in

Renault prevede di trasferire la produzione di Alpine A110 in Inghilterra

Un orgoglio francese che presto non sarà più prodotto in Francia? Secondo fonti a conoscenza del caso, l’Alpine A110 attualmente in produzione a Dieppe, lo storico stabilimento del marchio sportivo francese del gruppo Renault, potrebbe essere prodotta dalla Lotus a Norfolk (Eastern England). Questa mossa avverrebbe durante il rinnovo del modello previsto tra il 2025 e il 2026, che sarà 100% elettrico.

L’ultrasportivo marchio britannico era già stato scelto, in collaborazione con il gruppo francese, per sviluppare il nuovo telaio per la futura “berlinetta” francese, lo storico soprannome dell’Alpine A110. Lotus, filiale del gruppo cinese Geely, ha appena presentato Eletre, un SUV elettrico. È questo modello che dovrebbe consentirgli di garantire la sua transizione elettrica.

Dieppe, cuore pulsante dell’Alpine (Renault)

Altri due modelli realizzati in Francia

Lo stabilimento di Dieppe avrà il compito di produrre un SUV elettrico sempre a marchio Alpine, secondo quanto annunciato il 28 gennaio durante la visita del ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire. La futura Alpine compatta, che sarà una derivata della futura Renault R5, sarà a sua volta prodotta a Douai in Hauts-de-France.

La Renault è stata contattata e si è rifiutata di commentare queste informazioni. Un’altra fonte interna ha ammesso che si trattava effettivamente di un’ipotesi, ma non era stata ancora presa alcuna decisione. Il successore dell’A110 non è previsto prima del 2025, ma la domanda per la sua produzione è già in aumento.

Risorto nel 2012, sotto l’impulso di Carlos Tavares, quando il numero due del gruppo Renault, il marchio Alpine occupa un posto importante nel piano di Renaulution (dal nome della strategia di recupero del gruppo, avviata da Luca de Meo), che punta a forti margini unitari.

Una solida strategia di fascia alta

Il leader italiano ha già dimostrato in passato di essere molto legato a queste strategie di etichetta di fascia alta. Alla Fiat aveva fatto rivivere l’Abarth e alla Seat aveva creato la Cupra. Quando è arrivato in Renault, ha subito visto il potenziale di Alpine di creare valore. Aveva anche annunciato che Alpine ora indosserà i colori del gruppo in Formula 1 per aumentare la notorietà e la legittimità di Alpine. Inoltre, Luca de Meo ha appena lanciato una finitura “Alpine Spirit” sull’Austral, il suo nuovo SUV di segmento C, che sostituirà il Kadjar. L’ambizione qui è quella di rappresentare la finitura di altissima qualità di questo nuovo modello.

Alpine trae il suo capitale Premium dalla storia di un famoso pilota, Jean Rédélé (deceduto nel 2007). Aveva fondato il proprio marchio nel 1955, principalmente per partecipare a raduni automobilistici. Il primo A110 fu prodotto in collaborazione con Renault a Dieppe – da dove proveniva il pilota, tra il 1962 e il 1977 – per un totale di meno di 8.000 unità. La A110 era stata campionessa del mondo di rally nel 1971 e nel 1973.