in

Prezzi in aumento: la corsa francese a olio e farina, le vendite esplodono di oltre il 50% a inizio aprile 2022

L’inflazione e la guerra in Ucraina stanno facendo salire i prezzi di alcuni generi alimentari sugli scaffali. Quindi, rispetto alla stessa settimana del 2021, le vendite di farina e olio in Francia sono aumentate di oltre il 50%, segno che i francesi stanno facendo scorte, come durante il 1° lockdown del Covid.

Di fronte ai continui aumenti dei prezzi e al rischio di carenze, la scorsa settimana (4-11 aprile) i francesi si sono precipitati nelle materie prime. Secondo una nota dell’IRI, trasmessa da LSA, le vendite di farina e olio sono aumentate rispetto allo stesso periodo del 202, illustrando perfettamente il fenomeno vissuto durante le prime carceri legate al Covid, a sapere che i consumatori stanno accumulando scorte in massa.

Leggi anche:
Prezzi del cibo: torna a salire! Un ulteriore aumento “dal 4 al 6%” previsto nelle prossime settimane

Lo stoccaggio di farina (+57,4%) e olio (+55%) è infatti proseguito in modo molto forte la scorsa settimana. †Dall’inizio del conflitto in Ucraina (fine febbraio), i volumi di petrolio sono aumentati del +33% rispetto al 2021 e del +4% in più rispetto al 2020 (periodo di conservazione e inizio del primo confinamento in cui i francesi hanno avuto il tempo di cucinare e cuocere): abbastanza per abusare delle filiere‘ disse Iri.

Una situazione che in Germania è nota da qualche settimana. L’Ufficio federale di statistica tedesco (Destatis) ha pubblicato i dati sul comportamento di acquisto dei consumatori dall’ottava (21-27 febbraio) alla decima (7-13 marzo) settimana dell’anno.

Leggi anche:
Prezzi in aumento: cresce tutto anche in Germania, i litri di olio di girasole sfiorano ora i 5 euro

Quindi, con lo scoppio della guerra nella regione, i consumatori tedeschi si riversarono su cibi come olio da cucina e farina.

Le vendite di olio da cucina nel paese dal 7 al 13 marzo 2022 (settimana 10) sono aumentate del 123% e le vendite di farina del 206% rispetto alla media di settembre 2021, 6 anni fa.

“L’aumento può essere attribuito all’inizio della guerra, poiché negli ultimi 6 mesi non si sono verificati aumenti di questo tipo nei dati di vendita”Destatis ha detto in una nota.

Durante l’undicesima settimana dell’anno (14-20 marzo), le vendite di farina e olio da cucina sono rimaste forti, sebbene siano state inferiori rispetto alla settimana prima. Tuttavia, Destatis non può dire se il motivo del calo sia stato il calo della domanda o gli scaffali dei supermercati vuoti.

Cannes 2022 senza Netflix: perché questo attesissimo film non sarà al festival – Actus Ciné

Paris-Roubaix – Quick-Step non è più la migliore squadra sul selciato, Lefevere suona in rivolta