, cioè totalmente o parzialmente privo di riproduzione, a condizione che questo paragrafo sia riprodotto dopo di esso. Insolentiae.com è il sito in cui Charles Sannat parla quotidianamente, fornendo analisi brutali e intransigenti delle notizie economiche. Grazie per aver visitato il mio sito. Puoi iscriverti gratuitamente alla newsletter quotidiana su www.insolentiae.com. †

GeForce RTX 4090 e GeForce RTX 4070, svelate le loro meccaniche…

proverà a correggere uno dei principali difetti di Pixel 6 e Pixel 6 Pro