in

quattro domande sul mandato d’arresto internazionale emesso dai tribunali francesi nei confronti dell’ex boss della Renault

Nuovo passo nella cosiddetta vicenda “Carlos Ghosn”. Giovedì 21 aprile, la giustizia francese ha emesso un mandato d’arresto internazionale contro l’ex boss della Renault-Nissan. L’uomo d’affari di 68 anni, che doveva essere processato a Tokyo con l’accusa di appropriazione indebita finanziaria, vive a Beirut (Libano) dal suo incredibile volo dal Giappone alla fine del 2019.

Il presente mandato d’arresto è stato emesso in relazione a: delle informazioni giudiziarie accedute in data 12 febbraio 2020 dalla Procura della Repubblica di Nanterre, in particolare per abuso di beni aziendali, riciclaggio e corruzione. Cosa significa questa decisione? Cosa accadrà a Carlos Ghosn? Di cosa è accusato esattamente? Elementi di risposta.

1Cosa significa questo mandato di cattura?

Questo mandato d’arresto internazionale è degno di incriminazione. Se viene giustiziato, l’ex boss viene immediatamente portato davanti a un gip a Nanterre, che lo informa delle accuse a suo carico. Ma Carlos Ghosn vive in Libano, Paese che non estrada i propri cittadini, e le autorità libanesi gli hanno imposto un divieto di viaggio.

Questo mandato è molto sorprendente perché il gip e il pm di Nanterre sanno bene che Carlos Ghosn, che ha sempre lavorato con la magistratura, è soggetto a un divieto giudiziario di lasciare il territorio libanese.rispose Jean Tamalet, uno degli avvocati dell’imprenditore.

2Perché Carlos Ghosn è in Libano?

Carlos Ghosn era fuggito dal Giappone, nascosto in una scatola di apparecchiature audio. Aveva giustificato questa fuga affermando di aver voluto… “fuggire dall’ingiustizia”credendo di essere vittima di a “cospirazione” autorità giapponesi. L’ex boss è quindi sotto mandato d’arresto dell’Interpol per eludere la giustizia giapponese.

Dalla sua fuga, Carlos Ghosn ha vissuto a Beirut ed è rimasto discreto. Si è astenuto dal commentare la travagliata vita politica ed economica del paese e non ha tenuto conferenze alla Holy Spirit University di Kaslik. In un colloquio a parigino lo scorso febbraio ha assicurato di voler tornare in Francia. “Non posso tornare per ora”ha detto in questa intervista.

“La Francia è qui, resta, i governi passano. Certo, il giorno in cui potrò, andrò in Francia”, Lui ha spiegato. E Carlos Ghosn per il . Citare in giudizio “Pugnalata a morte dal governo francese e dal management della Renault”la casa automobilistica che ha avviato un procedimento civile in questo caso.

3Di cosa lo accusa la giustizia francese?

A pochi mesi dall’arresto di Carlos Ghosn a Tokyo nel novembre 2018, la giustizia giapponese sospetta di lui non ha dichiarato parte del suo reddito a Nissan, La Renault aveva denunciato ai tribunali francesi che il suo ex capo per il suo… “beneficio personale” un beneficio in natura di 50.000 euro nell’ambito di un accordo di sponsorizzazione con la Reggia di Versailles.

Nel febbraio 2020 l’informazione giudiziaria è stata aperta dal pubblico ministero di Nanterre e l’indagine è stata poi nell’interesse del Giudici francesi per pagamenti sospetti (quasi 15 milioni di euro) tra l’alleanza Renault-Nissan e la società Suhail Bahwan Automobiles (Sba), distributore del marchio di diamanti nel Sultanato dell’Oman. Nel giugno 2021, i magistrati hanno visitato Beirut per cinque giorni Interrogando Carlos Ghosn

Il giudice istruttore incaricato delle indagini ha emesso anche altri quattro mandati di cattura internazionali contro: “gli attuali proprietari o ex dirigenti della società omanita SBA“, ha detto all’Afp il pubblico ministero di Nanterre. La giustizia li accusa di riciclaggio o corruzione.

4Come hanno reagito Renault e il management?

Il ministro dell’Economia Bruno Le Maire ha detto a BFMTV che non l’avrebbe fatto “no comment”chiama a “lascia che la giustizia faccia il suo lavoro”† Stessa storia da parte di Emmanuel Macron. “Non entrerò in quella che è una decisione giudiziaria che viene presa in modo indipendente”disse il presidente, candidato alla rielezione, su? Francia Inter† E per fare gli auguri al capo dello Stato “che la giustizia può fare il suo lavoro con chiunque, qualsiasi soggetto che sia”

Il gruppo Renault, che fino ad ora non si era mai pronunciato, “prende atto della decisione dei magistrati”ha detto ad AFP il suo avvocato, Kami Haeri. “Questo è un grande passo che può essere spiegato dalla gravità dei nuovi fatti emersi a seguito di indagini approfondite che hanno portato alla luce le relazioni finanziarie nascoste tra Carlos Ghosn e i fondatori e i leader della SBA”.Ha aggiunto.

Cosa fare a Lione questo fine settimana? (23, 24 e 25 aprile 2022)

Doctor Strange 2: Il multiverso MCU ancora in azione nel nuovo trailer