in

Non utilizzare questo miele venduto nei supermercati!

Numerosi sono i richiami di prodotti alimentari. Dai cioccolatini Kinder alle pizze surgelate Buitoni, passando per i dadi e il formaggio Jardin Bio. Da oltre un anno sono stati registrati oltre 4.000 richiami di prodotti. Sono più di 250 promemoria al mese.

Il miele è conosciuto come molto puro e naturale. La sua composizione lo rende un alimento imperituro. Infatti, a causa del bassissimo contenuto di acqua e acidità, i batteri non possono crescere nel miele. A meno che non sia stato modificato con l’aggiunta di zucchero (che è una truffa all’interno dell’Unione Europea), il miele è infatti una materia prima dalle proprietà riconosciute.

richiamo del prodotto a base di miele

In effetti è fondamentalmente molto È raro che si verifichi un problema nutrizionale a causa di: di miele. È ancora meglio se lo acquisti direttamente dal produttore. Tuttavia, il sito di Bere promemoria recentemente riportato il richiamo di due referenze di miele.

Entrambi i prodotti sono venduti nei supermercati. Non è un rischio per la salute. Il richiamo del prodotto è il risultato di un cambiamento nell’aspetto e nel gusto del prodotto.

Richiamo del prodotto: il miele in questione è innocuo per la salute

Il miele richiamato presenta alterazioni organolettiche. Se il termine suona impressionante, significa semplicemente che il prodotto ha un aspetto, una sensazione o addirittura un sapore diverso da quello previsto.

Tuttavia, poiché le normative francesi sono molto rigide, il prodotto che non soddisfa le specifiche deve essere richiamato† Il miele in questione è venduto in vasetti del marchio BESACIER.

Il primo è un miele di fiori d’arancio biologico, 500 g. Il lotto è il 02/11/2023 L2B e il data di scadenza è il 02/11/2023. Il secondo è Miele di Fiori d’Arancio in vasetto da 500 g. Sono stati richiamati due lotti: 01/10/2024 L3D e 07/07/2023 L3D con date di scadenza rispettivamente 01/10/2024 e 07/07/2023. Tuttavia, questo miele è oggetto di un richiamo senza decisione prefettizia e basato sulla partecipazione volontaria del produttore.

Questo miele non va quindi consumato. Tuttavia, se l’hai già mangiato, non c’è pericolo per te. Siamo lontani dagli scandali sulle pizze Buitoni o sul cioccolato Kinder per bambini.

Intersezione richiamo prodotto intermarche leclerc

Tuttavia, se vuoi indietro i tuoi soldi, dovresti restituire il miele al negozio il prima possibile. Le referenze in questione sono vendute in tutta la Francia. Questi sono i marchi Leclerc, Auchan, Intermarché e Carrefours Market.

Come sempre, tutte le informazioni sono dettagliate sul sito Rappel Conso.fr, che elenca tutti i prodotti interessati dal richiamo. Puoi anche contattare il Servizio Consumatori allo 04 77 67 17 33 (numero verde) per ulteriore assistenza.

Promemoria prodotto: un sito Web accessibile a tutti

Per contrastare questo fenomeno e informare meglio i consumatori, la Direzione Generale della Concorrenza, dei Consumatori e della Prevenzione delle Frodi (DGCCRF) ha finalmente istituito un portale con tutti richiami di prodotti segnalati in Francia† Questo sito, richiamo.conso.gouv.frgratuito e disponibile da giovedì 1 aprile 2021, mira ad essere l’unico sito di avvertenze sui prodotti pericolosi.

In questo portale i richiami di prodotto sono classificati in diversi temi (cibo, igiene-bellezza, habitat-casa, elettrodomestici-attrezzi, ecc.) con una foto del prodotto, il marchio, il rischio ed eventualmente il numero di lotto e/o l’area geografica interessata.

Le droghe, d’altra parte, mancheranno da questa lista. I medicinali e i dispositivi medici continueranno a essere dichiarati all’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali (ANSM) secondo le procedure esistenti, ha affermato il ministero degli Affari economici.

Tutte queste informazioni sono dettagliate dal professionista stesso, che ha l’obbligo di segnalare tutti i suoi richiami su questo sito compilando una scheda prodotto. In definitiva, tutto poggia sulle spalle delle aziende, che speriamo non tarderanno ad arrivare.

Pechino prevede di sostituire tutti i suoi PC con hardware e sistema operativo cinese

Peggior sessione dal 2020 per Wall Street, il Nasdaq perde quasi il 5%