in

Prestiti immobiliari: i mutuatari possono essere incarcerati con un tasso massimo troppo basso

È probabile che il tasso di usura fissato dalla Banque de France impedisca ad alcuni mutuatari di accedere ai mutui.  Foto illustrativa.  (Moerschy/Pixabay)

È probabile che il tasso di usura fissato dalla Banque de France impedisca ad alcuni mutuatari di accedere ai mutui. Foto illustrativa. (Moerschy/Pixabay)

Mentre i tassi sui prestiti sono aumentati dall’inizio dell’anno, i tassi usurari fissati dalla Banque de France sono tali che il tasso di interesse offerto dagli istituti di credito lo supera. Il fenomeno potrebbe privare molti francesi che non sono necessariamente in difficoltà di un prestito immobiliare.

“C’è il pericolo reale che molti privati ​​non possano più prendere in prestito”

, teme Sandrine Allonier, portavoce di Vousfinancer.com. L’aumento dei tassi di interesse ridurrà effettivamente la capacità di indebitamento dei francesi, indica

il parigino

† Alcuni saranno esclusi dal prestito a causa di un tasso di usura troppo basso. Lo decide la Banque de France. Corrisponde al tasso percentuale annuo massimo (APR) al quale le banche possono prendere in prestito denaro in Francia. Ma è troppo vicino alle tariffe convenzionali, dicono i broker.

Revisione trimestrale della tariffa

La Banque de France comunica trimestralmente gli interessi usurari. Ad esempio, dal 31 marzo è aumentato il tasso di interesse massimo per i prestiti con durata inferiore ai dieci anni, ma è diminuito per i prestiti con durata pari o superiore a 20 anni. Ha raggiunto il 2,40% dal 2,60% di un anno fa. Tuttavia, un anno fa, i mutuatari potevano ottenere prestiti a un tasso dell’1,25% rispetto all’1,40%. Quindi c’era più margine di manovra.

Secondo il CSA Housing Credit Observatory, i tassi sono aumentati in media dello 0,40% nel 2022. Non sono più solo le persone a basso reddito o con problemi di salute a risentire del rifiuto del prestito, ma anche i richiedenti che qualche mese fa avevano visto il proprio banchiere accettare la pratica. Una coppia di 40 anni con un reddito di 45.000 euro e un importo di 200.000 euro in 20 anni con un acconto del 10% può ricevere un tasso dell’1,95%. Aggiungendo l’assicurazione del mutuatario allo 0,30%, la garanzia del mutuo per la casa e la quota di iscrizione, il TAEG raggiunge il 2,70%. Questo è al di sopra del tasso di usura.

Un cupo futuro

Tuttavia, ci sono soluzioni per rimanere sotto di essa.

“Possiamo sempre provare a negoziare tassi di prestito, coperture assicurative più basse o commissioni di intermediazione più basse, ma questo non è sostenibile nel tempo”

, spiega Sandrine Allonier. La situazione dovrebbe peggiorare nelle prossime settimane. La Banque de France fisserà un nuovo tasso di usura per il prossimo trimestre a partire dal 1° luglio.

I dati sulla difesa segreta confermano il nostro primo visitatore interstellare

Coppa Italia: l’Inter vince il derby contro il Milan (3-0) e si qualifica alla finale