in

Se la Germania boicotta il gas russo, la recessione lo colpirà, affermano 5 istituti di previsione tedeschi

Prospettive cupe per la Germania intrappolata nella trappola inestricabile della sua dipendenza dai combustibili fossili russi: se il paese interromperà la sua fornitura di energia dalla Russia, in particolare di gas, oggi, cadrà in recessione dal prossimo anno, non meno di dire questo mercoledì all’unisono. cinque istituti tedeschi di previsione economica (DIW, IFO, IfW, IWH e RWI).

Questo avvertimento potrebbe dare acqua al mulino di coloro che frenano i quattro ferri, come il cancelliere Olaf Scholz, contro l’adozione di “sanzioni forti”, compresa la cessazione degli acquisti di petrolio e gas, su richiesta del presidente ucraino Volodymyr Zelensky e mentre la Commissione Europea prepara una sesta ondata di sanzioni per rompere la macchina da guerra di Vladimir Putin.

Abbiamo appena imposto pesanti sanzioni alla Russia e ci stiamo preparando per una sesta ondataLo ha affermato il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen durante la sua visita a Kiev venerdì 8 aprile con il capo della diplomazia Josep Borrell.

Ma questo non deve far dimenticare che il rischio di una recessione per la Germania era già molto presente ancor prima che la Russia iniziasse la guerra contro l’Ucraina, e questo, a causa delle molteplici difficoltà nel riavviare lo strumento produttivo minato dall’impatto della pandemia con la disorganizzazione delle catene di approvvigionamento globali. Gli istituti notano generalmente che l’economia tedesca sta “attraversando acque difficili” in un momento in cui la revoca delle restrizioni legate alla pandemia potrebbe aumentare l’attività.

† Leggere: La Germania, l’anello più debole d’Europa

Per la cronaca, tre giorni prima che la Russia prendesse provvedimenti contro il suo vicino ucraino, la situazione economica era già così preoccupante la Bundesbank ha emesso questo avvertimento: dopo un calo dello 0,7% nel quarto trimestre del 2021, la Germania “potrebbe diminuire di nuovo drasticamente a causa della pandemia” da gennaio a marzo 2022, ha scritto nel suo bollettino mensile apparso lunedì 21 febbraio.

La previsione del PIL è scesa al 2,7% nel 2022 (dal 4,8% di prima)

Ricordiamo che tecnicamente una recessione è definita da un calo del PIL per due trimestri consecutivi. E certo, se la “Buba” avesse lasciato un piccolo barlume di speranza allora – al condizionale – quella crescita “accelerare di nuovo in primavera”, questo è evaporato con l’invasione dell’Ucraina.

Questo mercoledì, in un primo scenario “centrale”, che tiene conto delle conseguenze della guerra in Ucraina con conflitto in corso e sanzioni ma senza tener conto della cessazione delle forniture di gas, i cinque istituti di previsione hanno abbassato sensibilmente le proprie previsioni di crescita per 2022, ora previsto al 2,7%, in aumento rispetto a una stima del 4,8% di ottobre. Ciò si traduce anche in un tasso di inflazione previsto del 6,1% quest’anno. Ed entro il 2023, si aspettano che il PIL salga al 3,1%.

Fermare le importazioni di gas russe, uno scenario cupo

In uno “scenario alternativo”, i cinque organismi di previsione hanno calcolato quale sarebbe lo sviluppo economico se l’approvvigionamento russo di gas naturale e petrolio si interrompesse – cioè immediatamente – da metà aprile.

In questo caso si tratta di una “brutale recessione” nel 2023 che colpirebbe la Germania: l’economia tedesca potrebbe contrarsi del 2,2% e l’inflazione potrebbe salire al 7,3%, ovvero “il valore più alto dalla fondazione della Repubblica Federale”

Il calo del PIL dovrebbe essere del 5% nel secondo trimestre del 2023, prima che l’economia si riprenda alla fine dell’anno. Questa perdita di PIL ammonterebbe a 220 miliardi di euro per il 2022 e il 2023, l’equivalente del 6,5% delle attività annuali, specificano.

Un nodo gordiano

Berlino, che prima della guerra forniva oltre il 55% dalla Russia, ha già ridotto questa quota al 40%, ma nonostante diversi passaggi resta ipotizzabile trovare altri fornitori che consentano di sopperire alle quantità mancanti ed entro scadenze soddisfacenti .

† Leggere: Gas: i paesi esportatori devono limitare i loro aiuti all’Europa

A livello politico, il possibile embargo sul gas russo è stato per diverse settimane oggetto di accese discussioni tra gli Stati membri dell’UE, con Berlino come uno dei principali oppositori di un’immediata cessazione delle importazioni, ritenendo che la pace economica e sociale in Germania a palo.

Per il momento, la Germania non pensa di poter fare a meno del gas russo prima della metà del 2024 e ha attivato a fine marzo il primo livello del suo piano di emergenza per garantire gli approvvigionamenti di gas naturale di fronte alla minaccia di un stop alle forniture russe.

† Leggere: Il rifiuto di pagare in rubli minaccia l’approvvigionamento di gas russo, la Germania avvia un piano di emergenza

Difficile risveglio per la Germania, che misura la vulnerabilità della sua economia

Nel complesso, la guerra russa in Ucraina ha davvero messo in luce la fragilità dell’economia tedesca.

Perché oltre alla dipendenza dal carbone, petrolio e gas russi, più volte citata da Berlino per essersi opposta al divieto di importazione di gas dalla Russia nell’UE, questa guerra ha rivelato un’altra dipendenza, legata anche al modello dell’export : quello relativo alla Cina.

In quanto paese esportatore, la Germania è infatti il ​​partner economico più importante della Cina. Nel 2021 sono stati scambiati tra i due Paesi oltre 245 miliardi di euro, con un incremento del 15,1% rispetto all’anno precedente, caratterizzato dal Covid-19.

Tuttavia, comincia a formarsi una consapevolezza tra gli industriali tedeschi, la metà dei quali, secondo uno studio pubblicato a marzo, sarebbe disposta a ridurre le importazioni di prodotti dalla Cina per motivi etici. La guerra in Ucraina ha sollevato interrogativi sui legami commerciali di Berlino con altri paesi accusati di violazioni dei diritti umani, come la Cina.

Il 6 aprile, in un’intervista al quotidiano Die ZeitIl ministro delle finanze tedesco Christian Lindner (anche leader del partito liberale FDP), preoccupato per la “forte dipendenza economica” della Germania dalla Cina, ha invitato gli industriali tedeschi a “diversificare” i partner commerciali del Paese in un contesto di tensioni internazionali esacerbate dalla guerra in Ucraina.

“Forse ora è il momento di preferire fare affari con persone che non sono solo partner commerciali, ma vogliono anche essere partner dal punto di vista dei valori”, ha affermato Christian Lindner.

(con AFP e Reuters)