in

Ribasso in vista in Europa, inflazione e preoccupazioni della Fed persistono – 13/04/2022 alle 07:42

SI PREVEDE LA CADUTA DELLE IMPORTANTI BORSE DI STUDIO EUROPEE

SI PREVEDE LA CADUTA DELLE IMPORTANTI BORSE DI STUDIO EUROPEE

di Marc Angran

PARIGI (Reuters) – Si prevede che i principali mercati azionari europei scendano mercoledì dopo che Wall Street ha chiuso in rosso poiché gli ultimi dati sull’inflazione statunitense non sono stati sufficienti per dissipare definitivamente i timori sull’inasprimento della politica monetaria statunitense.

I futures su indici indicano un calo dello 0,21% per il Dax di Francoforte, dello 0,19% per il FTSE 100 di Londra e dello 0,16% per l’EuroStoxx 50. Il CAC 40 di Parigi potrebbe essere praticamente invariato secondo le prime indicazioni disponibili per l’apertura.

I dati mensili sui prezzi al consumo statunitensi pubblicati martedì hanno portato un breve sollievo ai mercati poiché non ci sono state brutte sorprese, con i dati sull’inflazione core che indicano persino un rallentamento. Ma chiaramente è necessario di più per rassicurare completamente gli investitori sulle intenzioni della Federal Reserve.

Tanto più che alcuni funzionari della Fed continuano a chiedere un rapido rialzo dei tassi, come James Bullard, presidente della filiale regionale di St. Louis: in un’intervista al Financial Times, spiega che le statistiche sui prezzi al consumo indicano che “la Fed è in ritardo dietro e deve agire”.

La sessione della giornata sarà animata, tra l’altro, dai dati sull’inflazione nel Regno Unito, prevista alle 06:00 GMT, da quelli dei prezzi alla produzione negli Stati Uniti, alle 12:30 GMT, quindi alle 14:00 GMT dalla decisione politica della Bank of Canada, che potrebbe essere la prima banca centrale del G7 ad aumentare di mezzo punto il proprio tasso di riferimento.

Anche gli indicatori economici dall’Asia non sono molto incoraggianti: in Cina, le statistiche mensili sul commercio estero mostrano un calo delle importazioni dell’1,7% in un anno misurato in yuan, e in Giappone gli ordini di attrezzature industriali sono diminuiti del 9,8% a febbraio da gennaio, il loro più grande calo mensile in quasi due anni.

A WALL STREET

La Borsa di New York ha chiuso in ribasso martedì dopo aver spazzato via i primi guadagni commerciali poiché la prospettiva di un inasprimento della politica monetaria della Federal Reserve il mese prossimo ha nuovamente pesato sui titoli di crescita e ha sostenuto i rendimenti.

L’indice Dow Jones è sceso dello 0,26% o 87,72 punti a 34.220,36, lo Standard & Poor’s 500 ha perso 15,08 punti o 0,34% a 4.397,45 e il Nasdaq Composite ha perso 40,38 punti (-0,30%) a 13.371,57.

L’inversione di tendenza è stata aiutata dalle dichiarazioni del governatore della Fed Lael Brainard, che ha sottolineato la necessità per la banca centrale di combattere l’inflazione “rapidamente”.

I futures suggeriscono un’apertura di circa lo 0,5% finora.

IN ASIA

Alla Borsa di Tokyo, l’indice Nikkei ha guadagnato l’1,61% meno di un’ora dopo la chiusura, allontanandosi dal minimo di quasi un mese di martedì, a seguito di un calo ritenuto eccessivo da alcuni investitori.

In Cina, lo Shanghai SSE Composite ha perso lo 0,28% e il CSI 300 lo 0,31% poiché i mercati hanno continuato a dubitare della natura delle misure di sostegno al credito e alle imprese che le autorità dovrebbero annunciare nei prossimi mesi, ore o giorni.

VOTA

I rendimenti obbligazionari statunitensi, in forte calo martedì dopo i dati sui prezzi al consumo, sono risaliti nelle prime contrattazioni: il biennale, il più sensibile alle aspettative sui tassi di interesse, è tornato di poco superiore ai due punti base a 2,4056% e il decennale sale a 2. .7481 %.

I CAMBIAMENTI

L’euro rimane afflitto dai timori suscitati dall’impatto della guerra in Ucraina, poiché è tornato al livello più basso dal 7 marzo contro il dollaro a 1,0813 all’inizio della giornata, prima di salire fino a 1,0829. Tuttavia, alla vigilia delle decisioni della Banca centrale europea (BCE), le oscillazioni potrebbero rimanere contenute.

Il dollaro è rimasto pressoché invariato rispetto a un paniere di valute di riferimento (+0,04%).

Da segnalare anche l’apprezzamento del dollaro neozelandese (+0,42%) a seguito del rialzo di mezzo punto deciso dalla banca centrale neozelandese, il più grande dal 2000.

IL PETROLIO

Il prezzo di un barile di petrolio, che ad inizio seduta è salito sopra il dollaro, è ora in leggera discesa, segno che il mercato resta combattuto tra la prospettiva di tensioni nell’offerta in caso di embargo sul greggio russo e per la preoccupazione per la domanda di restrizioni sanitarie in Cina.

Il Brent è sceso dello 0,11% a $ 104,52 al barile e il light crude statunitense (West Texas Intermediate, WTI) è sceso dello 0,27% a $ 100,33.

(Scritto da Marc Angrand)

Florent Pagny che soffre di cancro scoppia in lacrime in diretta tv, i motivi!

prima del Campionato Europeo, la squadra femminile francese convalida il suo biglietto per la Coppa del Mondo 2023