in

scopri velocemente i siti più economici.

La Fourche, un negozio online biologico che vende prodotti biologici attraverso una comunità di membri, è molto più avanti dei suoi concorrenti secondo il nuovo DISTRI PRIX Bio Index.

Ma questo DISTRI PRIX è ora accompagnato da un altro indice:

Il DISTRI PRIX Bio, lancia la sua prima edizione per il mese di maggio (a prezzi confrontati dal 1 al 30 aprile). Quando tredici giganti della vendita al dettaglio vengono confrontati nell’indice globale, sette vengono confrontati per i prodotti biologici.

prodotti organici

Ma questo DISTRI PRIX è ora accompagnato da un altro indice:

E il risultato è chiaro. La Fourchette, un sito di vendita online di prodotti biologici, costa il 16% in meno rispetto alla media, afferma Olivier Dauvers.

Conferma il suo slogan i migliori prodotti biologici a prezzi bassi. Tuttavia, dovrebbe essere presa in considerazione la quota annuale di $ 59,90 poiché il sito funziona con una comunità di membri. Alle sue spalle il sito di Green Weez (di cui fa parte intersezione) è a undici punti, mentre Satoriz e Les Comptoirs de la bio sono a quattordici punti.

Un processo accurato

Il prezzo sono più alti nei negozi ancora più noti al grande pubblico, come Biocoop (+16), L’Eau Vive (+17) e soprattutto Naturalia, che è dietro con quasi trenta punti. Per ottenere questa classificazione, il DISTRI PRIX Bio Index si basa sul principio dell’indice di prezzo medio per prodotto. Tutti i prodotti della stessa marca vengono confrontati.

Quindi, per ciascuno di Prodotti selezionato nella prima fase, viene calcolato il prezzo medio di mercato, un prezzo che viene ponderato per il numero di negozi drive-thru in cui viene venduto il prodotto. Questo fornisce un prezzo medio di mercato per ogni punto vendita e per ciascuno Prodotto

Non resta che determinare l’indice del punto vendita prendendo la media degli indici calcolati in precedenza, e si ottiene quindi l’indice finale del negozio. Un totale di 1.400 Prodotti sono stati confrontati per La Fourchette, quasi 3.700 per Green Weez e 2.700 per Satoriz. Ultima in questa classifica, Naturalia ha visto 2.592 dei suoi prodotti studiato

biologico

Perché i francesi acquistano meno prodotti biologici nei supermercati

Se fino ad ora si parlava di rallentamento, i numeri sono adesso Trasparente : è davvero una diminuzione.

Nei supermercati e ipermercati (GMS), le vendite di prodotti di consumo biologici* sono diminuite dell’1,3% nei primi dieci mesi dell’anno, ovvero da gennaio a ottobre 2021secondo i dati Nielsen pubblicati dal sito specializzato Linéaires.

Una performance scadente per un mercato che negli ultimi anni si è abituato a una crescita a una o addirittura a due cifre. Nel periodo le vendite di prodotti alimentari non biologici sono aumentate dello 0,3%. In confronto, le vendite di prodotti biologici sono aumentate del 15,2% da gennaio a ottobre 2020. Un vero schiaffo in faccia.

Allora perché negli ultimi mesi i francesi hanno consumato meno prodotti biologici quando facevano la spesa nei supermercati? La prima spiegazione è la saturazione del mercato: il 98% delle famiglie francesi ora acquista prodotti biologici. Questa cifra era solo del 93% nel 2018, ma si è stabilizzata dal 2020. Il mercato biologico non sta più reclutando tanti nuovi consumatori come prima, il che logicamente rallenta la crescita.

prodotti organici

Un altro indicatore in diminuzione è la frequenza di acquisto, ovvero il numero di volte all’anno che i prodotti biologici vengono acquistati alla cassa: una media di 28 volte l’anno secondo i dati Nielsen.

E non sta aumentando affatto. Negli ultimi anni, questo indicatore ha guadagnato da 2 a 3 punti all’anno.

Se i consumi calano, c’è anche la diversità dell’offerta Qualcosa† Fino a quando aprile Nel 2020 la gamma, ovvero il numero di prodotti biologici offerti in negozio, sarà aumentata in media di circa il 20%. A ottobre 2021 la crescita è scesa a solo +2,5%. meno nuovo Prodotti vengono quindi offerti, con conseguente minor numero di nuove opportunità di acquisto nel negozio.

A causa di questa combinazione di fattori, il peso dei prodotti biologici negli acquisti dei consumatori francesi è diminuito per la prima volta di 0,1 punti. Attualmente rappresenta il 5,1% delle vendite. Questa tendenza è più forte tra le famiglie più modeste: – 0,1 punti e solo il 3,1% del fatturato.

Al contrario, le famiglie più ricche continuano a consumare più prodotti biologici. Questi ultimi hanno rappresentato il 7,4% degli acquisti e sono aumentati di +0,4 punti.

biologico

Questa tendenza dovrebbe confermarsi nei prossimi mesi con un aumento dei prezzi del Prodotti cibo.

Si tratta di Prodotti comunemente consumati, come generi alimentari, latticini, prodotti freschi, liquidi, prodotti per la pulizia e l’igiene.

Call of Duty Warzone: Godzilla e King Kong Land, tutto ciò che devi sapere sull’operazione Monarch

leggero, robusto, ben equipaggiato… farà male