in

Renault al via della grande scelta

Sospettavamo che il punteggio non sarebbe stato eccezionale. In un mercato in cui tutti gli attori stanno soffrendo, in cui tutti i produttori stanno soffrendo per la crisi dei semiconduttori, in cui i tempi di consegna si allungano per tutti i marchi, non c’è motivo di Renault fare un’eccezione esplodendo i suoi obiettivi.

Inoltre, il diamante è punito con una doppia pena, in quanto molto direttamente colpito dalla guerra in Ucraina. Le unità produttive russe della sua controllata AvtoVaz è stato chiuso per più di tre settimane, così come lo stabilimento Renault di Mosca. Questo è sufficiente per spingere i numeri per questa primavera in quanto la Russia rappresenta il 18% dei volumi del gruppo.

Fatturato in calo del 2,7%.

Poi sono arrivate le brutte notizie, senza che nessuno si fosse sorpreso. Nel primo trimestre il gruppo Renault ha registrato un calo del fatturato del 17% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Fortunatamente, il fatturato sta limitando il fondo con un calo solo del 2,7%. Grazie CHI? Grazie a Dacia da un lato, perché il marchio low cost resta iperredditizio grazie alla sua politica di sconti zero e al suo scarso entusiasmo per le vendite alle imprese, ancora una volta fonte di sconti.

Qual è esattamente il vantaggio del produttore franco-rumeno? Luca de Meo, citato da Il mondo intende mantenere il mistero, e per una buona ragione. † Non abbiamo mai rivelato i risultati della Dacia: ci vergogniamo a mostrarli insieme a quelli della Renault”. E il direttore generale del gruppo ammette che la sua controllata sta generando margini a due cifre.

Nonostante la sua scarsa valutazione a EuroNcap, il Dacia Jogger dovrebbe essere un successo.
Nonostante la sua scarsa valutazione a EuroNcap, il Dacia Jogger dovrebbe essere un successo.

Solo che questo brutale successo non basta a raddrizzare la casa Renault, così come le buone vendite della gamma e-tech (ClioCatturareMegane e Arkansas) che rappresenta il 36% delle vendite e realizza buoni margini. Quindi, al quartier generale dei diamanti, stiamo seriamente considerando una divisione nel gruppo. In ogni caso, non stiamo più smentendo il progetto.

Il gruppo Renault taglia a metà

Questa manovra consentirebbe la creazione di due entità diverse. Il primo, franco-francese, unirebbe le attività elettriche, mentre il secondo, più internazionale, si occuperebbe delle attività termiche. L’idea alla base di questo progetto è di ricapitalizzare la casa Renault grazie a due società che possono quotarsi in borsa separatamente, e, per la parte termica, eventualmente portare un nuovo partner nella capitale, oppure permettere a Nissan di aumentare le proprie quote.

Questo metodo, tutta la contabilità, non è stato ancora convalidato in alto. Ma è sul tavolo. Procedendo in questo modo, la Renault seguirebbe solo un percorso che lo svedese Volvo trasformando la sua entità elettrica in una controllata stella del Nord† Da parte sua, l’americano Guado si prepara a fare lo stesso, per le stesse ragioni economiche.

Doctor Strange 2: Il multiverso MCU ancora in azione nel nuovo trailer

Investitori immobiliari sotto pressione a causa delle sfide energetiche