in

Orange punta sull’Europa per rendere redditizia la sua banca

Filiale di Orange Bank ad Abidjan (Costa d'Avorio), 24 luglio 2020.

Il progetto è ancora confidenziale. Orange ha avviato una riorganizzazione delle sue attività bancarie nelle ultime settimane, è stato informato Il mondo. Con due obiettivi: semplificare il sistema informatico di Orange Bank e quindi implementare il mobile banking in Europa, al di fuori dei due mercati attuali, Francia e Spagna. Ad esempio, Orange Bank potrebbe essere aggiunta alle attività di telecomunicazione dell’operatore, in Polonia, Belgio o Romania. Arancio non commenta.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Perché Groupama vuole lasciare Orange Bank

“One Bank”, nome in codice del progetto presentato ai rappresentanti del personale della banca, prevede la fusione di Orange Bank France e della filiale spagnola aperta a fine 2019. I rischi delle attività di back office, IT e di gestione verrebbero così raggruppati. Ciò comporterebbe una riduzione dell’organico di una trentina di persone, delle 820 attualmente presenti nella struttura, unicamente non sostituendo gli abbandoni naturali, precisa una fonte. La nuova piattaforma informatica è in fase di sviluppo. Sono previsti trenta milioni di euro di risparmio.

Accumulo di perdite

Una nuova direzione di sviluppo utilizzerebbe questa organizzazione per lanciare servizi finanziari in altri paesi europei, sperando di generare più reddito bancario netto a un costo marginale. “Questo progetto dovrebbe rendere più facile il pareggio per Orange Bank”assicura una fonte.

Lanciato nel novembre 2017 in Francia, dopo l’acquisizione di Groupama Banque alla fine del 2016, il mobile banking ha sempre perso denaro. In cinque anni, Orange Bank ha accumulato quasi 800 milioni di euro di perdite nette, costringendo l’azionista di controllo a tornare al piatto ogni anno. Nel 2021 Orange ha sottoscritto un aumento di capitale di 300 milioni di euro, in aggiunta ai 637 milioni di euro versati tra il 2017 e il 2020. L’operatore spera che il suo istituto finanziario raggiunga l’equilibrio operativo entro la fine del 2024. Ciò presuppone di assorbire altri tre anni di perdite.

L’azienda ha poco più di 1,4 milioni di clienti individuali in Francia e Spagna, di cui “quasi tutti” hanno sottoscritto l’offerta a pagamento.

Orange ora ha libero sfogo per lanciare questo progetto. Nell’ottobre 2021 l’operatore ha acquistato la quota di minoranza del 21,7% di quella Groupama ancora detenuto. I due partner non erano più sulla stessa lunghezza d’onda: Orange ha criticato il peso della piattaforma informatica ereditata da Groupama Banque e l’assicuratore non ha voluto finanziare le ambizioni europee del suo partner. In qualità di unico master a bordo, l’operatore di telecomunicazioni spera di rivitalizzare la propria banca intrecciandola maggiormente con le attività di telecomunicazione, come la gestione dei suoi programmi di fidelizzazione, che non è necessariamente vista bene dai team commerciali dell’operatore. Questa nuova partecipazione semplificherà anche il trasferimento dei costi tra la rete di negozi Orange e la banca, mentre quest’ultima dovrebbe fungere da argomento commerciale per acquisire o fidelizzare clienti telefonici, ad esempio, crediti per acquistare uno smartphone

Hai ancora il 36,31% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Duello comparativo: Delonghi Nespresso Lattissima One vs Philips L’OR Barista Latte

Ion Hazikostas parla di potere, talenti, fama, Dragonflight… – World of Warcraft