in

NFT: “Bored Ape Yacht Club” vende la terra del Metaverse per $ 300 milioni

La terra non si scambia solo con milioni di euro nei quartieri privilegiati di Parigi o con vista sul mare sulla Costa Azzurra. Anche nel mondo virtuale: lo scorso fine settimana, Yuga Labs ha lanciato una vendita di terreno in relazione al suo nuovo progetto metaverso , questi nuovi universi virtuali e immersivi popolati da avatar 3D. Ha raccolto circa $ 320 milioni, senza precedenti per una transazione come questa.

“Questi lotti sono stati venduti molto rapidamente, il che mostra l’interesse, sia in termini di numero di persone che di importi impegnati per questo nuovo metaverso. Queste trame consentiranno a ciascuno dei loro possessori di creare i propri mondi: giochi, stadi sportivi, cinema e persino altre cose”, sottolinea Thibault Genouville, consulente del Boston Consulting Group (BCG). “Yuga Labs ha già una reputazione e una comunità consolidate nel Web3. »

blockchain

In realtà, Yuga Labs non è alla sua prima incursione nella frenesia per il virtuale: sostenuto da grandi nomi come Andreessen Horowitz (che investe massicciamente in Web3), Animoca Brands (noto per il suo metaverso La sabbiera e il suo gioco “Axie Infinity”), Coinbase (una delle più grandi piattaforme di scambio di criptovalute), è lo studio dietro la collezione “Bored Ape Yacht Club”, queste famosissime immagini di scimmie, in NFT – certificati digitali emessi e riscattabili tramite una tecnologia di contabilità decentralizzata (blockchain) che dimostra la proprietà.

La domanda per la terra di Yuga Labs nel suo futuro metaverso chiamato “Otherside” è stata tale da sconvolgere l’ecosistema blockchain di Ethereum, ha riferito l’agenzia di stampa Bloomberg.

In particolare, sono stati posti in vendita 55.000 lotti sotto forma di NFT (“Altri atti”). La sottigliezza è che questi pacchetti dovevano essere pagati in una criptovaluta, ApeCoin (APE), lanciata da Yuga.

Forte aumento delle commissioni

Questi grafici sono stati mostrati a un prezzo fisso di 305 APE, o circa $ 6.000 alla fine della scorsa settimana. Prezzo a cui vanno aggiunte le “commissioni gas”, una sorta di canone di rete per la transazione da effettuare in blockchain. “Si tratta di commissioni pagate a specialisti IT responsabili della manutenzione della rete e della convalida delle transazioni in modo decentralizzato”, ha affermato Thibault Genouville.

Tuttavia, queste commissioni aumentano quando c’è un gran numero di transazioni contemporaneamente, secondo la legge della domanda e dell’offerta. Durante il fine settimana, queste “commissioni del gas” sono salite a livelli senza precedenti – anche al di sopra del prezzo degli NFT in questione – e hanno interrotto le negoziazioni. Non è stato possibile completare alcune operazioni e le piattaforme che utilizzano la blockchain di Ethereum sono state interessate.

Gli osservatori hanno quindi puntato il dito su questa vendita. “Alcuni pensano che un’altra istituzione possa aver consentito costi di transazione inferiori. Questo ci ricorda anche che la tecnologia dovrà migliorare ulteriormente”, continua l’esperto di BCG.

Anche Yuga Labs si è scusato per questo tramite Twitter, suggerendo che forse ApeCoin dovrebbe avere una propria blockchain.

Anche alcuni dei principali investitori dietro Yuga Labs hanno acquistato molti lotti. Ma oltre ai 55.000 lotti in vendita, la terra è stata assegnata ai membri del Bored Ape Yacht Club.

Yuga Labs ha preso i riflettori a marzo quando ha raccolto con successo 450 milioni di dollari – uno dei più grandi affari del settore – e ha valutato lo studio a 4 miliardi di dollari.

I ricavi del primo trimestre di Pfizer salgono a 25,7 miliardi di dollari

Le 4 regole di Bernard Arnault per diventare milionario