in

perché è improbabile che venga arrestato?

Carlos Ghosn è l’obiettivo di un mandato d’arresto internazionale emesso dalla Francia e di un messaggio rosso dell’Interpol su richiesta del Giappone. Ma le possibilità che venga arrestato sono scarse.

Giovedì la giustizia francese ha emesso un mandato d’arresto internazionale contro Carlos Ghosn, ex capo dell’alleanza Renault Nissan (RNBV), nell’ambito di un’indagine a Nanterre, in particolare per uso improprio dei beni aziendali, riciclaggio di denaro e corruzione.

Gli investigatori francesi sono interessati a un pagamento di 15 milioni di euro che ritengono sospetto tra RNBV e il distributore della casa automobilistica francese in Oman, Suhail Bahwan Automobiles (SBA).

Ma in pratica, le possibilità che Carlos Ghosn venga arrestato e processato in Francia sono scarse. Dalla sua incredibile fuga dal Giappone alla fine del 2019, il miliardario ha vissuto in Libano, paese di cui è cittadino perché franco-libanese-brasiliano.

Annuncio rosso dell’Interpol

Carlos Ghosn è già il bersaglio di un messaggio rosso dell’Interpol emesso dal Giappone nel 2020. È una semplice richiesta di arresto. L’Interpol emette avvisi rossi richiedendo l’ubicazione e l’arresto di persone ricercate per l’estradizione.

Tuttavia, il miliardario è protetto, perché le autorità libanesi non estradano i loro cittadini. Finché non lascia il Paese, in linea di principio non rischia nulla. E non ha motivo di farlo, visto che il Libano gli ha vietato di lasciare il Paese dal gennaio 2020, a seguito della pubblicazione del mandato d’arresto dell’Interpol. Il suo passaporto francese è stato sequestrato dalle autorità.

“A seconda del contenuto del fascicolo, sarà processato se sarà dimostrato che i crimini di cui è accusato in Giappone richiedono procedimenti legali in Libano”, ha detto una fonte in quel momento. Mondo

Nessun accordo di mutuo soccorso tra Libano e Francia

Il mandato d’arresto internazionale emesso dalla Francia, degno di accusa, è un segnale forte inviato al Libano. Ma è improbabile che l’ordine venga attuato, poiché Francia e Libano non hanno un trattato di assistenza legale reciproca in materia penale. In concreto, nulla obbliga le autorità libanesi a estradare Carlos Ghosn in Francia.

Se così fosse, Carlos Ghosn verrebbe quindi presentato direttamente a un giudice istruttore a Nanterre, che gli notificherebbe le accuse a suo carico.

I magistrati francesi si sono già recati due volte a Beirut per condurre le loro indagini. Lo scorso febbraio i magistrati di Nanterre hanno ascoltato due testimoni. E il giugno precedente, con magistrati di Parigi, si era proceduto all’udienza gratuita di cinque giorni di Carlos Ghosn, per le indagini a lui dirette a Nanterre ea Parigi.

Alexandra Rosenfeld, vittima della “minofobia”? Il termine è scelto piuttosto male…

Fabienne Carat rivela accidentalmente il volto di sua figlia Celeste