in

Scandalo casa di cura di Orpea: i profitti scendono del 60%, spingendo il gruppo a firmare un accordo con le banche

Il gruppo è stato preso di mira dalla critica dalla pubblicazione, a fine gennaio, del libro investigativo di Victor Castanet “Les Fossoyeurs”, che in particolare denunciava i maltrattamenti dei residenti e l’uso improprio di fondi pubblici.

(AFP/LOIC VENANCE)

(AFP/LOIC VENANCE)

Il gruppo delle case di cura private di Orpea, in fermento dalla pubblicazione di un libro di ricerca a gennaio, ha annunciato venerdì 13 di aver firmato un accordo con le proprie banche per garantirsi i finanziamenti, minacciato da un calo del 60% dell’utile netto. †

Il presente accordo rientra nell’ambito di:

una procedura di conciliazione amichevole”

, per evitare difficoltà, aperto al tribunale commerciale di Nanterre, ha affermato il gruppo in un comunicato stampa. “Questo accordo con le banche risponde all’attuale contesto di incertezza che grava su Orpea, oltre che alla chiusura dell’accesso ai mercati finanziari e al rallentamento inizialmente previsto nel programma di vendita degli asset”, ha spiegato Orpea.

“Costi Straordinari”

Per l’anno in corso Orpea si aspetta “om

costi eccezionali legati alla gestione della crisi e alle sue conseguenze”

† Prevede inoltre che la sua redditività sarà influenzata dall’aumento dell’inflazione, che avrà un impatto sui “costi energetici e salari in alcuni paesi”.

Il gruppo afferma di essere “fiducioso nello slancio di crescita” delle sue vendite nel 2022, ma non ha pubblicato alcuna previsione numerica.

Nel primo trimestre il fatturato è cresciuto del 9%

fino a 1,12 miliardi di euro.

Lo scorso anno l’utile netto è diminuito del 59,3% rispetto al 2020 a 65,2 milioni di euro, principalmente per un accantonamento di 83 milioni di euro “per rischi e oneri relativi a rischi stimati per gli anni 2017-2021 a seguito delle indagini amministrative” a cui il gruppo era soggetto. In questo contesto, non è destinato a pagare un dividendo.

Denuncia dello Stato

Il gruppo è stato criticato dalla critica dalla pubblicazione del libro di ricerca di Victor Castanet “Les Fossoyeurs” a fine gennaio. Il giornalista indipendente ha criticato in particolare il maltrattamento dei residenti e l’abuso di fondi pubblici.

Un rapporto commissionato dal governo durante il processo ha indicato gravi disfunzioni all’inizio di aprile.

citato in giudizio lo Stato

e ha chiesto la restituzione dei sussidi governativi presumibilmente deviati dal loro scopo.

Il gruppo è indagato da fine aprile, aperto a Nanterre, con l’accusa di abusi istituzionali o reati finanziari.

France Identity: l’applicazione di identità digitale del governo entra nella fase di test

Monitoraggio dei valori statunitensi a Wall Street (aggiornato) – 13/05/2022 alle 14:46