in

per la prima volta quest’anno i prezzi scendono alla pompa!

Cifre Ministero della Transizione Ecologica

Questo non è necessariamente un motivo di festa – poiché i prezzi sono ancora molto alti – ma è un informazione da notare. I prezzi stanno scendendo D‘Dopo i dati forniti venerdì dal Ministero della Transizione Ecologica, il diesel ha raggiunto una media di 1,9755 euro al litro. Il record si attesta a 2.1407 euro, cifra raggiunta pochi giorni prima. Dal canto suo, la super SP 95 è passata da 2.0825 euro a 1.9737 euro e la super SP 95-E10 da 2.0286 euro a 1.9334 euro.

Di fronte alla rabbia dei francesi che non sanno come chiudere in verde la loro fine mese, il governo ha deciso di intervenire. Sono state adottate misure di sostegno per i francesi. Dal 1 aprile, e per quattro mesi, “ uno sconto alla pompa di 15 centesimi al litro » vale per tutti i francesi, senza eccezioneTale sconto, annunciato il 12 marzo da Jean Castex, è stato esteso a metano e GPL. † Total ha dato un accordo in linea di principio per andare oltre lo sforzo dello Stato”. dice Jean Castex.

Non aspettarti di vedere lo sconto, verrà detratto al momento del pagamento alla pompa. È quindi lo stato che è responsabile del rimborso dei distributori.

Quel momento in cui non devi mai fare rifornimento

I francesi vogliono risparmiare. Stanno cercando il trucco più piccolo. Auto Plus ne ha uno che può aiutarti. Non lo sapevamo, ma non è consigliabile fare rifornimento subito dopo che un’autocisterna ha rifornito la pompa. Come mai ? Perché riempiendo i serbatoi, il veicolo solleva lo sporco che si è accumulato sul fondo. E quella sporcizia finisce nella tua macchina. Non c’è alcun rischio, la tua auto non ne risentirà. D’altra parte, contiene meno benzina o diesel mentre il conto sarà lo stesso.

Auto Plus non si ferma qui e dà altri consigli. Ad esempio, ora preferiamo fare rifornimento al mattino e senza premere troppo il grilletto. Infatti, al mattino carburante fa ancora freddo. Quindi è più vicino. Quindi, secondo i nostri colleghi, la pistola ti dà più carburante, ma allo stesso prezzo. Nel pomeriggio, soprattutto quando fa caldo, il carburante è più volatile ed evapora più facilmente.

Prezzi della benzina: le proposte dei candidati alle elezioni presidenziali

Mentre la guerra infuria in Ucraina, la Francia si rivolge alle elezioni presidenziali, che si terranno ad aprile. Si ritiene, tuttavia, che la campagna non sia mai realmente iniziata. E giustamente, non c’è stato ancora un grande dibattito con tutti i candidati. Emmanuel Macron si rifiuta di discutere con i suoi oppositori e solo alcuni piccoli dibattiti hanno avuto luogo tra i due candidati (e non convince, come colei che si oppose a Valérie Pécresse contro Eric Zemmour).

I candidati a metà campagna hanno parlato chiaramente della questione dell’aumento dei prezzi dei carburanti. Perché è un argomento caldo che i francesi vogliono soluzioni† Marine Le Pen propone il taglio delle tasse, in particolare l’Iva, che scenderebbe dal 20% al 5,5%. Yannick Jadot vuole crescere il valore del controllo energetico (che andrebbe da cento a quattrocento euro). Emmanuel Macron non vuole tagliare le tasse da parte sua, ma prevede di introdurre un nuovo assegno da cento euroEric Zemmour vuole congelare i prezzi a 1,80 euro al litro mentre sotto il suo mandato le aziende devono rimborsare il 50% delle spese chilometriche. Infine, Jean-Luc Mélenchon vuole abbassare i prezzi a 1,40 euro al litro. † Ora tocca alle compagnie petrolifere fare uno sforzo. Il pagamento spetta all’erario privato, non all’erario pubblico‘ ha spiegato su Twitter.


Chiusura del gioco “SUTOM”: France Télévisions smette di perseguire il creatore di un nuovo “Motus” online

Gareth Bale rivela le sue 4 verità sul Real Madrid