in

Sifonamento, perdite dai serbatoi… Come i professionisti cercano di limitare i furti di carburante

Domenica sera, un uomo di 44 anni, sconosciuto alla polizia, è stato sorpreso a sifonare macchine in un cantiere edile nel quartiere Minimes di Tolosa† Aveva già caricato due lattine piene nella sua macchina e altre quattro erano pronte per essere riempite. Questo ladro di carburante operato da solo. Non le due squadre sorprese dieci giorni fa, la stessa notte e nello stesso settore dell’Oncopole. I sei detenuti sono stati dotati di elettropompe per velocizzare l’operazione e non hanno esitato a perforare le cisterne, soprattutto quelle di un’autobetoniera.

Per quanto riguarda i tre uomini che sono stati colti in flagrante dai gendarmi in una compagnia di autotrasporti a Merville a fine marzo, non erano lì per un semplice sollievo. Avevano già riempito una ventina di taniche e si preparavano a portare con sé 280 litri di benzina. Alla fine sono stati pagati a caro prezzo perché sono stati condannati sulla scia di una pena detentiva sospesa di sei mesi.

“Un punto di vigilanza”

Quindi, l’aumento del carburante è accompagnato da un aumento del sifonaggio? “In ogni caso, è un punto di vigilanza perché vediamo dei furti qua e là, non necessariamente nei grandi magazzini custoditi ma in alcuni cantieri, di notte o tra mezzogiorno e le due”, spiega Julien Blanc-Galéra, il capo delle pubbliche relazioni della Federazione Regionale dei Lavori Pubblici (FRTP). Quest’ultimo ha anche scritto due settimane fa al prefetto regionale per richiamare la sua attenzione sul problema e avvertirlo che i professionisti potrebbero essere portati a chiedere l’aiuto delle forze dell’ordine.

“Il furto di carburante è un problema ricorrente, ma è esacerbato dall’aumento dei prezzi. È necessariamente più redditizio trasferire un camion che un’auto”, sottolinea Jérôme Bessière, rappresentante nel Midi-Pirenei della Federazione nazionale dei trasporti su strada (FNTR). Il gestore riconosce che sarebbe molto difficile quantificare il fenomeno e “l’entità del danno”. Ma osserva che la vigilanza è organizzata. “Non è raro in questi giorni che i vettori geograficamente distanti tra loro si raggiungano invece di lasciare i loro camion in un’area di sosta durante la notte”.

Mutuo soccorso e illuminazione stradale

Il “Sistema D” funziona anche nei lavori pubblici. I riflessi si sviluppano nei cantieri. “Alcuni stanno moltiplicando i rifornimenti di benzina per non lasciare i serbatoi pieni. Altri hanno le macchine poste sotto un lampione, dove una folla sarebbe più facilmente individuata dai residenti locali. Caso per caso”, spiega Julien Blanc-Galera.

I professionisti possono anche vigilare sulle forze dell’ordine. I gendarmi pattugliano parcheggi e parcheggi per ricordare ai conducenti “le istruzioni di sicurezza di base”. I loro arbitri di sicurezza consigliano alle aziende i giusti riflessi.

Ci sono anche tappi di sicurezza per i serbatoi. Ma secondo i professionisti, sono usati raramente. Perché i ladri sono testardi e finiscono per sfondare i carri armati. “A volte è meglio perdere un grande serbatoio che fermare un camion per le riparazioni”, afferma Jérôme Bessière.

Xbox: Mario arriva su console in un nuovo (e terribile) gioco

Lille: un campione in carica l’unità… – Voetbal