in

Ryanair: annunciati tre giorni di sciopero per la prossima settimana

Incontro fallito questo venerdì tra management e sindacati di Ryanair. Gli equipaggi di cabina hanno annunciato uno sciopero di tre giorni per la prossima settimana.

Tornano tesi i rapporti tra il management di Ryanair e la delegazione sindacale belga. In discussione: Trattative su stipendi e bonus equipaggio di cabina che non hanno ancora portato a un accordo. Il CNE annuncia quindi che i membri dell’equipaggio di cabina Ryanair che lavorano negli aeroporti di Zaventem e Charleroi effettueranno uno sciopero di tre giorni la prossima settimana, da venerdì 22 a domenica 24 aprile. Il CNE è l’unico sindacato attivo in Ryanair.

Ryanair impiega circa 650 persone in Belgio, ma non ha un dipartimento delle risorse umane. †Ryanair si rifiuta di investire nella politica del personale. Le buste paga non sono corrette, gli stipendi non sono pagati correttamente, i documenti sociali non sono in regola, ecc. Ciò crea una fonte permanente di problemi per il personale in Belgioha affermato Didier Lebbe, segretario permanente del CNE.

Il CNE sottolinea inoltre che il 75% dei membri dell’equipaggio di cabina riceve il salario minimo del settore, anche se lavora presto e tardi nei giorni festivi e nei fine settimana. †Tutto questo per un ridicolo importo lordo di 2.000 euro. Mentre Ryanair ha un margine di profitto del 30% a Charleroi, la più grande base del Belgio, e prevede un profitto di 1 miliardo di euro quest’anno, non c’è margine di miglioramento del potere d’acquisto dei lavoratori”.

Ryanair può provare a rompere lo sciopero in diversi modi

Questo venerdì è stato ancora difficile determinare l’impatto per i viaggiatori. I funzionari stanno aspettando che Ryanair si posizioni e comunichi. La compagnia aerea low cost potrebbe utilizzare il personale di bordo in altri paesi. Un’altra opzione: utilizzare e mobilitare aeromobili e personale di altre compagnie, ma appartenenti al gruppo Ryanair. Infine, i voli potrebbero avere punti di partenza diversi rispetto a Bruxelles o Charleroi. Ad esempio, un volo Charleroi-Napoli potrebbe trasformarsi in Manchester-Charleroi-Napoli per cercare di spezzare il movimento di sciopero.

L’ultimo sciopero di Ryanair risale al 2018. All’epoca c’erano quattro giorni di azione, 172 voli sono stati cancellati o ritardati e circa 33.000 passeggeri sono stati colpiti dai disagi.

Amine Harit nei guai?

Note di Mavs – Jazz: Donovan Mitchell non sa chi sia Rudy Gobert