in

Recensione Yeedi Vac 2 Pro: il robot aspirapolvere che soffia caldo e freddo

Valutazione dell'editore: 4 su 5

Facilità d’uso

La nuova versione del suo robot non è cambiata nell’aspetto rispetto al suo predecessore, il stazione di lavaggio

Il bianco immacolato, il robot di questo nuova collezione è dotato di più sensori e di una telecamera sul cofano. Quest’ultimo è diretto verso l’alto e fornisce la mappatura dell’ambiente. Il suo vantaggio sta nelle sue dimensioni, che, senza la presenza di una torretta, evitano pochi centimetri di altezza. Quindi raggiunge i 7,7 cm, contro i 9,6 cm del Roborock Q7 Max+

Accanto a questa fotocamera, viene utilizzato un solo pulsante per avviare la pulizia. Non c’è modo di chiedere al robot di tornare alla sua base o aspirare una piccola area senza l’applicazione mobile. Ma i controlli di base, che troviamo sulla maggior parte dei robot aspirapolvere, in particolare il Dreame L10 Pro

Altre funzioni compaiono una volta sollevato il coperchio: un pulsante di accensione e un altro per ripristinare il dispositivo. Accanto ad esso c’è in genere un raccoglitore di rifiuti (420 ml) nell’addome del robot con il suo filtro in schiuma e il suo filtro HEPA.

Mentre modelli come il Neato D9 Con recipienti da 0,7 l, Yeedi Vac 2 Pro può contare sulla sua docking station. All’interno, un sacchetto per la polvere da 2,5 litri consente al robot di drenare prima di continuare a pulire. La capacità del collettore non è quindi essenziale. Tuttavia, questa stazione è opzionale e richiede ulteriori $ 199 per acquistarla. Chi ne è ostacolato, o non ha lo spazio necessario, resta sulla base originale, che è discreta e più compatta, senza sacchetto per la polvere, e con la quale si può semplicemente caricare il dispositivo.

Sotto la pancia dello Yeedi Vac 2 Pro, una spazzola con setole in nylon alternate e lame in gomma è responsabile della raccolta della polvere, mentre una spazzola laterale trasporta i rifiuti alla spazzola principale.

Infine, sul retro del robot è possibile installare un serbatoio dell’acqua da 180 ml. Una salvietta fine, tutt’altro che qualificata come una scopa in microfibra, a differenza di quella della Dreame L10 Pro — inumidisce il pavimento per completare la pulizia. Se abbiamo dei dubbi sull’efficienza di lavaggio di questo mocio, Yeedi afferma comunque che si tratta di un sistema oscillante, che riproduce il movimento avanti e indietro di un lavaggio a mano. Infatti, quando installiamo il serbatoio, il Vac 2 Pro vibra fortemente con il suo mocio; che ci rassicura sulle prestazioni di lavaggio.

Connettività e App

Il Vac 2 Pro si configura tramite l’app Yeedi collegandosi al Wi-Fi. Il processo di associazione continua fino a quando il robot non ha effettuato l’accesso, dopodiché sono disponibili opzioni e telecomandi. L’apparecchio può iniziare la pulizia. È quindi necessario avviare una prima sessione per mappare l’ambiente e sbloccare tutte le funzionalità. E questo passaggio è particolarmente lungo… In effetti, lo Yeedi fa schifo meticolosamente, mentre altri dispositivi si occupano solo di navigare per salvare la mappa.

Tuttavia, la mancanza di un’opzione multipiano fa perdere punti al robot: senza questa opzione, è impossibile tenere più carte. La navigazione è quindi più rischiosa se inserita in un nuovo ambiente; soprattutto perché lo Yeedi afferma di iniziare la sua corsa dalla sua base a ventosa, che non ne facilita il movimento.

Per quanto riguarda la mappatura stessa, le stanze sono molto ben delineate; è inoltre possibile rinominarli e assegnare ruoli (ufficio, bagno, cucina, ecc.). D’altra parte, il disegno del robot merita maggiore precisione e chiarezza. Capiamo che il blu scuro è il barilotto dello Yeedi, l’azzurro è lo spazio nella stanza e il bianco è le aree che non sono state ancora aspirate.

Per il resto, le funzioni disponibili sono simili a quelle di molti robot aspirapolvere. In particolare abbiamo quattro potenze di aspirazione e tre portate d’acqua. I programmi possono essere impostati per avere il robot aspirapolvere ad orari prestabiliti. È possibile attivare una modalità di “rilevamento moquette”; un altro chiamato “Non disturbare” vieta al robot di passare l’aspirapolvere durante una fascia oraria.

Sono disponibili più impostazioni e opzioni, come i programmi di pulizia.

Sono disponibili più impostazioni e opzioni, come i programmi di pulizia.

Valutazione dell'editore: 4 su 5

Manutenzione

Lo stato di salute delle spazzole e del filtro è dato anche dall’applicazione e permette di tenere d’occhio lo stato di salute del robot. Quando richiesto dall’app, è il momento di pulire i sensori in modo che il robot possa navigare correttamente.

Tuttavia, la pulizia del collettore e del filtro non è delle più intuitive, essendo quest’ultimo particolarmente ben annidato nella vasca. Fortunatamente lo scarico automatico permette di scaglionare le pulizie profonde anche se la procedura è molto rumorosa. La piattaforma si sporca molto rapidamente e quindi richiede un’attenzione particolare.

Yeedi afferma che il sacchetto per la polvere della stazione può contenere fino a 30 giorni di spazzatura.

Yeedi afferma che il sacchetto per la polvere della stazione può contenere fino a 30 giorni di spazzatura.

Infine, abbiamo voluto misurare le capacità di filtraggio del Vac 2 Pro. Per fare questo, spolveriamo 20 g di cacao sul pavimento del nostro laboratorio per farlo aspirare dal robot. Il filtro in schiuma e il filtro HEPA pesavano 29,2 g prima del test e poi 31,4 g dopo l’aspirazione. Se questa differenza sembra piccola, in realtà non lo è. Questa è una quantità abbastanza grande per un dispositivo del genere; consigliamo quindi di risciacquare regolarmente i filtri per non alterare le prestazioni del robot.

Valutazione dell'editore: 3 su 5

Sistema di navigazione

Questa parte era probabilmente quella di cui avevamo più paura. Poiché il robot è dotato di una semplice telecamera – e non di un telemetro laser – la sua navigazione dovrebbe quindi essere più pericolosa, soprattutto al buio.

In pratica, il Vac 2 Pro taglia a metà la stanza e inizia a pulire a zig-zag nel mezzo, dopodiché corre lungo le pareti. Copre bene la superficie da aspirare, ma non è eccessivamente zelante e può fare curve più strette per non perdere alcune zone del terreno.

Supera le sbarre delle sedie, spingendo leggermente contro le tende per aspirare la polvere; cosa rara nel piccolo mondo dei robot aspirapolvere. Il dispositivo non si è bloccato sotto il tavolo, attorno ai cavi e a tutti i tipi di sedie.

Induriamo il test e mettiamo alcuni piccoli oggetti sul suo percorso. Aggira la caffetteria ma rotola sul nostro tappeto e non si ferma in alcun modo davanti al cavo del computer. Risultato così misto!

Durante i nostri test, abbiamo notato che il robot occasionalmente aveva la tendenza a perdersi quando tornava alla sua base. Anche quando lo comandiamo, lo Yeedi rotola ancora e ancora senza essere notato. Deve quindi essere trasportato per appoggiarlo manualmente sulla sua base.

Valutazione dell'editore: 5 su 5

Aspirazione

Mentre il test su terreno duro ha spesso più successo per i robot, questo non è il caso per Yeedi. Risucchia il 93% della spazzatura in modalità standard e il 96% in modalità boost. La spazzola laterale espelle infatti i chicchi di riso sparsi sul pavimento del laboratorio.

Ci sono ancora qualche grammo di segatura sul pavimento.

Ci sono ancora qualche grammo di segatura sul pavimento.

Funziona meglio sui tappeti fini in quanto ha il 96% di aspirazione quando impostato su una potenza media rispetto al 99% alla massima potenza.

Lo Yeedi può eseguire la funzione di lavaggio quando il serbatoio dell'acqua è collegato.

Lo Yeedi può eseguire la funzione di lavaggio quando il serbatoio dell’acqua è collegato.

Nei test su moquette spessa, lo Yeedi supera la nostra media comparativo† Ingoia l’81%, quindi l’88% viene lanciato alla massima potenza. A sua difesa, questa superficie è particolarmente difficile da pulire per i robot aspirapolvere. il Sogna D9 aveva ancora risucchiato l’86% dei rifiuti in modalità standard; ioEcovacs Deebot X1 Turbocattura quasi il 94% in modalità boost.

Viene fornito con un serbatoio d’acqua, lo Yeedi potrebbe lavare il pavimento. Quindi l’abbiamo testato con il protocollo di lavaggio del pavimento del robot. E le prestazioni del Vac 2 Pro sono nella media di quelle osservate in laboratorio su questo tipo di dispositivo. Ci vuole uno sforzo per rimuovere le macchie dal nostro pavimento, ma richiede pazienza. Ecco perché abbiamo scritto un laboratorio di notizie che descrive il test ei risultati.

Lab – Le prestazioni di lavaggio di Yeedi Vac 2 Pro

Punti di forza

  • Buone prestazioni di aspirazione.

  • Aspirapolvere sottile, che può quindi passare facilmente sotto i mobili.

  • Ottima autonomia.

Punti deboli

  • Cattiva gestione degli ostacoli minori.

  • Spargimento dei rifiuti attraverso la spazzola laterale.

  • Qualche problema nel trovare la sua stazione.

Conclusione

segno globale

Valutazione dell'editore: 3 su 5

Come funziona la valutazione?

Yeedi soffia caldo e freddo con il suo Vac 2 Pro. Un maratoneta nella sua categoria, questo robot aspirapolvere si è comportato bene nei test di aspirazione su tutte le superfici. D’altra parte, la sua pericolosa navigazione a volte impedisce al robot di tornare alla sua base. Inoltre, la sua fotocamera non gli consente di rilevare piccoli ostacoli che potrebbe incontrare.

Vita migliore: Jacob ucciderà Kevin dopo Caesar?

Oroscopo giornaliero gratuito Gemelli