in

L’hypercar francese Delage D12 sta finalmente guidando

Quasi due anni dopo l’annuncio del modello, il Delage D12 è attualmente in fase di test in pista per il suo sviluppo. Questa hypercar ibrida dovrebbe resuscitare il marchio francese.

Nell’agosto 2020 la casa francese Delage, un tempo prestigiosa ma scomparsa nel 1953, è risorta sotto la guida dell’imprenditore Laurent Tapie con una hypercar denominata D12, quindi in linea con la D6 e la D8 e sottolineando la presenza di un V12 ibrido sotto il cofano. Nonostante la pandemia e i tanti ostacoli che questo tipo di progetti deve ancora affrontare, lo sviluppo di Delage e del D12 è ancora nei tempi previsti† Un prototipo è appena entrato nel suo secondo mese di test sul circuito di Nevers Magny-Cours, con l’aiuto di Exagon Engineering.

Una squadra d’élite per la D12. progettare

Promemoria: Delage vuole trasformare la D12 in una vera F1 stradale. Si tratta di un coupé biposto in tandem la cui cabina si apre facendo ruotare un tettuccio dalla parte anteriore, come alcuni aerei da combattimento. Il V12 7.6L posteriore centrale appositamente progettato sviluppa 990 CV, a cui un motore elettrico aggiunge 110 CV nella versione GT o 20 CV nella versione Club† Quest’ultimo pesa 1.300 kg a secco e con ciò il produttore vuole battere il record su strada sul Nürburgring. Tra i progettisti ci sono Benoît Bagur, direttore tecnico di successo in questa posizione alla Seat nel WTCC, e Mauro Bianchi, inventore della sospensione contratta utilizzata in F1 e trovata nella D12. Il pilota dello sviluppo non è altro che Jacques Villeneuve, tra gli altri campione del mondo di F1 1997. Secondo Laurent Tapie, affidare questa posizione a un pilota piuttosto che a un ingegnere rende l’auto più “viva”. L’imprenditore cita l’esempio della Ferrari F430 Scuderia sviluppata da Michael Schumacher in un’intervista a Maxim. Tapie è lui stesso un pilota da corsa e dice di aver avuto l’idea di progettare un’auto da corsa di F1 dopo aver avuto la possibilità di provare una monoposto nella Premier League nel 1996″.Niente che ho guidato da allora, comprese le recenti supercar da 700 o 800 cavalli, offre emozioni che si avvicinano“, lui spiega.

Una hypercar 100% francese?

La D12 dovrebbe essere prodotta solo in 30 esemplari, nel sud della Francia. Il primo sarà messo all’asta, gli altri saranno offerti al prezzo unitario di 2 milioni di euro tasse escluse† E alcuni sono già riservati, grazie ad alcune presentazioni a potenziali clienti nel corso degli ultimi mesi. Gli accordi di distribuzione sono stati appena firmati negli Stati Uniti. Delage prevede di consegnare le prime auto nel quarto trimestre del 2023. La compagnia cercherà anche di battere il record del Nürburgring il prossimo anno. Laurent Tapie punta su un rapporto peso/potenza vantaggioso rispetto alla Porsche 911 GT2 RS Type 991 (con pacchetto Manthey opzionale) che possiede da giugno 2021. † L’imprenditore sembra particolarmente desideroso di riportare la Francia in prima linea nelle auto di fascia alta, come ha fatto durante l’età d’oro di Delage, che Bugatti può rivendicare solo oggi sotto il controllo congiunto di Porsche (Germania) e Rimac (Croazia). Da quale atto.

pubblicato su 05/09/2022 Aggiornato 05/09/2022 Max.K

Verso un balzo del Cac 40 dopo il generale “sell-off” dei mercati, Riunione mattutina

Bitcoin scenderà a $ 20.000?