in

Più creazione di posti di lavoro ad aprile negli Stati Uniti

Joe Biden accoglie favorevolmente questa mossa dei leader aziendali, che sta portando avanti la ripresa economica dopo il Covid.

Le aziende statunitensi hanno continuato ad assumere più personale ad aprile, una tendenza accolta favorevolmente da Joe Biden, che la vede come il risultato delle sue politiche economiche.

Nonostante i costi più elevati dovuti alla carenza cronica di manodopera e all’inflazione record, i datori di lavoro hanno aggiunto 428.000 nuovi posti di lavoro all’economia, in particolare nei settori dei servizi, manifatturiero e dei trasporti, che sono stati i più colpiti dalla pandemia.

Questo è più dei 395.000 posti di lavoro previsti dal consenso degli analisti. Ma questo è invariato rispetto a marzo, dove il numero è stato leggermente rivisto al ribasso. In due anni, l’economia statunitense ha recuperato quasi il 95% dei 22 milioni di posti di lavoro distrutti quando la pandemia di Covid ha paralizzato l’attività economica e fatto precipitare gli Stati Uniti in una profonda recessione nella primavera del 2020.

Sebbene ci sia stato un effetto di recupero dopo la distruzione immediata e massiccia e un tasso di disoccupazione record del 14,7% nell’aprile 2020, il presidente democratico si è preso il merito di questa ripresa. †Le nostre politiche hanno portato alla più forte creazione di posti di lavoro dei tempi moderniJoe Biden ha osservato in un comunicato stampa.Il calo della disoccupazione (è) il più rapido dall’inizio di un mandato presidenzialeHa aggiunto.

Il tasso di disoccupazione è rimasto vicino al livello di febbraio 2020 al 3,6%, cioè poco prima del diffondersi della pandemia. Al 3,5% era allora al livello più basso dal 1969. Ad aprile il numero dei disoccupati è rimasto “sostanzialmente invariato a 5,9 milioniil ministero ha osservato nel suo comunicato stampa.

Il tasso di disoccupazione dei neri o degli afroamericani, invece, è sceso al 5,9% il mese scorso dal 6,2% di marzo, pur rimanendo molto più alto di quello dei bianchi (3,2%, invariato) e degli ispanici (4, 1). %, in calo di 0,1 punti). Al contrario, sia il tasso di occupazione del 62,2% che il tasso di occupazione del 60,0% sono cambiati poco nell’ultimo mese e sono ancora inferiori dell’1,2% ciascuno rispetto a febbraio. livello 2020.

Carenza di manodopera

L’offerta di lavoro non è riuscita a tenere il passo con l’ondata record di creazione di posti di lavoro nell’ultimo anno.

Nell’ultimo anno, le aziende hanno lottato con la carenza di personale dopo numerosi pensionamenti durante la pandemia e massicci licenziamenti ogni mese per trovare condizioni di lavoro migliori.

Secondo un altro sondaggio del Dipartimento del lavoro pubblicato questa settimana, ci sono più di 11 milioni di posti di lavoro disponibili nel paese, un record. Il settore del tempo libero e dell’ospitalità sta ancora perdendo 1,4 milioni di posti di lavoro dai livelli pre-crisi, ha affermato l’economista di Grant Tronton Diane Swonk.

Nota che queste perdite rappresentano più degli 1,2 milioni di posti di lavoro mancanti dal picco di febbraio 2020. Per il settore dell’istruzione, mancano ancora più di 300.000 posti di lavoro. †Il burnout e gli aumenti salariali in ritardo nell’istruzione non stanno aiutandosull’assunzione, ha osservato la signora Swonk.

Nel tentativo di attirare candidati, le aziende del settore privato hanno migliorato le loro condizioni salariali, aumentato i bonus per le assunzioni e ora offrono vantaggi sociali più generosi. Ciò ha comportato un aumento dei salari, che sono aumentati dello 0,3% ad aprile rispetto a marzo. In un anno sono aumentati del 5,5%, un balzo che non è bastato a compensare l’inflazione record.

Non c’è dubbio che l’inflazione e i prezzi elevati siano una sfida per le famiglie in tutto il paese e combattere l’inflazione è la mia priorità assoluta.Joe Biden ha affermato che ha nuovamente incolpato la pandemia e l’invasione russa dell’Ucraina per il deterioramento dell’inflazione. L’inflazione negli Stati Uniti si è attestata all’8,5% a/a a marzo, secondo l’indice CPI, il più alto in 40 anni.

I mercati azionari europei capitolano alla minaccia dell’inflazione… o della recessione

Sfortuna, Netflix ora è minacciata dai suoi azionisti